Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Burbock chiede un segnale chiaro contro Putin alle Nazioni Unite

Burbock chiede un segnale chiaro contro Putin alle Nazioni Unite

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite chiede il ritiro della Russia dall’Ucraina

Il ministro degli Esteri Annalina Berbock (Verdi) interviene alla sessione straordinaria di emergenza dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.  L'Assemblea generale delle Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite stanno tenendo sessioni speciali presso la sede delle Nazioni Unite a New York per celebrare l'anniversario dell'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina.

Il ministro degli Esteri Annalina Berbock (Verdi) interviene alla sessione straordinaria di emergenza dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite stanno tenendo sessioni speciali presso la sede delle Nazioni Unite a New York per celebrare l’anniversario dell’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina.

Nell’anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina, la comunità internazionale ha nuovamente invitato il presidente Vladimir Putin a ritirare le sue forze a larga maggioranza. 141 dei 193 Stati membri dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite hanno votato giovedì a favore di una risoluzione simile. Il voto nel massimo organo delle Nazioni Unite è visto come una prova dello stato d’animo globale sulla guerra di aggressione della Russia. Il ministro degli Esteri Annalina Berbock (Verdi) è intervenuto prima del voto a New York e ha chiesto di inviare un segnale chiaro alla Russia.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Oltre alle 32 astensioni, sei paesi, vale a dire Bielorussia, Corea del Nord, Eritrea, Mali, Nicaragua e Siria, hanno votato contro la bozza di risoluzione insieme a Mosca.

+++ Tutte le ultime notizie sulla guerra in Ucraina nel live blog +++

La risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite include la richiesta di pace e il ritiro di Mosca. Il progetto ribadisce una serie di posizioni precedentemente concordate della Commissione e prevede, tra l’altro, la salvaguardia dell’integrità territoriale dell’Ucraina. Kiev ei suoi sostenitori hanno seguito risultati di voto simili dello scorso anno con oltre 140 voti “sì”. Con l’ovvio risultato, vogliono contrastare l’impressione che ci sia stanchezza per la guerra e un sostegno fatiscente per l’Ucraina in alcune parti del mondo.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

A marzo, poco dopo l’inizio della guerra, il Consiglio ha respinto l’invasione russa con 141 voti su 193. A ottobre, 143 paesi hanno condannato l’annessione illegale dell’Ucraina da parte di Mosca. Come nelle votazioni precedenti, giovedì Cina e India, due potenti paesi con una popolazione complessiva di circa 2,8 miliardi, si sono astenuti. Paesi importanti Brasile, Turchia e Arabia Saudita hanno votato a favore del disegno di legge, mentre Sudafrica e Iran si sono astenuti. Mentre quasi tutti i paesi sudamericani erano d’accordo, un certo numero di paesi africani si è nuovamente astenuto.

Burbock: “È un voto su tutto il nostro futuro”

In precedenza, il ministro degli Esteri Annalina Berbock aveva esortato la comunità internazionale ad accettare una risoluzione che avrebbe posto fine alla guerra di aggressione della Russia. Vogliamo che questa guerra finisca. “Vogliamo la pace”, ha detto giovedì il politico verde in una sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite in occasione dell’anniversario dell’invasione russa. Tutte le nazioni ora hanno la possibilità di fare la loro parte per la pace quando la risoluzione sarà votata. “Oggi ognuno di noi deve prendere una decisione: stare da solo con l’oppressore o stare insieme per la pace”, ha detto Burbock. “È un voto su tutto il nostro futuro”.

Il presidente russo Vladimir Putin ha iniziato la guerra il 24 febbraio 2022. Berbock ha confermato che il piano di pace era contenuto nella Carta delle Nazioni Unite. La Russia deve ritirare le sue forze dall’Ucraina. La Russia deve smettere di bombardare. La Russia ha chiesto di tornare alla Carta delle Nazioni Unite.

Ognuno di noi qui oggi ha l’opportunità di contribuire a questo piano di pace. Dicendo all’aggressore che deve fermarsi.” Il voto sulla risoluzione introdotta dall’Ucraina deve chiarire che “non c’è pace quando l’aggressore ordina semplicemente alla sua vittima di arrendersi”. E che non c’è pace quando l’aggressore viene ricompensato per la sua “violenza brutale”. Invece, significa semplicemente “Più sofferenza”.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Burbock chiede un tribunale internazionale speciale per la guerra contro l’Ucraina

“Sosteniamo il desiderio dell’Ucraina di creare un tribunale speciale per i crimini di aggressione russa”, ha detto Berbuk.

Nel suo discorso, Barbock ha scritto della vita quotidiana nella città di Kharkiv, che era stata oggetto di critiche particolari dall’inizio della guerra. Ci vogliono 45 secondi per raggiungere i missili lanciati in Russia. Questo è esattamente il tempo di cui le persone hanno bisogno per mettere in salvo se stessi e i propri figli. “Contare fino a 45 è diventato parte della vita lì”, ha detto il politico verde. Una situazione difficile da sopportare.

Berbock ha anche respinto le critiche alle consegne di armi tedesche e occidentali all’Ucraina: ha affermato che il governo federale preferirebbe investire tempo e denaro nell’istruzione, nella giustizia sociale e nella lotta alla crisi climatica. Il ministro degli Esteri ha detto che questa guerra non è stata né voluta né scelta. Ma: “Se la Russia smette di combattere, questa guerra finirà. Se l’Ucraina smette di combattere, sarà la fine dell’Ucraina”. E le “ferite aperte” causate da fame, inflazione e mancanza di energia non possono rimarginarsi.

La Russia critica le spedizioni di armi occidentali

Mercoledì l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite Wassily Nepensga ha criticato la Germania e altri paesi occidentali per le consegne di armi, accusandoli di motivazioni simili a quelle della seconda guerra mondiale. “Questa è una guerra, come lo era 80 anni fa, che coinvolge un nemico potente e infido che vuole impossessarsi del nostro paese e sottometterci”, ha detto Nepencia. Tra l’altro, l’Occidente vuole provocare la fine della Russia armando l’Ucraina. “I carri armati tedeschi uccideranno di nuovo i russi”, ha detto Nepencia.

Il rappresentante della Cina alle Nazioni Unite, Dai Bing, ha dichiarato giovedì a New York che le spedizioni di armi non porteranno alla pace, ma alimenteranno solo la guerra. Non ha presentato all’Ucraina il tanto atteso piano di pace di Pechino, ma ha chiesto l’allentamento del conflitto. “La massima priorità è facilitare un cessate il fuoco e un’immediata cessazione delle ostilità”, ha affermato Ping. Dovrebbero esserci di nuovo colloqui diretti tra Mosca e Kiev il prima possibile.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

FILE - 25 FEBBRAIO 2021, BERLINO: Bruno Kahl, capo del Federal Intelligence Service (BND), guarda nella fotocamera del fotografo durante un'intervista con un giornalista dell'agenzia di stampa dpa.  (a dpa "Richieste del capo del BND: smettila di respingere i nostri avvertimenti come

Capo dell’intelligence: “È una guerra di logoramento crudele e brutale”

Il capo del Federal Intelligence Service, Bruno Kahl, parla in un’intervista esclusiva con il RND delle scoperte del BND sui piani di Putin e della minaccia di spionaggio dalla Cina. Cale descrive anche perché si trovava a Kiev il giorno dell’attacco russo e come è fuggito dalla città.

Questo il testo della risoluzione Onu

Dietro le quinte delle Nazioni Unite, negli ultimi mesi sono in corso discussioni sul significato di una risoluzione nell’anniversario dell’invasione. Secondo fonti delle Nazioni Unite, l’Ucraina stava lavorando a risoluzioni che delineano un tribunale per i crimini di guerra e un testo che tradurrebbe un piano di pace in dieci punti per il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un documento delle Nazioni Unite. Entrambe le idee sono state infine abbandonate per una votazione prevista per giovedì.

Il testo ora disponibile contiene formulazioni alquanto vaghe sulla fine della guerra: il raggiungimento di una pace globale, che è necessaria, “contribuirebbe in modo significativo al rafforzamento della pace mondiale e della sicurezza internazionale”, afferma il testo. Chiede inoltre un pieno scambio di prigionieri di guerra e sottolinea la necessità di ritenere responsabili i responsabili dei più gravi crimini di guerra.

Mercoledì il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha raggiunto un bilancio pessimista riguardo alla visione di un percorso verso la pace: “Nell’ultimo anno non solo abbiamo visto aumentare la sofferenza e la distruzione, ma è diventato sempre più chiaro quanto tutto potrebbe peggiorare” possibile. Le conseguenze della spirale del conflitto pongono un pericolo chiaro e diretto. Da allora abbiamo sentito minacce implicite di usare armi nucleari. Il cosiddetto uso tattico delle armi nucleari è totalmente inaccettabile”.

rnd/jst/dpa