Febbraio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bruxelles approva un finanziamento di 450 milioni di euro – EURACTIV.de

Bruxelles approva un finanziamento di 450 milioni di euro – EURACTIV.de

La Commissione Europea ha dato il via libera all’Italia per un progetto da 450 milioni di euro per promuovere la produzione integrata di idrogeno ed energia rinnovabile nei siti dismessi.

Finanziata nell’ambito del Piano nazionale di ripresa dell’Italia, la misura mira a promuovere la transizione dell’Italia verso un’economia a emissioni zero, in linea con il Green Deal europeo.

“Questo progetto da 450 milioni di euro aiuterà l’Italia ad accelerare lo sviluppo della capacità di idrogeno rinnovabile in linea con la strategia dell’idrogeno dell’UE”, ha affermato il vicepresidente dell’UE Margrethe Vestager.

“Questa mossa aiuterà l’Italia a ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili importati, in linea con il programma RePowerEu, garantendo al contempo che eventuali distorsioni della concorrenza siano ridotte al minimo”, ha aggiunto.

All’inizio dell’anno, Confindustria Energia, ramo di Confindustria, la principale associazione delle imprese italiane dell’industria e dei servizi, ha chiesto una revisione del piano nazionale di riforma. Progetto REPowerEU.

Da quando il primo ministro Giorgia Meloni è salito al potere a settembre, Roma ha cercato di attuarlo.

Meloni ha inizialmente chiesto a Bruxelles di rivedere il REPowerEU italiano alla luce della mutata situazione geopolitica e delle nuove esigenze di approvvigionamento energetico.

Tuttavia, i cambiamenti in atto e le difficoltà di fondo, dovute principalmente al deficit strutturale della pubblica amministrazione italiana, hanno determinato un rallentamento nell’attuazione del programma nazionale di riforma, che la Commissione UE non ritiene preoccupante.

“Finora la Commissione ha valutato positivamente i progressi dell’Italia nell’attuazione del piano di ripresa. Ovviamente è fondamentale che il piano continui ad essere attuato in modo rapido ed efficace, sia in termini di riforme che di investimenti”, ha affermato un portavoce di la Commissione Ue.

“Attualmente, l’attuazione del progetto è sulla buona strada. Stiamo attualmente esaminando la terza richiesta di pagamento e abbiamo deciso di estendere ulteriormente il periodo di rinnovo. Forniremo la valutazione di questa richiesta di pagamento entro la fine di aprile”, ha aggiunto, aggiungendo che assorbire i fondi e trasformarli in “prodotti utili sul campo” è una priorità, ha insistito.

Riferendosi alle preoccupazioni dell’Italia per gli stanziamenti finanziari, Meloni ha parlato di “cautela ristrutturazione” dell’opposizione, che ha invitato il ministro per gli Affari europei Raffaele Fito a presentare in parlamento il documento del PNR e spiegare le difficoltà che hanno portato al ritardo.

“Non sono preoccupato per i ritardi del PNR, stiamo lavorando molto. Non sono ottimista per la rischiosa ricostruzione”, ha detto il presidente del Consiglio Meloni al Vinitali a Verona.

“Non penso alla possibilità di perdere risorse, ma piuttosto di utilizzarle efficacemente sul campo”, ha concluso Meloni.

L’Italia si scrolla di dosso miliardi dal fondo di stimolo economico Ue

La Corte dei Conti italiana ha riscontrato ritardi negli investimenti relativi al Programma Nazionale di Riforma (PNR). Il premier Giorgia Meloni ha chiesto a Bruxelles un rinvio dal 2026 al 2029.