Brutte cose con Emma Stone: se è cinema femminista, lo è

Date:

Share post:

Ersilia Toscani
Ersilia Toscani
"Tipico pioniere della birra. Appassionato del web adatto agli hipster. Fanatico dell'alcol certificato. Amante di Internet. Amante degli zombi incredibilmente umile."

Dotthat è una famiglia patchwork degna di questo nome, composta dalla bellissima Bella, D. Godwin Baxter così come l'uomo misogino del castello che finisce per schiamazzare come una gallina pazza (o sta tosando come una pecora pazza? Facile confondersi qui). Nessuno è imparentato tra loro, ma sembrano tutti diversi. Ciò non significa che le loro caratteristiche siano simili; Lo stesso bisturi viene utilizzato durante la sua seconda nascita, dal capofamiglia esperto in chirurgia, interpretato da Willem Dafoe.

I film, in generale, sono animali delicati, come possiamo ammirare in Poor Things di Giorgos Lanthimos, costruito grazie ai sogni sfrenati e ai risultati tecnici di dozzine di artigiani. Si macina e si tira, si scrive e si volteggia, si coreografa e si fanno smorfie, e alla fine un miraggio lampeggia sullo schermo che ha abbandonato tutto ciò che è fisico e invece, nella migliore delle ipotesi, perseguita il pubblico per sempre.

Lanthimos lo sa bene come chiunque altro. Il cinema greco è sempre stato surreale, fantastico, estremo e tuttavia profondamente umano. “L'uccisione del cervo sacro”, “L'aragosta” e più recentemente “La favorita” sono le frecce più famose della sua faretra, che come missili termocontrollati colpiscono il cuore del pubblico su percorsi tortuosi e precisi. Fata Morgana, frecce, missili a ricerca: se sembra un pasticcio metaforico, è solo perché si adatta perfettamente a questo film, che alla fine è esattamente questo: una metafora assemblata a casaccio composta da una vasta gamma di componenti. Le “povere cose” camminano letteralmente sui cadaveri e non fanno prigionieri.

Onde cattive, cieli luminosi: Emma Stone in “Poor Things”

Fonte: per gentile concessione di Searchlight Pictures © 2023 20th Century Studios Tutti i diritti riservati

Al centro c'è Emma Stone. Interpreta il suicidio nella scena iniziale, i cui resti vengono trovati sul tavolo dell'autopsia di un dottore pazzo. Frankenstein arriva e Dafoe lo ritrae esilarante e diabolico sotto molto trucco e protesi. La donna morta porta un bambino nel ventre, che il medico usa per fargli da madre, apparentemente per ragioni scientifiche. Questa straordinaria creatura ibrida, spinta tra le generazioni come in un'infinita sala di specchi, viene poi rianimata utilizzando scosse elettriche, proprio come il mostro nel romanzo di Mary Shelley. Una tabula rasa. Un bambino deve prima imparare a camminare e parlare. La telecamera di Robbie Ryan segue le loro avventure prima attraverso il labirinto, poi attraverso la Londra vittoriana Steampunk con un obiettivo fisheye e in bianco e nero.

Il film qui dura solo 20 minuti, ma hai già molte opportunità per chiederti: che tipo di macchina è questa, metà carrozza trainata da cavalli e metà motore a vapore? E creature mitiche della mitologia greca, metà uomo, metà cavallo o metà leone e metà aquila, corrono qui sotto forma di animali da fattoria rimpiccioliti, metà pollo, metà maiale o qualcosa del genere. C'è vapore ovunque, il marciapiede è bagnato e tutto brilla, bolle, bolle e prima o poi scoppia.

Poi Lanthimos si dedica al colore, in modo così estensivo da far temere che la scorta annuale di Technicolor sia esaurita e che tutti i film futuri scompaiano a mani vuote. Il cielo è così pieno di colori dell'arcobaleno che ti senti come se fossi in fiore quando lo guardi. Inoltre, in caso di dubbio, il transatlantico barcolla su onde cattive, preannunciando una tempesta perfetta che, come sappiamo, cattura tutto nel suo mirino. Bella è fuggita da tempo, dal casto abbraccio del suo devoto fidanzato Max McCandless (Rami Youssef) al letto dello squallido avvocato Duncan Wedderburn, che ondeggia con la sprezzatura più perversa di Mark Ruffalo. L'ha rapita, cosa sicuramente poco carina e, soprattutto, poco altruista. Ma la prigione protettiva che Baxter e McCandless costruirono per la loro creatura era, nella migliore delle ipotesi, ben intenzionata.

Leggi anche

Noble: Il mondo sta finendo: Mike White è a casa

Bella scopre il mondo. Dal primo “Da-Da” alla lettura critica di Emerson non passa molto tempo. Wedderburn intende sedurre la bella testa del bambino, ma Bella rimane subito affascinata dai “violenti rimbalzi” in direzione orizzontale al punto che il non più giovane rimane presto senza fiato. Mentre lui riprendeva ancora fiato, lei filosofeggiava a lungo sulla questione sociale. Il patriarcato è stato messo da parte semplicemente perché il suo valore di intrattenimento è limitato. Come fanno i ricchi qui a godersi la ricchezza radicale del colore, indossando gonne arruffate e parrucche incipriate, mentre in fondo alla scala sociale, saturi di seppia, i poveri soffrono?

Lanthimos riversa l’archetipo del malcontento socialista in un paesaggio surreale, la cui ingiustizia è quasi fisicamente dolorosa. I clienti abituali di Wedderburn non potevano fare a meno di balbettare in modo imbarazzante e ipocrita. La bambina illuminata Bella gli dice che ora devono separarsi e che ora vede chiaramente; La convergenza elettiva era solo un’illusione passeggera. Poi l'uomo piange: è stressato, distrutto e devastato dalla donna. In ogni caso, è dipendente dal suo corpo astrale. Tuttavia, questa emozione è estranea alla nuova donna. Attende con ansia un mondo migliore con passione, ma senza pregiudizi.

Guida per viaggiare in Europa

Abbiamo ormai completato il nostro viaggio verso Lisbona e siamo arrivati ​​a Parigi. Oltre a mille altre cose – un pamphlet contro la sessualità repressa, un manifesto per la liberazione della donna e così via – Poor Things è anche una guida di viaggio attraverso la meravigliosa Europa. Ai Golden Globe Awards, il film è stato nominato sette volte e ha vinto due volte come miglior film commedia e come migliore attrice in una commedia. Ma avrebbe potuto facilmente vincere in termini di scenografia, costumi e cinematografia. Potrebbe ancora succedere agli Oscar. Nel complesso, la “Barbie” di Greta Gerwig è probabilmente fortunata a competere nella stessa stagione di premi di “Poor Things”, perché Lanthimos ha semplicemente realizzato la “Barbie” migliore: più pazza, più selvaggia, più coraggiosa, più complessa, più sfumata e semplice. Assolutamente e più grande ovunque.

Dopo

Dopo “Hard Jump”: Emma Stone

Fonte: per gentile concessione di Searchlight Pictures © 2023 20th Century Studios Tutti i diritti riservati

Tuttavia, non tutto è tutto rose e fiori. Anche qui c'è il problema del ricatto emotivo e politico di Barbie. La brutale premessa secondo cui il mondo sarebbe un posto migliore se solo le donne fossero al potere e che la stupida mascolinità e il persistente narcisismo siano uno spreco di denaro non è più convincente qui. Tuttavia, questa volta non costituisce il cuore e lo scopo del film, ma serve semplicemente come impalcatura su cui si basa brillantemente la ginnastica. Non bisogna prendere troppo sul serio il lato zelante dell'agitazione; Dopotutto, dietro questo trito progetto femminista ci sono due uomini, oltre a Lanthimos e al suo sceneggiatore, Tony McNamara, autore anche di La Favorita. E se guardi da vicino, c'è un terzo uomo, perché Poor Things è un adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Alasdair Gray del 1992, l'apice del postmodernismo. A quel tempo, Gray decise di dipingere “Frankenstein” con colori vivaci nello stile di Pynchon o Rushdie. Ciò che il romanzo e il film hanno in comune con il suo predecessore premoderno è che il mostro risulta essere di gran lunga il personaggio più umano, mentre gli uomini, pietrificati dall’immoralità patriarcale, hanno molto più bisogno di una lobotomia.

Ma puoi rilassarti come Emma Stone e goderti Bad Things non tanto per le sue tesi quanto per i valori dello show. Quando si tratta di attenzione ai dettagli, design di livello mondiale e gesti giganteschi, nessuno può batterlo facilmente. È il cinema del mondo reale. Un film greco ha una sceneggiatura australiana basata su un romanzo inglese, gli americani interpretano i ruoli principali e si interseca con l'Europa, Constanza Makras, che vive a Berlino, coreografa la folle coreografia, e persino Hanna Schigula ha una grande apparizione come ospite come se stessa. vedova deprecante. “Poor Things” è l'equivalente cinematografico della consapevolezza che il cibo dei poveri ha un sapore migliore.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l'interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell'articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...