Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bronchite prolungata: conoscere i sintomi tipici

Bronchite prolungata: conoscere i sintomi tipici

La bronchite spesso inizia come una tosse comune, ma può rapidamente trasformarsi in una malattia grave. Quali segnali di allarme dovresti cercare?

Un'infezione da raffreddore di solito inizia con starnuti, prurito alla gola e tosse secca. Ma i virus possono causare danni molto maggiori: la bronchite può svilupparsi a causa della tosse. Se la malattia non viene curata completamente, può esserci il rischio di ulteriori infezioni o infiammazioni dei polmoni e del muscolo cardiaco.

Leggi il testo per scoprire quali sono le cause della bronchite, quando è comune e a quali sintomi prestare attenzione.

Cosa può causare la bronchite

La bronchite acuta è una delle malattie respiratorie più comuni. Infiammazione della mucosa che riveste i bronchi. Il bronco è un prolungamento della trachea. All'estremità inferiore, questo si divide in due sezioni bronchiali principali, che trasportano l'aria inspirata ai polmoni.

Se la causa della malattia sono i virus, le secrezioni sono generalmente bianche. Ma i batteri possono anche causare la bronchite. Quindi la flemma è solitamente di colore giallo verdastro. Inoltre, si verifica un aumento del rumore respiratorio e del dolore quando si tossisce.

Sintomi tipici della bronchite acuta in sintesi:

– Tosse (dapprima secca, poi accompagnata da catarro)
– Sensazione di bruciore dietro lo sterno quando si tossisce
– Mal di gola e difficoltà a deglutire
– Sussulta
– Febbre
– mal di testa
– dolori muscolari

Bronchite prolungata: quali sono i sintomi tipici?

La bronchite tardiva si manifesta con gli stessi sintomi della forma acuta, ma in una forma più debole. Più a lungo la malattia dura o non viene curata completamente, maggiore è la possibilità di sviluppare malattie secondarie.

Ad esempio, il rischio della cosiddetta superinfezione aumenta se la bronchite dura più di dieci giorni. Oltre alle infezioni virali, si verificano infezioni batteriche. La mucosa bronchiale infiammata diventa sempre più tesa, il che può portare a mancanza di respiro. Anche altri sintomi della bronchite possono peggiorare. In questo caso, dovresti assolutamente consultare un medico.

Queste malattie pericolose minacciano

La polmonite derivante da bronchite è particolarmente insidiosa e pericolosa. In molti casi la malattia si presenta solo con sintomi lievi e viene quindi spesso diagnosticata tardivamente. Questi includono soprattutto febbre da lieve a moderata e tosse lieve, ma senza brividi.

La pleurite può verificarsi anche come malattia secondaria. Tuttavia, è considerato meno pericoloso. I sintomi tipici includono:

  • dolore durante l'inalazione,
  • Febbre,
  • tosse forte,
  • Mancanza di respiro e
  • Una sensazione generale di malattia.

Bronchite prolungata: rappresenta un rischio anche per il cuore

Se il corpo è già debole a causa della bronchite e la bronchite persiste per molto tempo, i batteri possono diffondersi ulteriormente e colpire anche il cuore. Il risultato è solitamente la miocardite. I bambini, quelli con malattie preesistenti e gli anziani sono particolarmente a rischio perché hanno un sistema immunitario più debole.

dopo un po

La mancanza di respiro e palpitazioni cardiache o vacillamenti indicano miocardite. Tuttavia, la miocardite non è sempre evidente. Se non trattata, la malattia può portare a pericolose aritmie e, nei casi peggiori, alla morte cardiaca improvvisa.

Che può fornire sollievo dalla bronchite

Un antibiotico può aiutare a trattare la bronchite batterica. Ma come regola generale, se si soffre di bronchite acuta è sufficiente bere molto. Questo fluido scioglie le secrezioni dai bronchi in modo che possano essere espulse tossendo. Anche il riposo e il sonno sono importanti. I bloccanti della tosse e gli antitosse possono avere un effetto di supporto. I bloccanti combattono la voglia di tossire e i sedativi della tosse aiutano a sciogliere il muco. Tuttavia, aiutano solo se bevi molto e in modo costante.

Se la tosse non scompare al massimo dopo due settimane, dovresti assolutamente consultare un medico. Può anche essere alla base di altre malattie come la tubercolosi, i tumori o danni ai tessuti polmonari dovuti a sostanze irritanti.