Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Battaglie della regione russa di Belgorod: attacchi ai nervi di Mosca

Battaglie della regione russa di Belgorod: attacchi ai nervi di Mosca
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

da: Dmitry Dornev

Nella regione di confine russa di Belgorod, le forze d’assalto ucraine catturano tre villaggi e si scontrano con l’esercito russo.

FRANCOFORTE – Martedì la situazione è rimasta poco chiara. Vyacheslav Gladkov, governatore della regione russa di confine di Belgorod, ha affermato che la “sgombero del terreno” continua, 12 civili sono rimasti feriti e 29 case e tre auto sono state danneggiate. Il ministero della Difesa russo ha affermato che gli invasori sono stati “messi fuori legge e distrutti”, i loro resti sono stati restituiti oltre confine e “70 terroristi ucraini” sono stati uccisi.

I blogger militari russi hanno scritto delle feroci e tutt’altro che decisive battaglie nell’area di Grayvoron. “Entro 24 ore, Khokhli (russo per ucraini) si è stabilito in due villaggi”, ha scritto il canale Rybar Telegram. “Proiettili di artiglieria e carri armati stanno sparando da lì.” Secondo Ribar, martedì il nemico ha ricevuto rinforzi dall’Ucraina. Un altro gruppo di raid ha raggiunto il confine vicino al villaggio di Shchetinovkoi e le forze armate russe sono state coinvolte nei combattimenti.

Prima dell’alba di lunedì, forze d’urto motorizzate e di carri armati dall’Ucraina si sono spinte per diversi chilometri nel territorio russo vicino a Grayvoron e hanno occupato almeno tre villaggi. Si sono fatti dei selfie davanti ai cartelli con i toponimi e si sono presentati come combattenti della Legione della Russia Libera e della Legione dei Volontari Russi, composta da cittadini russi.

Ad aprile, Belgorod è già sotto i riflettori: un’enorme esplosione fatta esplodere da un caccia russo scuote la città. La signorina lascia un buco enorme. © Belgorod

“Grande preoccupazione”: improvvisamente scoppiarono combattimenti a Belgorod

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha espresso “estrema preoccupazione”. I progressi hanno assicurato che “i militanti ucraini continuano le loro attività contro il nostro Paese”. C’era un evidente tumulto nel pubblico patriottico per la guerra. Il nazionalista veterano Igor Strelkov ha testimoniato che gli ucraini si erano trincerati vicino al villaggio di Kosenka e al posto di frontiera di Gravoron e intendevano mantenere le loro posizioni il più a lungo possibile. Il nemico inizia il suo contrattacco con tali manovre diversive.

“Ora deve solo aspettare che il comando russo, per motivi di prestigio, sia costretto a gettare riserve in questa sezione operativamente senza speranza”. Secondo il portale “Ukrainskaya Pravda”, il corpo “Russia libera” ha detto martedì pomeriggio che la “liberazione della regione di Belgorod” continua.

In effetti, l’attacco sembra colpire anche il prestigio e l’umore del Cremlino in Russia. A Kiev non è ancora certo che la loro grande offensiva sia imminente. Ma i fantastici attacchi a sorpresa contro la Russia vanno avanti da settimane. All’inizio di maggio, due droni da combattimento hanno colpito la cupola del Cremlino con precisione millimetrica, rovinando la parata militare di Vladimir Putin il 9 maggio sulla Piazza Rossa. E a metà del mese, gli ucraini hanno abbattuto due aerei da combattimento russi e due elicotteri di scorta, sempre sopra la regione di Belgorod.

Scontri a Belgorod: sembra che i partigiani russi siano in azione

Il numero crescente di russi che si informano non dalla televisione di Stato, ma da YouTube o dai portali dell’esilio, testimoniano sempre più che il “nemico” mostra maggiore zelo per l’azione e audacia. Tuttavia, da parte russa, le forti controversie tra il capo mercenario Yevgeny Prigozhin e il Ministero della Difesa stanno facendo notizia. Lunedì ha scherzato dicendo che il Dipartimento della Difesa non può attaccare ed è quindi un Dipartimento della Difesa.

Kiev sta anche trollando Mosca. “L’Ucraina segue con interesse gli eventi nella regione di Belgorod, ma non c’entra niente”, ha twittato il consigliere presidenziale Mikhail Podolak. “È noto che puoi acquistare carri armati in qualsiasi negozio militare russo.” riferendosi alla famosa affermazione di Vladimir Putin nel 2014 secondo cui i soldati russi in Crimea sono gruppi indigeni e che le uniformi russe possono essere acquistate in qualsiasi negozio militare. Ora la propaganda ucraina sta ridendo da parte sua.