Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aziende tecnologiche statunitensi in movimento: “Diventeranno seri quando Apple lascerà la Cina”

Le aziende tecnologiche americane sono in declino
“Le cose si faranno serie quando Apple lascerà la Cina”.

Le società tecnologiche sono rigorosamente regolamentate in Cina. La censura rigorosa colpisce in particolare i social network. Di conseguenza, sempre più aziende americane lasciano il mercato cinese. L’esperto cinese Luchel racconta a ntv.de chi soffre particolarmente di questo sconto e quali sono le aziende a rischio.

ntv.de: In Cina esiste una rigida censura su Internet. Ecco perché Facebook non è nato da lì, i servizi di Google non sono stati disponibili per molto tempo, LinkedIn ha recentemente chiuso la sua piattaforma e ora il veterano di Internet Yahoo si sta ritirando. Non c’è limite all’immigrazione di servizi Internet statunitensi dalla Cina?

Horst Lochelle: In termini di social network, mi aspetto davvero che più aziende straniere si ritirino dal mercato cinese. Proprio perché le disposizioni normative sono state nuovamente inasprite di recente – e questo è del tutto indipendente dalle restrizioni già in vigore prima. In particolare, per le società di social media statunitensi, ora è difficile garantire le proprie prestazioni ai clienti cinesi.

Come sono le normative attuali?

Le piattaforme online in Cina – e non solo quelle straniere – sono obbligate a mettere a disposizione delle autorità i dati degli utenti cinesi su richiesta e a bloccare o rimuovere contenuti relativi ad argomenti politicamente sensibili che sono conosciuti e vietati nel Paese.

Le condizioni sono peggiorate sotto il governo di Xi Jinping?

Sig. Dott. Horst Loeschel è capo del Centro sino-tedesco presso la Scuola di finanza e management di Francoforte.

In generale, le normative sono state inasprite in molti settori. Quest’estate in particolare, c’è stato un forte inasprimento, soprattutto nell’area del mercato dei capitali, se si pensa alle IPO cessate di Ant Group e Didi, ad esempio. Sì, fare affari in Cina non è mai stato così facile.

Qual è la prossima azienda tecnologica globale che potrebbe annunciare il suo ritiro dalla Cina?

Dare un nome a un’azienda è difficile. Ma non mi aspetto che le società straniere high-tech o online si ritirino dalla Cina. Dopotutto, Apple è ben rappresentata nel mercato cinese. Le autorità cinesi tendono a concentrarsi maggiormente sui social media, che consentono il libero scambio di opinioni secondo gli standard occidentali. Non vuoi perdere il controllo della regola dell’opinione. Finché le aziende si concentrano su altre aree, la Cina non ha interesse a cacciarle dai propri mercati. Ma al contrario.

Per quanto tempo i servizi online internazionali possono continuare a funzionare nel mercato cinese rigorosamente regolamentato?

È difficile da dire. Tuttavia, in entrambi i casi, va notato che con il servizio di messaggistica Wechat e la piattaforma di trading Alibaba, le aziende cinesi dominano il mercato dei social media in Cina. Sia Yahoo che Linkedin erano particolarmente importanti per i cinesi quando volevano comunicare con persone al di fuori della Cina. All’interno del paese, la maggior parte delle attività è comunque gestita da fornitori di servizi cinesi. A questo proposito, la perdita delle aziende americane non sarà troppo grande. A seconda della loro presenza nel mercato cinese, non lo sono.

Quali sono i rischi per le aziende internazionali se non aderiscono alle linee guida di Pechino?

Perdere l’accesso al più grande mercato di beni di consumo del mondo. In Cina, le persone acquistano più online di qualsiasi altro paese al mondo. Circa il 30 percento di tutti i beni di consumo viene ora prodotto online. Anche i gruppi di età media e senior hanno un’elevata propensione per la tecnologia. Se l’azienda non è rappresentata qui, è esclusa dai corrispondenti consumatori e opportunità di business.

Fino a che punto l’obbedienza frettolosa è diventata parte della vita quotidiana delle aziende tecnologiche globali in Cina?

Ogni azienda deve decidere da sola fino a che punto vuole adattarsi. In Cina, la fortuna incombe. Per questo può valere la pena fare delle concessioni. In entrambi i casi, non è compito delle aziende avviare cambiamenti politici. Qui è dove viene richiesta la politica. Mi sembra piuttosto ingenuo pensare che il cambiamento politico possa essere ottenuto ritirandosi dalla Cina.

Sembra che alcune aziende occidentali non siano più disposte ad accettarlo.

Ebbene, stiamo parlando di social network che si ritirano per questi motivi. O forse il business di Linkedin e Yahoo in Cina non ha avuto successo economico. Certamente non avevano una grande quota di mercato. In ogni caso, Apple e altre società tecnologiche attualmente non stanno facendo alcun passo per lasciare il mercato cinese. È molto redditizio per questo.

Freni le leggi azienda nel tuo paese? O le aziende cinesi ne stanno approfittando?

Le aziende cinesi si stanno adeguando ai requisiti normativi. Non credo che questo danneggerà un social network come Wechat. Si tratta principalmente di scambi privati ​​e acquisti online, non di discussioni politiche.

Quali sono le conseguenze del ritiro delle imprese globali sull’economia cinese?

Naturalmente, il mercato cinese sta diventando meno internazionale ad ogni ritiro. Tuttavia, la proporzione di società straniere in Cina è relativamente bassa nel confronto globale. Altrimenti, non avrà un impatto economico sulla Cina. Diventa pericoloso, ad esempio, solo se Apple o Starbucks – se rimaniamo con le società statunitensi – affermano che ci stiamo ritirando dal mercato cinese.

Ma in generale la Cina non è ancora in alcun modo costretta ad assorbire aziende occidentali per non uscire dal mercato cinese?

Questo dipende dal mercato. Certamente non nel regno dei social media. Ma le aziende straniere dell’industria high-tech sono ovviamente benvenute perché aiutano la Cina a diventare un paese industriale avanzato alla pari degli Stati Uniti e dell’Europa. La Cina vuole tornare in cima al mondo, come era in Occidente prima della Rivoluzione Industriale.

Julian Kieper ha parlato con Horst Loeschl

READ  Black Friday 2021 su Amazon & Co.: queste offerte stanno arrivando