Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aumento del rischio di infarto dopo l’infezione da corona, anche con cicli di luce

Una donna misura la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.

Una donna misura la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.
Getty Images / Ake Ngiamsanguan

I nuovi studi ne hanno uno rapporto speculare Ha dimostrato che il rischio di infarto dopo l’infezione da corona può durare per un anno o forse più a lungo.

Anche le persone sane che non hanno malattie preesistenti possono essere colpite. L’aumento del rischio di infarto si applica anche alle persone che hanno subito sessioni di allenamento leggero.

I primi studi inediti suggeriscono che le vaccinazioni riducono i rischi, ma non li eliminano del tutto.

È noto da tempo nella comunità medica che malattie virali come l’influenza possono portare brevemente a problemi cardiaci. Secondo gli studi, il Covid-19 attacca non solo i polmoni, ma anche il cuore. Da nuovi studi si può rapporto speculare Secondo loro, però, hanno tratto conclusioni allarmanti: secondo questo, il rischio di infarto dopo il contagio da corona dovrebbe persistere per un anno o forse più. Anche le persone sane che non hanno malattie preesistenti possono essere colpite.

Ad esempio, i medici di Singapore sono stati recentemente esposti a una serie allarmante di casi Pubblicato in Annali. Circa tre delle vittime di infarto erano relativamente giovani, non fumavano, non avevano la pressione alta e non avevano il diabete. MA: I tre uomini non avevano sintomi nella primavera del 2020, secondo un test anticorpale infezione da corona virus “La nostra serie di casi suggerisce che un infarto miocardico pericoloso per la vita può verificarsi inaspettatamente in pazienti sani dopo l’infezione asintomatica da Covid-19”, hanno scritto gli esperti.

Leggi anche

Numerosi studi confermano che i rischi di varie malattie cardiovascolari come infarto, insufficienza cardiaca, arresto cardiaco improvviso, aritmia e danni al tessuto muscolare cardiaco aumentano significativamente nell’anno successivo all’infezione da corona. Un’inchiesta pubblicata a febbraio sulla rivista “Medicina naturale” Ha rivelato che nell’anno successivo all’infortunio si sono verificati in media 45 casi aggiuntivi di malattie cardiovascolari ogni 1.000 persone colpite. La metà di loro ha gravi complicazioni come attacchi di cuore.

Si presume che un decorso moderato non protegga dalle malattie cardiache

Un team di ricerca dell’Ohio e dell’Oregon, che ha esaminato da vicino 1.355 persone guarite, ha anche scoperto che non faceva differenza se l’infezione fosse grave o lieve e il rischio si applica a tutti coloro che sono stati infettati. Il rischio cardiaco non dipende dalla gravità della malattia. Secondo gli autori Studio “Medicina Naturale”Il Covid-19 colpisce anche molti più organi dell’influenza. Sono in corso ricerche attive sulla gravità delle infezioni cardiache. “È possibile che un virus persistente nel corpo o resti virali causino un’infiammazione cronica”, ha affermato Ziad Al-Aly, chief research officer del VA Saint Louis Health Care System e autore principale, “che a sua volta può danneggiare le pareti interne di navi”. lo studio. Ma anche la morte delle cellule del muscolo cardiaco, i disturbi della coagulazione e i processi autoimmuni possono avere un effetto.

Tuttavia, la base degli studi era costituita quasi esclusivamente da persone non vaccinate. Al momento non è chiaro se i vaccini riducano il rischio di attacchi di cuore a causa della mancanza di dati. Ma ci sono indicazioni preliminari che le vaccinazioni hanno anche qui un effetto protettivo. “Abbiamo studi che non sono stati ancora pubblicati ufficialmente”, afferma Al-Ali. “Questi studi indicano che la vaccinazione riduce il rischio, ma non può ridurlo completamente”.

Sono necessarie ulteriori ricerche su come la mutazione omicron, attualmente in circolazione, più lieve colpisce il cuore. Ma poiché, secondo gli studi, un decorso moderato non sembra proteggere dalle malattie cardiache, i ricercatori sollecitano una maggiore cautela. Le conseguenze a lungo termine dell’infezione da Covid-19 devono essere prese più seriamente in politica di quanto non sia stato finora.

Leggi anche

LH

READ  Le misure corona hanno anche ucciso un tipo di influenza