Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Attacchi di panico – 5 consigli per le emergenze

Attacchi di panico – 5 consigli per le emergenze
  1. 24vita
  2. spirito

Il 10 ottobre è ogni anno la Giornata mondiale della salute mentale. I disturbi d’ansia sono le malattie mentali più frequentemente diagnosticate in Germania. Anche tu ne sei affetto?

Lo stress può essere una buona cosa. Il nostro corpo viene messo in uno stato di allerta, consentendo reazioni più rapide. Lo stress è un vantaggio anche in situazioni di esame: il cervello lavora più velocemente e con maggiore concentrazione e aumentano le possibilità di riuscire a ricordare materiale imparato molto tempo fa. A breve termine, lo stress non è dannoso per il corpo. Le cose sembrano diverse quando diventa cronica. Disturbi del sonno, irritabilità, irrequietezza nervosa e mal di schiena sono possibili segnali che non ti stai rilassando abbastanza.

Lo stress cronico favorisce anche una serie di malattie mentali. Questi vengono sempre più diagnosticati. Questo è quanto emerge dal post Compagnia di assicurazione sanitaria commerciale KKH, Quale Dalla prima metà del 2022 alla prima metà del 2023, le assenze per malattie mentali sono aumentate dell’85%, un dato mai registrato nel recente passato. Depressione, disturbi dell’adattamento e disturbi d’ansia: sempre più dipendenti prendono congedi per malattia a causa di malattie mentali.

Disturbi d’ansia: aiuto immediato per gli attacchi di panico – Cinque consigli efficaci per le situazioni di emergenza

I problemi mentali non sono rari. Molte persone soffrono di depressione, disturbi d’ansia o altre malattie mentali. © Andrej Popov/Imago

I disturbi d’ansia sono la forma più comune di malattia mentale tra tutti i segmenti della popolazione. Esempi di ciò includono attacchi di panico o paura di ampi spazi. Ma ci sono modi per ridurre il rischio di sviluppare disturbi d’ansia e agire immediatamente in situazioni di emergenza. Secondo quanto ha pubblicato AOK Baden-Württemberg In tali situazioni, le persone colpite possono agire come segue e fornire così assistenza immediata a se stesse:

  1. Parla con te stesso: Per ridurre i sentimenti di ansia nelle situazioni acute, aiuta a calmarsi con pensieri e frasi rilassanti. Quindi dì a te stesso qualcosa del tipo: “Va bene se ho un attacco di panico. Non sono solo in questo. Anche altre persone si sentono così”.
  2. Radicalmente accettato: Se accetti il ​​tuo attacco di panico, crei spazio per il cambiamento. L’accettazione radicale inizialmente calma la situazione perché non devi più combatterla.
  3. Fai esercizi di respirazione: Se una persona va nel panico, il suo respiro diventa automaticamente più superficiale. Tuttavia, inspirare ed espirare profondamente può calmarti. Ad esempio, la tecnica 4-6-8 può essere utile: inspira per quattro secondi, trattieni il respiro per sei secondi, quindi espira per otto secondi.
  4. Si distraeAnche la distrazione può aiutare in caso di attacco di panico. Pertanto, concentrati su altre cose, ad esempio il conto alla rovescia o la lettura di oggetti visivi di un certo colore.
  5. Kit di emergenza per attacchi di panico: Questa borsa o scatola dovrebbe contenere cose che possano farti uscire dalla forte sensazione di ansia e regolare lo stress. A questo scopo sono adatti ad esempio musica piacevole, un odore gradevole o leggeri stimoli dolorosi tirando e rilasciando un elastico sul polso. Queste cose possono riportarti nella situazione, metterti nel presente e mettere in prospettiva il fattore scatenante che invia il segnale di paura.

Puoi trovare argomenti più interessanti sulla salute nella nostra newsletter gratuita, alla quale puoi iscriverti qui.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non può rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.