Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Attacchi contro più di 100 obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza

Attacchi contro più di 100 obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza
  1. Home page
  2. Politica

Nella Striscia di Gaza i combattimenti sono attualmente concentrati nel centro e nel sud. Il segretario di Stato americano Blinken si reca in Medio Oriente. Ticker delle notizie.

  • esercito Mettere Attacchi Ho continuato: L'esercito israeliano ha annunciato attacchi contro più di 100 obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza
  • Israele attacco Gaza centrale e meridionale: Colpire diversi obiettivi di Hamas
  • Attacco aereo contro Hizb allah: Israele uccide altri quattro membri di Hezbollah
  • Le informazioni qui elaborate riguardano la guerra in Israele e nella Striscia di Gaza Provengono da media e agenzie di stampa locali e internazionali. Molte delle informazioni non possono essere verificate in modo indipendente. Manteniamo la trasparenza anche in questi casi.

Aggiornato dal 5 gennaio, ore 9:00: Mentre l'esercito israeliano continua la guerra a Gaza, il governo discute del futuro della zona costiera. Il ministro della Difesa Yoav Galant ritiene che i palestinesi saranno responsabili dopo la fine della guerra. “Non ci sarà più presenza civile israeliana a Gaza una volta raggiunti gli obiettivi di guerra”, ha detto Gallant. Alcuni ministri di estrema destra si erano precedentemente espressi a favore del reinsediamento in Israele dopo la fine della guerra. Germania, Francia e Stati Uniti hanno fortemente criticato queste affermazioni. Secondo Gallant, i partiti palestinesi locali che non sono ostili a Israele devono controllare i territori palestinesi. Ha lasciato aperta la questione su chi potessero essere esattamente gli attori.

Guerra israeliana: l'esercito ha annunciato attacchi contro più di 100 obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza

Aggiornamento del 5 gennaio, ore 8:30: Secondo il Posta di Gerusalemme L'esercito israeliano continua le sue operazioni contro Hamas e altri gruppi terroristici palestinesi nel sud della Striscia di Gaza. L'esercito israeliano ha annunciato venerdì mattina in un comunicato che le forze israeliane hanno attaccato più di 100 obiettivi in ​​tutta la Striscia di Gaza dall'aria, dalla terra e dal mare nelle ultime 24 ore.

Secondo quanto riferito, le forze israeliane hanno anche distrutto diverse installazioni militari di Hamas, depositi di armi e altre infrastrutture utilizzate dal terrorismo. Al momento le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Conflitto in Medio Oriente - Striscia di Gaza
Un elicottero Apache israeliano lancia un missile verso la Striscia di Gaza. © Ariel Shalit/DPA

Sviluppi nella guerra israeliana: Blinken in missione in Medio Oriente

Aggiornamento del 4 gennaio, 20:40: Il segretario di Stato americano Antony Blinken vuole visitare Israele, la Cisgiordania e cinque paesi arabi nel suo quarto viaggio in Medio Oriente dall'inizio della guerra di Gaza all'inizio di ottobre. Sono previste soste in Egitto, Giordania, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, ha detto giovedì il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller. Sono previste anche visite in Turchia e in Grecia.

Durante i suoi precedenti viaggi in Medio Oriente, Blinken aveva già visitato diversi paesi arabi oltre a Israele nel tentativo di disinnescare la guerra a Gaza. Giovedì il massimo diplomatico americano avrebbe voluto fare un altro viaggio nella regione. Il volo in realtà era stato annunciato mercoledì, ma il governo americano inizialmente aveva individuato solo Israele come destinazione specifica.

Paura di una conflagrazione in Medio Oriente: si tratta di “evitare l’escalation”

Miller ha annunciato che il Segretario di Stato discuterà durante la sua visita su come prevenire l'espansione del conflitto tra Israele e il movimento islamico estremista palestinese Hamas. Si tratterà di come i diversi partiti potranno intraprendere “misure specifiche” e usare la loro influenza per “evitare un’escalation”.

I timori di un incendio nell'area sono stati recentemente alimentati dall'attentato in Iran che ha ucciso 84 persone sulla tomba di un generale militare e dall'uccisione del vice capo di Hamas Saleh al-Arouri in un attacco di droni ampiamente attribuito a Israele in un sobborgo di Libano. La capitale, Beirut. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano ha sottolineato che “non è nell'interesse di nessuno – né di Israele, né della regione, né del mondo – che questo conflitto si espanda oltre la Striscia di Gaza”.

L'esercito israeliano ha terminato le sue operazioni nel campo profughi di Nour Shams

Aggiornamento del 4 gennaio, 19:44: L'esercito israeliano ha annunciato di aver terminato il raid nel campo profughi di Nour Shams a Tulkarem, a nord-ovest della Cisgiordania, dopo più di 40 ore. Giovedì l'esercito ha annunciato l'arresto di 11 persone nel corso di un'operazione antiterrorismo. Le accuse esatte contro di loro non sono state rivelate.

Pertanto, centinaia di sospetti sono stati interrogati. Le forze israeliane hanno anche confiscato armi e distrutto ordigni esplosivi. Secondo le informazioni, le forze israeliane hanno anche trovato un edificio carico di bombe al piano terra che si dice contenga un asilo gestito dall'organizzazione umanitaria palestinese UNRWA. Inizialmente non era possibile verificare in modo indipendente le informazioni.

Le forze di occupazione israeliane hanno provocato una massiccia distruzione nel campo profughi di Nour Shams

Secondo l'esercito, due soldati sono rimasti feriti dai frammenti di un ordigno esplosivo. I terroristi hanno lanciato esplosivi contro le forze israeliane e hanno anche aperto il fuoco sui soldati. L'esercito li ha attaccati anche dal cielo. Secondo le informazioni sono stati distrutti anche due impianti di produzione di esplosivi nel campo. Sono stati perquisiti centinaia di edifici.

Secondo resoconti palestinesi, diverse persone sono state ferite dalle forze israeliane durante le interviste. Interrogato, l'esercito ha detto che stava indagando sulle accuse. I media e testimoni oculari hanno riferito che l'esercito ha lasciato grandi distruzioni nel campo.

Sembra che il leader di Hamas Saleh Al-Arouri sia stato ucciso in Libano

Aggiornamento del 4 gennaio, ore 18:30: Secondo ambienti della milizia Hezbollah, il leader di Hamas Saleh al-Arouri è stato ucciso in Libano in un appartamento utilizzato da tempo da Hamas come ufficio. Fonti della sicurezza libanesi hanno affermato che l'edificio è stato utilizzato meno frequentemente per un po', ma è stato utilizzato di nuovo frequentemente di recente.

Al-Arouri, vicedirettore dell'ufficio politico del movimento Hamas, è stato ucciso martedì sera nel sobborgo meridionale della capitale libanese Beirut da Israele, che dall'attacco di Hamas conduce una guerra contro il movimento islamico palestinese. 7 ottobre.

Hamas e Hezbollah accusano Israele dell'uccisione di Al-Arouri

I servizi di sicurezza libanesi hanno anche affermato che droni da ricognizione israeliani erano già stati avvistati nell'area degli uffici martedì mattina.

Hamas e Hezbollah accusano Israele dell'uccisione di Al-Arouri. L'esercito israeliano finora ha rifiutato di commentare le notizie di uccisioni mirate. In totale, sette membri di Hamas e i suoi alleati sono rimasti uccisi nell'attacco.

“Hai il diritto di tornare in patria” – critica Israele l'Alto Commissario per i diritti umani

Aggiornamento del 4 gennaio, 17:05: L’Alto Commissario per i Diritti Umani, Volker Türk, ha condannato le dichiarazioni dei ministri israeliani riguardo alla possibile espulsione di massa dei palestinesi dalla Striscia di Gaza, definendole “profondamente inquietanti”. Il rappresentante delle Nazioni Unite Türk ha osservato giovedì su X (ex Twitter) che l'85% della popolazione all'interno dei territori palestinesi è già sfollata. Ha sottolineato che “hai il diritto di tornare in patria”. Türk ha affermato che il diritto internazionale vieta il trasferimento forzato e la deportazione di persone protette da e verso i territori occupati.

I due ministri israeliani di estrema destra, Itamar Ben Gvir e Bezalel Smotrich, si erano espressi a favore del ritorno della popolazione israeliana nella Striscia di Gaza dopo la guerra contro Hamas. Ben Gvir ha detto lunedì che la guerra è stata un'opportunità per promuovere “il reinsediamento degli abitanti di Gaza”. Smotrich ha detto domenica che se Israele fa le cose bene, ci sarà un esodo di massa dei palestinesi “e vivremo nella Striscia di Gaza”. Oltre a Türk, anche il governo federale e i governi di Stati Uniti e Francia hanno espresso aspre critiche.

Aggiornamento del 4 gennaio, 15:35: L'esercito israeliano ha liquidato un comandante di alto rango del movimento della Jihad islamica nella Striscia di Gaza. Lo ha annunciato l'esercito in un comunicato. Mamdouh Al-Lulu, leader e assistente del movimento della Jihad islamica, è stato ucciso in un attacco aereo. È stato descritto come una “figura centrale” all'interno dell'organizzazione che “ha lanciato e condotto numerosi attacchi terroristici”.

La guerra in Israele: continua la lotta con Hamas

Aggiornamento del 4 gennaio, 13:30: L'esercito israeliano afferma che la Brigata Kiriyat e la 55a Brigata paracadutisti sono ancora impegnate nei combattimenti con i militanti di Hamas nel sud di Gaza. Molti militanti sono stati uccisi e la struttura di controllo di Hamas nella città di Khan Yunis è stata danneggiata. Di conseguenza, i combattenti di Hamas non sono più in grado di effettuare attacchi su larga scala contro i soldati israeliani. Nella stessa zona, durante la guerra israeliana, fu distrutto un tunnel, uccidendo fino a 20 membri di Hamas. Altri cinque membri dell'élite – la forza d'élite di Hamas – sono fuggiti dal tunnel e in seguito si sono arresi.

Aggiornamento del 4 gennaio, 12:15: Secondo l'esercito israeliano, le milizie Hezbollah nel Libano meridionale hanno lanciato ancora una volta diversi missili anticarro contro Israele. Ha aggiunto che in risposta, un posto di guardia di Hezbollah e le sue infrastrutture nella zona sono stati sottoposti ad un attacco aereo. Successivamente è stata presa di mira un'unità anticarro di Hezbollah.

Israel News: L'esercito penetra più profondamente nella Striscia di Gaza

Primo rapporto per il 4 gennaio: GAZA CITY/BEIRUT – Con l'obiettivo di distruggere completamente Hamas, l'esercito israeliano sta penetrando più profondamente nella Striscia di Gaza palestinese. Inizialmente, l’attacco è stato in gran parte effettuato dopo il sanguinoso attacco del 7 ottobre nel nord della Striscia di Gaza. I combattimenti hanno ormai raggiunto anche il centro e il sud di Gaza.

Israel News: Attacchi dell'esercito al centro e al sud di Gaza: colpiti diversi obiettivi di Hamas

Aerei d'occupazione israeliani hanno distrutto un deposito di armi appartenente al movimento Hamas nella città di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza. Lo ha annunciato l'esercito israeliano. Inoltre, durante la guerra in Israele, i riservisti della Brigata Kiryati hanno segnalato tre membri di Hamas che avevano piazzato una bomba vicino ai soldati. Ha aggiunto che gli aerei da combattimento successivamente hanno ucciso loro e due attivisti di Hamas che si nascondevano in una casa vicina.

Le operazioni aeree nella guerra d'Israele furono dirette anche contro le unità anticarro di Hamas. Il gruppo palestinese pubblica ripetutamente filmati di queste unità che mostrano unità terroristiche che prendono di mira carri armati israeliani e altri veicoli con proiettili “Yassin” autoprodotti. L'esercito israeliano ha detto che un missile è stato lanciato contro un carro armato della 7a Brigata Corazzata nel sud della Striscia di Gaza. La cellula dietro l'attacco è stata successivamente neutralizzata. Un'unità anticarro è stata colpita anche a Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza.

Attacco aereo israeliano contro Hezbollah: uccisi altri quattro militanti

Nel frattempo, nella notte, aerei da combattimento israeliani hanno effettuato un altro attacco aereo contro le milizie Hezbollah in Libano. Il gruppo ha affermato che quattro combattenti risultano dispersi in un attacco aereo israeliano nel sud del paese. Si è scoperto che uno dei membri di Hezbollah uccisi era Hussein Yazbek, un importante leader di Hezbollah in Libano. L'attacco è avvenuto poche ore dopo l'attacco aereo che ha ucciso Saleh Al-Arouri, alto funzionario di Hamas, nella capitale libanese, Beirut. (parlare con i materiali dell'agenzia)