Ottobre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Arabia Saudita: prima della gara di Formula 1 – una palla di fuoco su Jeddah e un deposito di petrolio in fiamme

Gli sport Arabia Saudita

Prima delle gare di Formula 1 – una palla di fuoco su Jeddah, un deposito di petrolio in fiamme

Il fuoco e il fumo si sono alzati nei cieli di Jeddah venerdì pomeriggio e il deposito petrolifero di Aramco in fiamme ha chiuso il cielo

Il fuoco e il fumo si sono alzati nei cieli di Jeddah venerdì pomeriggio e il deposito petrolifero di Aramco in fiamme ha chiuso il cielo

Fonte: Associated Press/Hasan Ammar

La Formula 1 è in visita in Arabia Saudita questo fine settimana. Durante la pratica di oggi, si è verificata una massiccia esplosione nel sito di Jeddah. Si dice che sia stato un attacco. Le borse reagiscono all’aumento del prezzo del petrolio.

meUn’esplosione è esplosa vicino al circuito di Jeddah in Arabia Saudita, sede del Gran Premio di Formula 1 di domenica. Secondo i media, i sostenitori dei ribelli Houthi dello Yemen hanno distrutto l’edificio della compagnia petrolifera statale Saudi Aramco. Una palla di fuoco e una grande colonna di fumo si vedono sopra la città dell’Arabia Saudita. Il magazzino è a dodici chilometri di binari. “Stiamo aspettando maggiori informazioni dalle autorità su quanto accaduto”, ha detto. Formula 1 Venerdì con scene pericolose.

Arabia Saudita e Aramco non hanno immediatamente confermato l’incendio. La televisione di stato saudita in seguito ha affermato che i ribelli Houthi avevano lanciato una “operazione ostile” vicino a Gedda. Lo stesso deposito di carburante che gli Houthi stavano attaccando nei giorni scorsi sembrava essere in fiamme.

Questo pomeriggio, gli Houthi hanno confermato la loro responsabilità per l’attacco. Un portavoce dei ribelli ha detto che l’impianto petrolifero di Jeddah è stato attaccato da missili e altre raffinerie a Ras Tanura e Rabigh con droni. Le borse hanno risposto alle segnalazioni di aumento dei prezzi del petrolio.

La coalizione militare guidata dai sauditi nella guerra civile yemenita ha intercettato nove droni carichi di ordigni esplosivi che si dice siano stati lanciati dagli Houthi verso il sud, l’est e il centro del regno, secondo un servizio televisivo di venerdì.

Deviazione del traffico aereo attraverso Jeddah

Nello Yemen, Arabia Saudita e Iran, in lizza per l’egemonia regionale, stanno combattendo una guerra per procura. Mentre l’Iran sostiene i ribelli sciiti Houthi, l’Arabia Saudita guida un gruppo di stati del Golfo di tendenza sunnita nella lotta contro questi ribelli. Pertanto, l’Arabia Saudita sostiene il governo yemenita riconosciuto a livello internazionale di Abd Rabbuh Mansour Hadi, che i ribelli Houthi hanno espulso dalla capitale, Sanaa, nel 2014.

Qui troverai i contenuti di Twitter

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Il traffico aereo su Jeddah è stato immediatamente dirottato venerdì, ma per il momento le operazioni sull’autodromo non sono state sospese. Dopo la prima sessione di allenamento per i piloti di Formula 1, le vetture di Formula 2 sono scese in pista come previsto. Il personale ha anche svolto le normali attività sul ring. C’era odore di benzina bruciata ovunque.

La seconda sessione di allenamento per il Gran Premio dell’Arabia Saudita è iniziata in tarda serata a soli 15 minuti dalla fine. Prima della partenza si è tenuto un incontro con tutti i piloti ei capisquadra. Ci dovrebbe essere una “dichiarazione ufficiale su come garantire la sicurezza”, ha poi affermato su Sky TV Helmut Marko, direttore della Red Bull Motorsport. L’austriaco ha aggiunto che se la sicurezza può essere garantita per il resto del weekend del Gran Premio, “dovremmo guidare”.

Questo non sarebbe il primo attacco degli Houthi durante un evento sportivo in Arabia Saudita. È stato solo alla fine di febbraio 2021 che un attacco missilistico ribelle alla capitale, Riyadh, è stato respinto quando la Formula E, la controparte elettrica della Formula 1, ha tenuto lì le prime due gare della stagione.

Leggi anche

Totò Lupo

READ  Olympiacos Pireo - Friburgo 0:3! Friburgo festeggia la seconda battuta sull'euro | Gli sport