Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Aprire il prima possibile”: l’Italia revoca lo stato di emergenza entro fine marzo

“Apri il prima possibile”
L’Italia revoca lo stato di emergenza entro fine marzo

All’inizio dell’epidemia di corona, l’Italia era uno dei paesi più colpiti al mondo. Lo stato di emergenza dovrebbe cessare entro la fine di marzo. Il primo ministro Drake vuole rimuovere tutte le restrizioni il prima possibile. Un altro paese annuncia il relax – per coloro che non sono stati vaccinati.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha annunciato che lo stato di emergenza a Corona sarà revocato il 31 marzo. In un discorso a Firenze, Draghi ha affermato che l’obiettivo era quello di revocare tutte le restrizioni sulla corona “il prima possibile”. Tra l’altro, il presidente del Consiglio ha annunciato il graduale allentamento dell’obbligo di fornire prove per il vaccino.

Conosciuto come il passaporto verde, quelli in Italia possono provare il vaccino corona o il recupero e non devono più essere rilasciati per “attività all’aperto”, ha dichiarato Draghi. Questo vale per festival ed eventi culturali, nonché per attività sportive e mostre. “Continueremo a monitorare da vicino la situazione epidemica ed essere pronti a intervenire in caso di focolaio”, ha affermato Drake. “Ma il nostro obiettivo è riaprire tutto e il prima possibile”.

L’Italia è stato uno dei primi paesi al mondo ad essere gravemente colpito dalla crisi del Corona. Più di 153.000 persone sono morte a causa di Kovit-19 nel paese dall’inizio dell’epidemia. All’inizio di quest’anno, il paese ha subito un’altra ondata di violenza con oltre 220.000 nuove epidemie ogni giorno. Nel frattempo, tuttavia, l’incidenza della malattia si è notevolmente indebolita e i funzionari sanitari hanno recentemente registrato quasi 50.000 nuove infezioni.

La Slovacchia ha anche annunciato l’allentamento delle restrizioni sulla corona. Nel Paese, da sabato, coloro che non sono stati vaccinati avranno nuovamente accesso a ristoranti, negozi, hotel e centri sanitari. Dopodiché, quando si visita queste strutture, non è necessario un test corona negativo.

“Le prospettive epidemiologiche stanno migliorando in Slovacchia”, ha affermato Medaz Misic, capo dell’Istituto slovacco per l’analisi sanitaria. Meno di cento persone in tutto il paese necessitano di ventilazione artificiale. La Slovacchia ha i tassi di vaccinazione più bassi d’Europa. Solo il 51 per cento della popolazione del paese dell’Europa mediorientale è stata completamente vaccinata contro Govt-19.

READ  Coppa Italia: numero zero all'andata tra Milan e Inter-Calcio-Internazionale