Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Apple rinuncia al monopolio sulle app per iPhone nell’Unione Europea

Apple rinuncia al monopolio sulle app per iPhone nell’Unione Europea

Copertino. In futuro gli utenti iPhone nell'UE non solo potranno installare app dall'App Store di Apple, ma potranno anche utilizzare mercati di app alternativi. Apple ha dato l'annuncio giovedì a Cupertino. Allo stesso tempo, l'iPhone consente metodi di pagamento concorrenti e tecnologie alternative ai browser web che Apple in precedenza non consentiva a causa dei rischi per la sicurezza. Per poter utilizzare le nuove opzioni è necessario che sul dispositivo sia installata l'ultima versione di iOS 17.4.

Leggi di più dopo l'annuncio

Leggi di più dopo l'annuncio

Apple sta rispondendo ai requisiti legali della nuova legge europea sui mercati digitali (DMA/Digital Markets Act). Quindi, i grandi fornitori dominanti, chiamati “gatekeeper”, devono consentire gli app store di altri fornitori. In precedenza, le app potevano essere scaricate sugli iPhone solo dalla piattaforma di download interna dell'azienda.

Tuttavia, Apple continuerà a mantenere un controllo parziale sulle installazioni delle app, anche se avvenute al di fuori del suo App Store. A differenza di Android di Google, le app non possono essere semplicemente scaricate tramite il browser e installate a proprio rischio. I clienti devono invece utilizzare mercati “approvati” a questo scopo. Si tratta di app per iPhone a cui, con il benestare di Apple, è consentito installare altre app.

Leggi di più dopo l'annuncio

Leggi di più dopo l'annuncio

In un'intervista con l'agenzia di stampa tedesca, il CEO di Apple Phil Schiller ha sottolineato i rischi associati all'installazione diretta. “Se qualsiasi sito web può scaricare applicazioni sul dispositivo, ciò rappresenta una grave minaccia per la sicurezza e la protezione dei dati degli utenti”, ha detto Schiller all'agenzia di stampa tedesca (dpa). Il sistema ora introdotto con il processo di certificazione soddisfa anche i requisiti della legge sui mercati digitali dell’UE. Tuttavia, in generale, gli utenti in Europa sono esposti a rischi maggiori rispetto agli utenti al di fuori dell’UE a causa delle misure imposte dalla DMA.

iPhone consente altri browser standard

Con l'implementazione attualmente annunciata, in futuro Apple sarà in grado di scansionare automaticamente tutte le app alla ricerca di malware noti e altre minacce alla sicurezza, compresi mercati alternativi. Tuttavia, le pratiche commerciali associate alle app o ai contenuti visualizzati non sono verificate.

Parallelamente alle modifiche agli App Store, Apple introduce anche ulteriori modifiche per contrastare le accuse di monopolio dell'Unione Europea. In futuro gli utenti europei potranno impostare liberamente il browser predefinito dell'iPhone. Finora il browser Safari di Apple apriva automaticamente tutti i collegamenti web. In futuro questo compito potrebbe essere svolto anche da browser come Google Chrome, Firefox, Microsoft Edge, Brave, Opera o DuckDuckGo.

I concorrenti non devono più utilizzare la tecnologia “WebKit” preferita di Apple per visualizzare i siti Web nelle loro app, ma possono utilizzare i propri “motori web”.

Leggi di più dopo l'annuncio

Leggi di più dopo l'annuncio

Paga anche senza Apple Pay

Anche nell'Unione Europea il monopolio di Apple sui pagamenti senza contatto con l'iPhone diminuisce. Finora solo il servizio di pagamento interno Apple Pay poteva utilizzare la funzione NFC (“near field communications”) dell'iPhone per effettuare un pagamento alla cassa di un supermercato o di un altro terminale di pagamento. In futuro gli utenti potranno scegliere quale app di pagamento dovrà essere avviata per impostazione predefinita.

Apple lancia gli occhiali per la realtà virtuale

Per anni si è speculato sugli occhiali Apple con lenti trasparenti che visualizzano oggetti digitali in ambienti reali.

Apple ha mostrato poco accomodamento quando si tratta di controversa condivisione delle entrate per app a pagamento o acquisti in-app. Finora Apple ha chiesto ai piccoli sviluppatori e agli abbonati a lungo termine di spartirsi il 15% delle vendite. I fornitori con un fatturato superiore a 1 milione di dollari all’anno devono pagare il 30%. Queste commissioni saranno ora ridotte al 10% e al 17%.

Se gli sviluppatori utilizzano la procedura di pagamento dell'App Store, sarà dovuto un ulteriore tre per cento. Come concessione dell’UE, Apple ora consente agli sviluppatori di utilizzare un processore di pagamento alternativo nelle loro app o connettere gli utenti a un sito Web per elaborare i pagamenti senza costi aggiuntivi da parte di Apple.

Per le app installate di frequente verrà addebitata una nuova “tassa per la tecnologia essenziale”. L'importo ammonta a 50 centesimi di euro per ogni prima installazione annuale che superi la soglia di 1 milione. Apple parte dal presupposto che in futuro solo meno dell'1% degli sviluppatori dovrà pagare questa tariffa per le proprie app nell'UE.

Leggi di più dopo l'annuncio

Leggi di più dopo l'annuncio

R.N.D./D.A