Luglio 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Anche elettrico on demand: torna Fiat Scudo

Anche elettrico su richiesta
Il ritorno del Fiat Scudo

I nomi vanno e vengono. Nel caso della Fiat Scudo, è tornato. Il camion è ovviamente in fase di rilancio e modernizzazione sotto l’egida del Gruppo Stellantis. Come i suoi fratelli francesi e tedeschi, l’italiano ora guida esclusivamente elettrico, se richiesto.

Il Gruppo Stellantis non solo riporta un vecchio amico con la Fiat Scudo, ma lo mette anche sulla piattaforma dei veicoli commerciali che Citroën Jumpy, Opel Vivaro e Peugeot Expert utilizzano come base.

L’interno della Fiat Scudo è fondamentalmente pratico.

(Foto: Fiat)

Come i suoi fratelli della gamma e il modello Proace del partner di collaborazione Toyota, lo Scudo è disponibile in tre lunghezze (4,61, 4,96 e 5,31 metri) e due altezze (1,89 e 1,94 metri). Il volume del carico utile è di 4,6, 5,3 o 6,1 metri cubi, a seconda del passo. A seconda dell’unità, il carico utile massimo è di 1,4 tonnellate per scheda tecnica. Lo Scudo è offerto in una varietà di pickup, varianti a doppia cabina (multi-cabina), telaio a pianale piatto e station wagon con un massimo di nove posti.

Con motore elettrico fino a 330 km

Per la propulsione sono disponibili motori diesel e un treno di propulsione puramente elettrico. Si tratta di un motore elettrico da 136 CV e una batteria da 50 kWh. Come optional è disponibile una batteria da 75 kWh. L’E-Scudo ha un’autonomia elettrica di 330 chilometri vicino al WLTP. Il vettore elettrico può essere ricaricato in una stazione di ricarica rapida fino a 100 kW, mentre la scatola di ricarica può essere ricaricata fino a 11 kW. I prezzi di E-Scudo partono da € 45.100 (lordi).

20121214_FP_E-Scudo_Ablösungen_02.jpg

A seconda della trazione e delle dimensioni, Fiat Scudo può caricare fino a 1,4 tonnellate.

(Foto: Fiat)

La gamma diesel comprende un diesel 1,5 litri con 102 CV (da 32.250 euro) e 120 CV (da 33.900 euro) e un diesel due litri con 145 CV (37.700 euro) e 177 CV (da 42.000 euro). La trasmissione della potenza avviene tramite un cambio manuale a sei rapporti o un cambio automatico a otto rapporti.

Tra il 1996 e il 2016, Fiat aveva già una piccola vettura chiamata Scudo nella sua gamma. Questo faceva parte della collaborazione con gli allora partner PSA Citroën e Peugeot. Nel 2016 lo Scudo è stato sostituito dal Talento, sviluppato in collaborazione con Renault e che utilizzava la piattaforma Trafic.

READ  La produzione di auto elettriche in Germania è nuovamente diminuita