Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Amnesty critica i doppi standard occidentali, criticando anche la Germania

Amnesty critica i doppi standard occidentali, criticando anche la Germania

Aggiornato il 28/03/2023 06:46

Per l’organizzazione per i diritti umani Amnesty International, la protesta e la fuga sono gli sviluppi più notevoli dell’anno passato. Trova anche parole di cautela per il governo federale.

Altre notizie panoramiche

Duro con Mosca, indulgente tra amici: alla luce delle conseguenze della guerra della Russia contro l’Ucraina, Amnesty International ha denunciato un doppio standard. “La risoluta risposta dell’Occidente all’aggressione della Russia contro l’Ucraina contrasta nettamente con la sfortunata mancanza di azioni significative per affrontare i gravi abusi commessi da alcuni dei suoi alleati, tra cui Israele, Arabia Saudita ed Egitto”, ha affermato l’organizzazione per i diritti umani nel suo rapporto annuale. Lunedì 23/2022.

Ci sono state anche aspre critiche alle brutali misure del governo iraniano contro i manifestanti, nonché ai tentativi di intimidirlo con violenze e minacce dalla Cina.

“L’invasione russa dell’Ucraina è un esempio scioccante di ciò che può accadere quando gli stati pensano di poter violare il diritto internazionale e violare i diritti umani senza conseguenze”, ha dichiarato il segretario generale di Amnesty International Agnès Callamard. “Le reazioni all’invasione russa dell’Ucraina ci hanno mostrato cosa si può fare quando c’è la volontà politica”. Queste misure severamente sanzionate dovrebbero essere un modello per affrontare altre violazioni dei diritti umani.

Amnesty ha affermato che il fatto che l’Occidente abbia utilizzato doppi standard ha consentito a Cina, Egitto e Arabia Saudita di evitare critiche alla loro situazione in materia di diritti umani. Doppi standard e risposte inadeguate alle violazioni dei diritti umani hanno portato all’impunità e all’instabilità in tutto il mondo. Nello specifico, Amnesty International ha chiesto “il silenzio assordante sulla situazione dei diritti umani in Arabia Saudita, l’inerzia dell’Egitto e il rifiuto di affrontare il regime di apartheid di Israele contro i palestinesi”.

Leggi anche: L’Arabia Saudita considera possibili investimenti rapidi in Iran

AI Germania: la guerra della Russia accelera

Il segretario generale di Amnesty International Germania, Marcus Biko, ha affermato che la guerra russa in Ucraina sta agendo da acceleratore di sviluppi negativi nel campo dei diritti umani. Ha chiesto alla Germania e all’Unione europea che “chiunque faccia causa e chieda ad altri paesi di rispettare i diritti umani deve mettere ordine nei propri affari interni”.

Biko ha salutato l’accettazione da parte della Germania di oltre un milione di ucraini come una cosa buona e importante. Ma dare protezione alle persone significa anche fornire risorse per garantire che siano ben accolte e possano partecipare alla vita sociale.

“I comuni devono essere sostenuti dal governo federale su base permanente”, ha chiesto. Né dovrebbero esserci “doppi standard”. Biko ha chiesto che “l’assistenza non burocratica per le persone provenienti dall’Ucraina dovrebbe essere un modello per trattare con le persone in cerca di protezione da tutto il mondo”.

Sviluppi notevoli sono la protesta e la fuga

La protesta e la fuga sono stati due sviluppi degni di nota nel 2022. Ad esempio, le autorità di sicurezza in 85 dei 156 paesi presi in considerazione da Amnesty International hanno usato la forza illegale contro i manifestanti. In 35 paesi sono state usate armi letali e sono avvenute uccisioni in 33 paesi.

Inoltre, attivisti sono stati arrestati arbitrariamente in 79 paesi. Il diritto alla protesta pacifica è stato limitato in 29 paesi. In tutto il mondo, lo scorso anno 103 milioni di persone sono fuggite dalle loro case. Sono 20 milioni in più rispetto al 2021, ha detto Bico, più che mai.

Critiche alle restrizioni alla libertà di riunione

Sullo sfondo della crescente violenza di stato contro i movimenti di protesta in tutto il mondo, ha avvertito Picot, è importante che la libertà di riunione in Germania rimanga un bene prezioso. Ecco perché Amnesty vede “con preoccupazione che sempre più Stati federali stiano promulgando leggi repressive sull’assemblea che limitano il diritto alla protesta pacifica ed espandono i poteri di polizia, ad esempio nel Nord Reno-Westfalia, in Baviera e, più recentemente, in Assia”.

Beeko ha anche invitato il governo federale e l’Unione Europea a vietare lo sviluppo, la vendita e l’esportazione di tecnologie di monitoraggio vitali. Queste tecnologie potrebbero essere utilizzate in Iran o in Russia, ad esempio, per inseguire i manifestanti.

Amnesty ha anche criticato il fatto che indagini inadeguate sulle accuse di controllo discriminatorio dell’identità (profilazione razziale) in Germania abbiano violato il diritto alla non discriminazione.

Attivista: le sanzioni contro l’Iran sono inefficaci

Maryam Clarin, l’attivista e figlia dell’attivista iraniano-tedesca per i diritti delle donne Nahid Taqawi, arrestata in Iran nell’ottobre 2020, ha espresso la sua insoddisfazione per la reazione tedesca alla gestione violenta delle proteste in corso nel Paese da parte della leadership iraniana. Puoi vedere “Cancella feedback”. Il ministro degli Esteri tedesco Annalina Berbock (Partito dei Verdi) ha avviato una sessione speciale del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite con l’Islanda, dopo la quale è stata approvata una risoluzione.

Leggi anche: Barbock: L’Unione Europea emette nuove sanzioni contro l’Iran

Tuttavia, Clarin ha criticato molte sanzioni contro l’Iran non sono efficaci. Ancora e ancora gli individui saranno puniti. “Ma non ho la sensazione che il governo federale abbia una linea chiara sulla nuova politica iraniana, che ritengo necessaria”. Rispetto ad altri Paesi, ha aggiunto, c’è “più feedback dalla Germania, ma non si può parlare di soddisfazione”.
© dpa