Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alla scoperta di una galassia misteriosa – “Superare i confini della comprensione”

Alla scoperta di una galassia misteriosa – “Superare i confini della comprensione”
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Galaxy ZF-UDS-7329 è inaspettatamente grande.
Galaxy ZF-UDS-7329 è inaspettatamente grande. ©Università di Tecnologia di Swinburne

La galassia appena scoperta contiene troppe stelle per la sua età. I ricercatori sono rimasti sorpresi dal fatto che la galassia non dovesse realmente esistere.

MELBOURNE – Un gruppo di ricerca ha utilizzato il James Webb Space Telescope (JWST) per fare una scoperta precedentemente ritenuta impossibile: il telescopio ha scoperto una galassia nell'universo primordiale così massiccia che non avrebbe dovuto esistere. La galassia ZF-UDS-7329 contiene più stelle della Via Lattea, anche se si è formata 800 milioni di anni dopo il Big Bang. Ciò significa che si sono formate senza materia oscura, anche se il modello standard di formazione delle galassie dice il contrario.

“Abbiamo seguito questa particolare galassia per sette anni, osservandola per ore con i due più grandi telescopi della Terra per scoprirne l'età”, ricorda il leader dello studio Karl Glazebrook (Swinburne University of Technology). “Ma era troppo rosso e troppo debole e non potevamo misurarlo. Alla fine, abbiamo dovuto lasciare la Terra e utilizzare il telescopio spaziale James Webb per confermarne la natura.” Nella rivista specializzata natura pubblicato.

Come si sono formate le galassie così rapidamente e così presto nell'universo?

medico. “Ora stiamo andando oltre ciò che era possibile per confermare i più antichi mostri massicci dormienti che giacciono nelle profondità dell'universo”, conferma Thymia Nanayakkara, che ha guidato l'analisi spettroscopica dei dati del telescopio spaziale James Webb. La nostra attuale comprensione di come le galassie si formano ed evolvono. La domanda principale ora è come queste galassie si siano formate così rapidamente e così presto nell’universo, e quali misteriosi meccanismi abbiano fatto sì che improvvisamente smettessero di formare stelle mentre il resto dell’universo lo faceva.

La galassia appena scoperta confonde i ricercatori perché contraddice la precedente teoria sulla formazione delle galassie. “La formazione delle galassie è in gran parte determinata da come è concentrata la materia oscura”, spiega la coautrice Claudia Lagos in uno degli articoli. avviso. “Il fatto che queste galassie estremamente massicce siano apparse così presto nell’universo pone grandi sfide al nostro modello standard di cosmologia”.

La materia oscura non ha avuto il tempo di formarsi così presto dopo il Big Bang

La ricerca non presuppone che la materia oscura, già necessaria per galassie così massicce, abbia avuto abbastanza tempo per formarsi. Per questo motivo, sottolinea il ricercatore: “Sono necessarie ulteriori osservazioni per capire quanto siano comuni queste galassie e per aiutarci a capire quanto siano realmente massicce queste galassie”.

Il responsabile dello studio Glazebrook è soddisfatto: “Il telescopio spaziale James Webb ha trovato sempre più prove della formazione di galassie massicce nei primi tempi. Questo risultato rappresenta un nuovo record per questo fenomeno”, ma il ricercatore sottolinea anche: “Sebbene sia molto evidente, è solo un oggetto.” “Ma speriamo di trovarne di più; e se lo facciamo, capovolgerà le nostre idee sulla formazione delle galassie.” (fattura non pagata)