Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alla fine di questo mese: i candidati della NATO parlano alla Turchia

Questo mese
I candidati della NATO parlano alla Turchia

Il governo di Ankara ha da tempo ostacolato le ambizioni NATO di Svezia e Finlandia e ne sta stabilendo le condizioni. Il suo adempimento dovrebbe essere discusso nel primo incontro. I paesi nordici accettano di esaminare le richieste di estradizione.

Sullo sfondo delle richieste della Turchia ai candidati all’adesione alla NATO Finlandia e Svezia, i rappresentanti dei tre paesi si incontreranno in Finlandia alla fine di questo mese per colloqui. Lo ha affermato il ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavisto. Sebbene non abbia specificato una data, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu aveva precedentemente annunciato che l’incontro si sarebbe svolto il 26 agosto.

Dopo l’attacco della Russia all’Ucraina, Svezia e Finlandia hanno rotto la loro tradizione decennale di neutralità dell’alleanza militare e hanno presentato domanda di adesione alla NATO a maggio. Il processo di adesione all’alleanza è iniziato. Tuttavia, ciascuno dei 30 Stati membri deve ratificare l’adesione.

La Turchia è stato l’unico paese della NATO che ha minacciato di usare il proprio veto. La Turchia ha accusato Svezia e Finlandia di ospitare decine di sospetti terroristi dalla Turchia e ne chiede l’estradizione. Questi sono membri del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e del movimento del predicatore islamico Fethullah Gulen.

E in un accordo che Svezia e Finlandia hanno firmato al vertice della NATO a Madrid alla fine di giugno, i due paesi si sono impegnati a esaminare le richieste di estradizione della Turchia “in modo rapido e completo”. Haavisto ha affermato che i colloqui sull’accordo dovrebbero continuare a incontrarsi questo mese. Il ministro degli Affari esteri ha chiarito che le riunioni dei rappresentanti dei tre paesi dovrebbero svolgersi in futuro in modo alternato in Finlandia, Svezia e Turchia.

La Svezia ha annunciato la scorsa settimana la prima estradizione di un cittadino turco dopo l’accordo. Tuttavia, il ministero della Giustizia turco ha affermato che l’estradizione non è stata all’altezza degli obblighi di Stoccolma previsti dall’accordo.

READ  Tensioni nel conflitto in Ucraina: Putin incolpa l'Occidente