Marzo 24, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Africa sudorientale: il bilancio delle vittime dopo l’uragano Freddie continua a salire

Stato: 15/03/2023 21:56

L’uragano Freddy ha ucciso 300 persone in Madagascar, Malawi e Mozambico, e la tempesta tropicale ha lasciato decine di migliaia di persone senza casa. Le organizzazioni umanitarie stanno ora avvertendo della carestia.

Secondo le autorità, la tempesta tropicale insolitamente duratura “Freddy” ha ucciso 300 persone in tre paesi dell’Africa sudorientale: Malawi, Mozambico e Madagascar. Il più colpito è stato il Malawi colpito dalla povertà, con l’agenzia di gestione dei disastri che ha riportato 225 morti.

Secondo i dati ufficiali, quasi 800 persone sono rimaste ferite nel Paese a causa di forti piogge, inondazioni e smottamenti. Tuttavia, i numeri potrebbero essere molto più alti perché la trasmissione di informazioni è attualmente fortemente limitata a causa di danni alle infrastrutture.

Più di 20.000 persone sono senzatetto

I soccorritori hanno continuato a cercare i sopravvissuti intrappolati dalle frane o tagliati fuori dal mondo esterno dalle inondazioni. La polizia e l’esercito sono stati coinvolti nelle operazioni nel Paese dell’Africa orientale. “Le inondazioni sono il problema più grande”, ha detto Felix Washon, portavoce della Croce Rossa del Malawi. Le autorità hanno detto che almeno 37 persone sono ancora disperse.

Secondo la Protezione Civile, oltre 20.000 persone sono rimaste senza casa. Secondo l’autorità, migliaia di persone sono state ospitate in campi di fortuna. Alcuni di loro hanno trovato rifugio nelle chiese e nelle scuole.

Le organizzazioni umanitarie temono che i casi di colera aumenteranno nuovamente, soprattutto nel sud, dopo che un’epidemia di colera, che dura da un anno ed è la più grande nella storia del Malawi fino ad ora, deve ancora essere superata.

Disastro dichiarato nel sud

Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza nell’area più colpita, il sud del Malawi. “La devastazione è enorme”, ha detto Washon, portavoce della Croce Rossa. È una vera sfida raggiungere quelli bloccati a causa dei ponti distrutti e dell’aumento del livello dell’acqua. “Abbiamo trovato persone sugli alberi, sui tetti, su un terreno più elevato”, ha detto Washon.

È stato ucciso anche in Mozambico e Madagascar

Almeno 67 persone sono morte in Mozambico, secondo il presidente Felipe Nyusi. Il numero potrebbe raddoppiare, ha detto Nyusi durante un volo mercoledì, poiché molte delle aree colpite non sono ancora state raggiunte. Almeno 17 persone sono state uccise nella nazione insulare del Madagascar.

“Freddy” fa tornare indietro di anni il Malawi

Il ciclone ha devastato l’Africa sudorientale per la seconda volta in un mese dalla tarda serata di venerdì. Secondo Welthungerhilfe, il povero Malawi in particolare ha avuto anni di sviluppo colpiti dal ciclone. La responsabile del programma del paese per il paese dell’Africa sudorientale, Claudia Block, ha spiegato che il paese fa molto affidamento sull’agricoltura e sulle precipitazioni, ed è quindi particolarmente vulnerabile alle condizioni meteorologiche avverse. “Le inondazioni hanno distrutto interi raccolti”, ha detto. “Le persone colpite hanno perso tutto”.

Il direttore del programma ha spiegato che anche prima della tempesta la situazione alimentare era molto tesa. Circa 7,3 milioni di persone non sono in grado di nutrirsi adeguatamente e quasi il 40% dei bambini sotto i cinque anni è cronicamente denutrito. “Il paese sta attualmente attraversando quello che viene chiamato il ‘periodo di magra’, che è il tempo che intercorre tra i raccolti”, ha detto Block. “Le famiglie vivono alla giornata in questo periodo e il prossimo raccolto è atteso con impazienza per questo mese”.

Il tornado più lungo mai registrato

Più di un mese fa, il 6 febbraio, una tempesta tropicale si è formata al largo della costa nord-occidentale dell’Australia ed è stata dichiarata uragano. Dopo aver attraversato l’intero Oceano Indiano meridionale, Freddy ha fatto il suo primo approdo in Madagascar il 21 febbraio. Da lì, la tempesta si è spostata in Mozambico e ritorno su una rara pista “ad anello” attraverso l’Oceano Indiano con una forza ancora maggiore e ancora più pioggia. L’11 marzo ha raggiunto per la seconda volta il Mozambico e il Malawi.

Secondo la World Weather Organization (WMO), la tempesta, che ha infuriato per più di un mese, è probabilmente l’uragano più longevo da quando sono iniziate le registrazioni meteorologiche. Secondo le previsioni, è probabile che la tempesta si diriga nuovamente verso il mare per tutta la settimana, indebolendosi man mano che procede. Il Sudafrica sta attualmente attraversando la sua stagione dei cicloni che può portare forti piogge e tempeste fino a marzo o aprile.