Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A Ratisbona apre il nuovo Museo Keplero

A Ratisbona apre il nuovo Museo Keplero

Cinque milioni per un museo riprogettato

Il Museo Keplero è stato fondato per la prima volta a Ratisbona nel 1961. L'esposizione permanente è rimasta pressoché invariata da decenni. La Casa di Keplero è stata ora ampiamente rinnovata e resa più chiara. Secondo la città di Ratisbona il costo del progetto ammonta a circa cinque milioni di euro. La galleria è stata completamente rivista e ridisegnata. Utilizzando strumenti e scritti storici, gli organizzatori dei musei cercano di illustrare i risultati di Keplero come ricercatore e inventore. È stato inoltre creato un nuovo “Laboratorio scientifico”, un laboratorio pratico, dove i visitatori possono interagire attivamente con le scoperte di Keplero.

Lo storico della città di Ratisbona Matthias Freytag ha contribuito alla progettazione del nuovo Museo Keplero. Non è solo la diversità degli argomenti di Keplero a impressionarlo. Questo scienziato fece le sue scoperte rivoluzionarie nel caos della Guerra dei Trent'anni.

Scoperte scientifiche in tempi caotici

“Una vita molto turbolenta. Ciò che richiede più rispetto da parte mia è che questa non avviene in un ambiente tranquillo, ma in un momento molto caotico.” Matthias Freytag, Musei civici di Ratisbona

Keplero, nato a Weil, in Svevia, nel 1571, fu uno dei più grandi scienziati del suo tempo. Divenne temporaneamente matematico e astronomo presso la corte imperiale. Ma la Guerra dei Trent'anni lo costrinse a spostarsi frequentemente. Graz, Praga, Linz e più recentemente Sagan in Slesia sono le sue stazioni di servizio.

Keplero e Ratisbona

La città di Ratisbona costituisce una sorta di punto fisso per Keplero. Non ha mai vissuto e fatto ricerche qui in modo permanente. Ma si recò più volte nella città del Reichstag per condurre trattative politiche e commerciali con i principi qui riuniti o per consigliare il Reichstag come esperto. Keplero distribuì moglie e figli a Ratisbona per due anni. Qui crede di essere protetti dal caos della guerra, mentre lui stesso continua a viaggiare per il mondo per conto della scienza.

Durante la sua ultima visita a Ratisbona nell'autunno del 1630, Keplero soggiornò in una spaziosa casa di proprietà del suo amico, il mercante Hillebrand Beile, a Donauvacht (la strada ora si chiama Kepler). Lo studioso venne in città per esigere gli stipendi dovuti all'imperatore poiché era astronomo di corte. Questo non accadrà più. Keplero morì il 15 novembre a causa dell'infezione.

La tomba di Keplero è scomparsa

Il protestante profondamente religioso è sepolto nel cimitero protestante fuori dalle porte della città. Il cimitero fu distrutto durante la Guerra dei Trent'anni e la tomba di Keplero andò perduta. Ma ciò che è sopravvissuto è l'iscrizione sulla sua lapide, che presumibilmente ha scritto lui stesso. Si conclude con le parole:

“Ho misurato i cieli, e ora misuro le ombre della terra. – L'anima tende verso il cielo, e l'ombra del corpo riposa qui.” Iscrizione sulla tomba di Giovanni Keplero

Il “Documento Keplero” (Keplerstr. 5) sarà aperto al pubblico da venerdì 2 febbraio. L'orario di visita è dal martedì alla domenica, sempre dalle 10:00 alle 16:00.