Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A causa di Facebook: startup berlinese costretta a rebrand

Facebook ha cambiato nome in Meta la scorsa settimana e ha introdotto un nuovo logo. Tuttavia, questo è quasi identico alla startup berlinese M-Sense: ora si è difeso in modo creativo.

Il nuovo logo per la casa madre Meta su Facebook.

Il nuovo logo per la casa madre Meta su Facebook.

Photo Alliance / NurPhoto | STR

Il messaggio shock ha raggiunto Marcus Dahlem venerdì mattina presto sul suo telefono Whatsapp. Un investitore gli ha scritto con entusiasmo se avesse protetto il logo della sua startup. In allegato uno screenshot del nuovo logo di Facebook. Dahlem ha confrontato tra loro i due loghi aziendali e si è infastidito: “Mi è stato subito chiaro che l’intera identità del nostro marchio era praticamente nella scatola”, ha detto il fondatore della startup berlinese M-Sense in un’intervista con l’inizio -up scena. Quello che è successo?

Giovedì scorso, come precedentemente ipotizzato, Facebook ha annunciato il suo rebranding. L’azienda digitale si chiamerà Meta in futuro. Il cambio di nome dovrebbe indicare che Facebook è stato per lungo tempo qualcosa di più del semplice operatore della rete omonima, Il fondatore Mark Zuckerberg ha spiegato. Inoltre, il nome riflette anche la nuova strategia. Nei prossimi anni, Meta intende costruire un cosiddetto metaverso, un mondo virtuale in cui le persone possono incontrarsi e scambiare idee tramite visori di realtà virtuale. Inoltre, Zuckerberg ha sfoggiato il suddetto nuovo logo aziendale: M.

“Non volevamo lasciarlo invariato”.

Grave problema per il fondatore di M-Sense Markus Dahlem. Perché il logo descrittivo è quasi identico al logo della sua startup. Il logo verde della Berlin Health Company è anche decorato con una lettera M ad incastro, che dovrebbe simboleggiare i frequenti attacchi di emicrania. “A parte il colore, non c’è quasi nessuna differenza da vedere”, dice il dottore, che ha un dottorato in fisica e ha sviluppato un’app contro la malattia cronica. Il programma crea un piano di trattamento basato sui sintomi individuali e aiuta con esercizi.

Leggi anche

Dahlem segue un modello di business molto diverso da quello della multimilionaria società californiana. Ma il fondatore non è solo costretto a modificare il suo logo a causa di possibili squilibri: teme soprattutto che i numerosi pregiudizi nei confronti di Facebook nella gestione dei dati degli utenti possano danneggiare gravemente la sua azienda. “I dati sono essenziali per amministrare correttamente il trattamento. Allo stesso tempo, sono una risorsa molto sensibile. Quindi contiamo sulla fiducia degli utenti”, afferma Dahlem.

Questo è un altro motivo per cui venerdì mattina la startup ha deciso di lanciare l’attacco. Sul servizio SMS di Twitter, MSense ha pubblicato un post con un fotomontaggio che mostra i loghi di entrambe le società fianco a fianco. Inoltre, un testo ironico: sei onorato che Facebook sia stato “ispirato” dal logo dell’applicazione. “Potrebbe anche essere ispirato dai nostri principi di protezione dei dati”, così la formulazione. Il tweet non è stato scoperto da molto tempo. In poche ore sono stati ricevuti oltre 10.000 retweet e 50.000 like. Sul portale del lavoro LinkedIn è arrivato quasi lo stesso post 250.000 “mi piace”. “Naturalmente non ci aspettavamo questa risposta, ma non volevamo lasciare che la nostra rabbia passasse incontrastata”, spiega Dahlm alla campagna.

Secondo un avvocato professionista, la causa non è molto promettente

Ci sono buone ragioni per cui il fondatore ha scelto Twitter e non un avvocato. Perché avvertire o addirittura intentare una causa contro Meta avrebbe poche possibilità di successo per l’azienda berlinese. “Secondo me, i loghi non sono abbastanza simili da giustificare il rischio di confusione ai sensi della legge sui marchi”, spiega a Gründerszene David Geßner, un avvocato specializzato in diritto d’autore e diritto dei media. Perché un logo possa essere protetto da copyright, deve prima raggiungere un “certo livello di creatività”, quindi deve essere un risultato artistico. Secondo Jessner, questo non è il caso in questo caso particolare.

Nel logo M-Sense che si dice sia servito da Meta come modello, puoi vedere solo un “simbolo dell’infinito graficamente semplice”. Stesso discorso vale per il logo Meta: “Se si accetta la tutela del diritto d’autore del logo perché se viene confermato il livello di creatività, non vi è comunque violazione del diritto d’autore, perché lo spazio tra i due marchi è sufficientemente ampio a seconda della forma e del colore del design.”

Inoltre, loghi simili sono già utilizzati da altre società di software, che, secondo Jessner, tendono a ridurre il potenziale di confusione. L’esperto di diritto dei marchi consiglia ai fondatori di registrare quanto prima possibile loghi presumibilmente innovativi presso l’Ufficio tedesco dei brevetti e dei marchi, preferibilmente un marchio combinato verbale e figurato. Le startup devono quindi utilizzare gli strumenti per scansionare in modo permanente la rete alla ricerca di copie e agire se lo sospettano. “Altrimenti il ​​logo rischierebbe di diluirsi, come nel caso di M-Sense, perché ci sono sempre più loghi simili”, spiega Gessner. L’esperto sconsiglia l’utilizzo di modelli di logo online o persino di strumenti online per nomi di aziende creative.

Markus Dahlem, fondatore di M-Sense, questi suggerimenti non sono più utili. Poiché non ha protetto il suo logo, non avrebbe potuto evitare di rivederlo. Vuole incaricare un’agenzia di rebranding nel prossimo futuro. Quali sono i costi per lui e per la sua azienda? Non può ancora stimarlo, secondo il fondatore.

READ  Concorrente di Tesla in primo piano: quota Rivian in arrivo: vale la pena unirsi a Rivian per investire in Amazon per un'IPO? | newsletter