Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A 3 gradi di riscaldamento globale: cosa significa per la Germania?

A 3 gradi di riscaldamento globale: cosa significa per la Germania?

Per anni, il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ha avvertito delle conseguenze irreversibili della crisi climatica. Il professor Stefan Ramstorff è stato uno degli autori principali del Fourth Assessment Report pubblicato nel 2007 ed è considerato uno dei principali ricercatori sul clima a livello mondiale. Che aspetto ha un mondo che si riscalda di 3 gradi? Perché la Germania è particolarmente colpita dalla crisi climatica? C’è ancora speranza?

In un recente sondaggio che ha condotto Scala politica ZDF Il 74% degli intervistati ritiene che il mondo non sarà in grado di combattere il cambiamento climatico nei prossimi decenni. Condividete questa opinione?

Maggiori informazioni sulla crisi climatica

Professor Stefan Ramstorff: La gente pensa che la politica non sia stata ancora efficace nella lotta al cambiamento climatico. La misura fondamentale per questo sono i gas serra in tutto il mondo, in particolare le emissioni di anidride carbonica. E, come sai, è in costante aumento. L’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) ha appena riferito che i sussidi globali per l’uso di combustibili fossili nel 2022 supereranno i mille miliardi di dollari. Ciò dimostra che stiamo finanziando il cambiamento climatico, non combattendolo.

Secondo lei, sono state prese misure sufficienti per porre fine a tutto questo?

In effetti, le cose si stanno già muovendo. Non sono del tutto pessimista al riguardo. Dieci anni fa, prima dell’accordo di Parigi, la scienza si aspettava ancora che le temperature aumentassero di circa 4 gradi fino al 2100 in base alla politica climatica dell’epoca. Con l’attuale politica climatica, stiamo entrando in un ciclo di 2,7 gradi.

Secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change, la temperatura della Terra è già aumentata di 1,1 gradi dall’era preindustriale. Come sarebbe il nostro mondo con tre gradi di riscaldamento globale?

Con un riscaldamento di 3 gradi, ci getterà ben oltre il range di fluttuazione normale negli ultimi 100.000 anni. Ora ci rimane il clima post-glaciale dell’Olocene, cioè gli ultimi 10.000 anni, che era abbastanza stabile. Ciò significa che gli ecosistemi di tutto il mondo sono sempre più incapaci di adattarsi al clima sempre più sconosciuto. Noi umani sperimenteremo frequentemente condizioni meteorologiche estreme nuove e senza precedenti e altri cambiamenti.

Cosa significano questi tre punteggi per la Germania, in media, nel mondo?

Se raggiungiamo davvero i 3 gradi a livello globale, la Germania è minacciata da circa 6 gradi di riscaldamento.

qual è il motivo?

La Germania è la superficie terrestre. Le aree terrestri si stanno riscaldando due volte più velocemente della media globale, che è il 70% della temperatura del mare. In questo paese, la temperatura è aumentata di circa il doppio rispetto alla media globale di 1,1 gradi in passato. Ora abbiamo raggiunto circa 2,3 gradi di riscaldamento in Germania.

Sono stato attivo nella ricerca sull’impatto climatico per 30 anni. Nel frattempo l’argomento è arrivato al pubblico?

Puoi già vedere che le persone stanno prendendo il cambiamento climatico più seriamente oggi rispetto al passato. A causa dei numerosi eventi meteorologici estremi, le persone sono sempre più consapevoli che abbiamo un problema urgente. Anche se, a dire il vero, lo pensavo anche dopo l’alluvione dell’Elba nel 2002 e il record di caldo del 2003 con circa 70.000 morti per il caldo in tutta Europa.

Tali eventi cadono molto rapidamente nell’oblio?

Quando mi guardo indietro, la mia memoria era molto corta. Quindi, se non c’è brutto tempo per alcuni anni, le persone sentiranno che non è tutto così male.

Siccità, incendi e record di calore: nell’ultimo anno, il cambiamento climatico è stato avvertito in molti luoghi del mondo, compresa l’Europa.

È probabile che i residenti delle grandi città lo vedranno almeno in modo diverso. Diventa notevolmente caldo lì in estate.

Per le grandi città come Berlino, il problema del caldo aumenta in modo esponenziale perché l’impermeabilizzazione pesante del suolo porta a un ulteriore surriscaldamento. Le città non si raffreddano neanche di notte. I rischi per la salute per noi umani sono aumentati perché il corpo non può più riprendersi adeguatamente durante la notte. Anche gli eventi di precipitazioni estreme stanno diventando pericolosi. La crisi climatica sta causando gravi siccità e forti piogge in questo paese, entrambe. Un punto che è spesso difficile da trasmettere ai profani e agli scettici del clima: sia gli eventi di pioggia estrema che i periodi di siccità stanno aumentando nella stessa regione a causa del riscaldamento globale.

L’attuale leadership politica prende sul serio la protezione del clima in Germania?

In realtà solo quelli verdi. La mia impressione è che FDP freni dove può. Il cancelliere si è pubblicizzato come consigliere per il clima durante la campagna elettorale, ma mi manca un chiaro impegno lì.

Che consiglio daresti ai semafori?

Mettiamo da parte tutte le tattiche di partito e comprendiamo che ci troviamo in una vera situazione di emergenza in cui è necessaria un’azione decisiva ora, perché da questo dipende il futuro delle persone.

Cosa ti preoccupa in questo momento?

Stiamo semplicemente mettendo in moto cose irreversibili. Non solo i famosi Turning Point, ma intere serie di Turning Point, che poi diventano un inarrestabile autoproclamato corridore. Un incubo anche: che affronteremo grandi siccità nei “granai del mondo” e quindi anche crisi di fame; E allo stesso tempo in Eurasia e Nord America. Alcuni modelli nella corrente a getto, che sono venti circolanti ad alta quota, possono portare ondate di calore simultanee in regioni del mondo che rappresentano circa un quarto della produzione alimentare globale. Il Nord America occidentale, la Russia, l’Europa occidentale e l’Ucraina sono particolarmente vulnerabili.

La sicurezza alimentare globale è quindi in pericolo?

esattamente. L’opinione pubblica mondiale l’ha assorbita dalla guerra in corso in Ucraina e dalla lotta per le esportazioni di grano. Se il raccolto fallisce, possiamo acquistare cibo a prezzi più alti nei paesi ricchi sul mercato mondiale. Altre persone nei paesi poveri non possono farlo.

Ma lo impediamo ancora?

Sì, ma devi reagire con largo anticipo ai pericoli che hai individuato. Il cambiamento climatico è un classico caso d’uso del principio di precauzione. Se il bambino cadeva nel pozzo, era troppo tardi.

La gente capisce questa urgenza?

Molti non hanno ancora capito che il cambiamento climatico è irreversibile perché la quantità di anidride carbonica nell’aria rimarrà elevata per decine di migliaia di anni. Non possiamo dire: “Ora siamo così a disagio. Ora invertiamo di nuovo il surriscaldamento. Semplicemente non funziona”.

Cosa ti dà la più grande speranza?

Da un lato, abbiamo già le soluzioni, tecnologicamente parlando. Non era così 15 o 20 anni fa. E quanto si può davvero fare con le energie rinnovabili, le pompe di calore e l’elettromobilità. Abbiamo fatto grandi progressi nelle tecnologie utilizzate. Inoltre, ci sono prezzi bassi e ragionevoli. La transizione energetica sta progredendo e questo fa ben sperare. Inoltre, il movimento globale per il clima ci sta rendendo più consapevoli della necessità urgente di cambiare rotta. C’è questo punto di svolta sociale in cui improvvisamente avvengono cambiamenti che sembravano impossibili per anni. Ho anche una domanda.

SÌ?

Sarei interessato a sapere se tutti i membri del Bundestag hanno letto il breve riassunto dei decisori del Bundestag Rapporti dell’IPCC Inizialmente ho letto. Ho l’impressione che molte persone non facciano i compiti e ottengano solo informazioni sui cambiamenti climatici dai media – non dovrebbe essere così.

Perché hai questa impressione?

Ho svolto ricerche e partecipato a dibattiti pubblici sulla crisi climatica per 30 anni. Non avrei potuto immaginare che, dopo decenni di dibattito sul clima, la conoscenza pubblica fosse ancora così limitata, anche tra i decisori.

Signor Ramstorff, grazie mille per l’intervista.

Informazioni sulla persona: il Prof. Ramstorff è un ricercatore climatico e marino e dirige il Dipartimento per l’analisi del sistema terrestre presso l’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico (PIK). Dal 2000 è anche professore di fisica oceanica all’Università di Potsdam. I suoi interessi di ricerca includono la ricerca sul paleoclima, i cambiamenti nelle correnti oceaniche e nei livelli del mare e le condizioni meteorologiche avverse. È dal 1991 che cerca il punto di non ritorno nella circolazione dell’Oceano Atlantico.

Maggiori informazioni sulla crisi climatica

Questo post proviene dal portale giornalistico RiffReporter. Su riffreporter.de, circa 100 giornalisti freelance riferiscono di attualità e informazioni di base. RiffReporter ha ricevuto un Grimme Online Award per la sua presentazione.
Ministro di Stato per gli affari economici Stefan Wenzel

È chiaro che le conseguenze della crisi climatica potrebbero costare alla Germania un miliardo a tre cifre entro il 2050. Lo emerge dallo studio. Il governo federale vuole contrastare questo con il Climate Adaptation Act.

© ReefReporter