Novembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

30 milioni in tre anni?: presto criticata la ‘stretta di mano d’oro’ dell’ex capo VW

30 milioni per tre anni?
La “stretta di mano d’oro” dell’ex capo della Volkswagen presto oggetto di critiche

L’imminente partenza del capo della VW Diess mette la sua estensione del contratto all’inizio del 2021 sotto una nuova luce. Perché Dess può raccogliere decine di milioni di euro dalla Volkswagen. Gli analisti vedono questo come un modello ben noto.

La sostituzione dell’amministratore delegato della Volkswagen Herbert Diess con il capo della Porsche Oliver Blume, previsto per settembre, ha fatto arrabbiare alcuni investitori ed esperti del settore. Viene da chiedersi perché Des, che in futuro sarà dotato di un lavoro di consulenza, ha ottenuto prematuramente un nuovo contratto solo un anno fa. Nel luglio 2021, il Consiglio di Sorveglianza ha approvato l’impegno aggiuntivo, che durerà fino a ottobre 2025, sebbene in precedenza fossero già state espresse significative critiche allo stile di gestione e alla comunicazione di Diess da più parti.

“L’estensione del contratto dello scorso anno è incomprensibile”, ha affermato Ingo Spisch, Head of Corporate Management and Sustainability presso la controllata di Cassa di Risparmio Deka. Le dimissioni di Des sono una “uscita per dichiarazione”, gli ispettori avrebbero potuto avere conseguenze molto prima. Si dice che lo stesso Dis abbia fatto pressioni per l’estensione. “Ancora una volta, l’azionista si fa carico del conto”, ha detto Speech. “Il nuovo contratto di consulenza solleva anche più domande che risposte”. Solo per il 2021, Dess ha ricevuto oltre 10 milioni di euro, inclusi i benefici pensionistici.

È difficile confrontare e prevedere con precisione gli stipendi del consiglio di amministrazione Volkswagen nel tempo perché dipende da bonus variabili. Alcuni osservatori stimano che l’ex amministratore delegato – anche se non prima in questa posizione – potrebbe guadagnare fino a altri 30 milioni di euro entro l’autunno del 2025. “La stretta di mano d’oro è un segno di cattiva gestione aziendale e purtroppo ha una tradizione in VW”, Janne Werning di Union Investment criticato. Negli anni 2000 erano già stati concordati salari o indennità di fine rapporto più elevati con Bernd Bechtsrieder o con la direttrice legale Christine Hohmann-Dinhardt, rimasta per poco più di un anno nel 2016/2017.

Un consiglio di sorveglianza senza bussola

Un altro analista ha affermato che la pratica era un “caos” a suo avviso, soprattutto perché nel caso Diss circolavano contemporaneamente voci su decine di migliaia di tagli di posti di lavoro. La Protection Investors Association ha parlato di “un consiglio di sorveglianza senza bussola, che dice Hü in un anno e Hott in un altro”. Ciò equivale a “prestazioni strategiche deboli”.

Riferendosi alla segretezza degli incontri, i membri della commissione non hanno voluto commentare la decisione in quel momento, nemmeno alla luce degli sviluppi che l’hanno preceduta. Nel 2020, Des ha persino accusato parti del consiglio di sorveglianza di condotta criminale e “mancanza di integrità” attraverso azioni sconsiderate.

Inizialmente Diess è stato nominato CEO del più grande gruppo automobilistico d’Europa fino alla primavera del 2023. Diverse sono state però le controversie con il Comitato Aziendale, IG Metall e lo stato della Bassa Sassonia, che insieme ai rappresentanti delle famiglie dei proprietari di Porsche/Piëch, sono i supervisori più importanti. . Inoltre, recentemente si sono verificati costosi ritardi nel software proprietario, che avrebbero messo a rischio il lancio di prototipi. Nell’ultimo anno, nessuno dei principali attori ha osato prendere parte a Dis, come si diceva nell’ambiente degli Ispettori – con il senno di poi si è spesso più saggi. Ma ora ti rendi conto che non puoi più andare avanti.

READ  La Germania poco prima della stagflazione