Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“120 morti al giorno”: nuova ricerca sulle perdite della Russia nella guerra in Ucraina

“120 morti al giorno”: nuova ricerca sulle perdite della Russia nella guerra in Ucraina
  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Secondo Napoleone i morti si contano alla fine della battaglia. Nei media circolano costantemente notizie sulle vittime della guerra in Ucraina. Puoi fidarti dei numeri?

Mosca – “120 morti al giorno: questo è il prezzo che la Russia paga per l'attacco al Paese vicino”, riferisce attualmente il portale russo. Medusa. Sabato 24 febbraio ricorre il secondo anniversario della guerra in Ucraina. Sulla base di un'importante indagine condotta da portali mediatici indipendenti Medusa E mediazona Il numero dei soldati russi uccisi finora nella guerra di Vladimir Putin contro l'Ucraina è stimato a circa 75.000 soldati. I portali scrivono che il valore esatto può variare tra 66.000 e 88.000 morti. Questi numeri sono corretti?

Secondo le informazioni dei giornalisti investigativi. Specchio I risultati sono stati ricavati dalla valutazione di una banca dati ereditaria, dal registro dei decessi, da informazioni statistiche e dai dati dei parenti sopravvissuti. Entrambe le parti coinvolte nella guerra in Ucraina pubblicano spesso cifre che non sono soggette a verifica indipendente. Anche i servizi segreti occidentali stimano costantemente il numero delle vittime di entrambe le parti. Le stime attuali dei servizi segreti statunitensi e britannici risalgono al dicembre dello scorso anno.

Decisamente esagerata: la valutazione di Zelenskyj sulle perdite russe

Il Ministero della Difesa britannico ha stimato a dicembre che circa 70.000 soldati russi fossero stati uccisi in Ucraina. Secondo gli inglesi si trattava di 50.000 soldati regolari e 20.000 mercenari del Gruppo Wagner. Inoltre ci saranno fino a 280mila feriti. Fonti americane hanno riferito che 315.000 soldati russi sono stati uccisi o feriti e, secondo le loro stime, l'87% delle forze armate russe esistenti prima della guerra in Ucraina saranno eliminate.

Un soldato in una zona devastata dalla guerra ucraina cammina accanto al suo compagno caduto.
Vittime nella guerra in Ucraina: entrambe le parti si superano a vicenda con terrificanti resoconti di semplici numeri. Ma ogni morte è una tragedia umana individuale. (Foto d'archivio) © Alex Babenko/DPA

Il presidente Volodymyr Zelenskyj ha commentato le perdite subite dagli ucraini, affermando che per ogni difensore ucciso, sono stati uccisi cinque aggressori. Gli osservatori occidentali stimano che il rapporto sia più vicino a 1:2. dice l'americano Henry Schlottman, che compila le cifre per… Nuovo Zurigo Times. Può riconoscere degli schemi in esso. Spiega che se gli Stati Uniti denunciano la morte di più soldati russi, aumenta anche il numero degli ucraini. “Ma i numeri sono esagerati. “Ho il sospetto che l'Ucraina conti i soldati uccisi più volte perché più unità hanno riportato la stessa uccisione”, ha detto Schlottman nel suo rapporto. NZD.

Quindi il mio consiglio è di dire che non sappiamo qualcosa, ciò che pensiamo di sapere, ciò che è veramente certo. Queste differenze non bastano.

Il principale storico militare tedesco Sönke Neitzel è in guerra con i numeri pubblicati, ha detto al New York Times Rete editoriale Germania “In definitiva, ciò che state annunciando sono tutti numeri destinati a diffondere un messaggio politico sul vostro successo”, ha detto. “Possono avere una certa relazione con la realtà, ma non la descrivono accuratamente”, afferma Neitzel. Secondo lui, i dati pubblicati sulle vittime poggiano essenzialmente su basi molto traballanti.

Semplicemente induttivo: i numeri si basano sul traffico russo al fronte

Le dichiarazioni si basano interamente su supposizioni perché nessuna delle parti in conflitto ha pubblicato importi corretti e non consentono una verifica indipendente. Gli analisti basano il loro interesse sull'osservazione del traffico stradale e ferroviario, sul numero di soldati o veicoli trasportati verso la zona del fronte e sul numero di persone che la lasciano nuovamente. Inoltre, i satelliti vengono monitorati e il traffico radio viene intercettato. Ciò produce immagini situazionali dell'intensità dell'attività di combattimento; È diviso in singole battaglie con unità corrispondenti, di cui si conosce la forza approssimativa, e si possono quindi fare previsioni corrispondenti.

Neitzel critica anche la terminologia imprecisa dei rapporti: per vittime non intende solo soldati morti, ma anche feriti, dispersi e catturati. A seconda di quale parte utilizza la terminologia, questa oscura il suo messaggio. Include entrambi i lati; Secondo lui, infatti, nelle pubblicazioni non ci si dovrebbe fidare più di un partito rispetto all'altro; Pertanto, Neitzel consiglia generalmente cautela quando si tratta di numeri. “Dobbiamo essere chiari sul fatto che sappiamo con certezza solo un certo limite. Il numero di morti sarà probabilmente dell'ordine delle decine di migliaia. Ma non ne sappiamo di più. Quindi la mia raccomandazione è di dire che non sappiamo qualcosa , ciò che pensiamo di sapere, ciò che è “Davvero sicuro. Queste differenze non bastano”.

Avvertimento forte: i numeri delle perdite meritano soprattutto diffidenza

Altri studiosi descrivono la situazione in modo più radicale, come parte di una campagna di propaganda condotta da entrambe le parti l’una contro l’altra. Successivamente, i servizi segreti occidentali potranno essere maggiormente utilizzati per promuovere gli interessi ucraini, perché la Russia, l’aggressore, sarà monitorata più da vicino Le notizie del GIORNO menzionato. L’Ucraina tende ad essere trascurata nei resoconti della stampa perché, come difensore, si comporta in modo più passivo. Michael Zincanel, direttore dell'Istituto austriaco per la politica europea e di sicurezza (AIES), ha messo in guardia. Le notizie del GIORNO Affrontare i numeri presentati e i fatti assunti nel modo più sobrio possibile.

A suo avviso, è semplicemente impossibile raccogliere dati affidabili a causa della confusione degli eventi sul sito. Ciò significa che alla questione della ragionevolezza si può rispondere solo ipoteticamente e che non è possibile per entrambe le parti quantificare con precisione le perdite, sia in termini di personale che di materiali, afferma Zincannell. Finché i combattimenti continueranno, i numeri verranno utilizzati per uno scopo specifico e dovrebbero quindi essere utilizzati con cautela. Si dice che l'imperatore francese Napoleone Bonaparte fosse uno stoico a questo riguardo, a cui si attribuisce l'adagio secondo cui i morti si contano solo alla fine della battaglia.