Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Xenotrapianto: virus suino nel cuore del donatore – l’infezione da virus ha causato la morte del paziente dopo 2 mesi

Trapianto riuscito, paziente ancora morto: nel primo trapianto di cuore di maiale in un essere umano, il paziente è sopravvissuto solo due mesi. I medici ora possono trovare la ragione di questo: il problema non era il cuore stesso del donatore, ma un virus suino che era stato trasmesso inosservato. Ciò ha distrutto l’organo e potrebbe aver portato alla morte del paziente. La cosa triste è che è stato possibile rilevare il virus con metodi di rilevamento più accurati.

È stata una sensazione importante e considerata una svolta significativa nella medicina dei trapianti: il 7 gennaio 2022, un paziente americano con malattie cardiache è stato esposto per la prima volta. Il cuore di maiale come organo donatore Ricevuto: è stato il primo trapianto estero di successo. Per prevenire il rigetto, nel maiale donatore sono stati precedentemente modificati dieci geni, e infatti il ​​recupero è andato bene all’inizio. Ma un mese dopo sono emerse complicazioni e il paziente di 57 anni è morto l’8 marzo 2022 per cause inizialmente poco chiare.

Suino donatore infetto da citomegalovirus suino

Ora i medici possono trovare una spiegazione: il maiale sembra aver contratto il citomegalovirus suino (PCMV), una forma del virus dell’herpes, riferisce il chirurgo senior Bartley Griffith dell’Università del Maryland. I virus dei suini sono quindi entrati nel paziente inosservati con l’organo donatore e potrebbero causare complicazioni successive.

Sebbene il CMV suino sia innocuo per l’uomo, attacca i tessuti dei suini e quindi anche il cuore del donatore trapiantato. Poiché il paziente ha ricevuto anche un potente farmaco immunosoppressore per prevenire il rigetto, il virus è stato in grado di diffondersi quasi senza ostacoli nel cuore del maiale e distruggere i tessuti. Precedenti studi sulle scimmie hanno già dimostrato che l’infezione da PCMV riduce significativamente la sopravvivenza dopo il trapianto d’organo.

READ  Previsioni Omikron per gennaio: lo statistico prevede fino a 435.000 casi al giorno

Il metodo di rilevamento non è abbastanza sensibile

Questo è il caso che ha sollevato a lungo preoccupazioni sui trapianti di organi: la trasmissione di virus estranei. Per evitare ciò, sul maiale sono stati eseguiti tamponi nasali prima che l’organo donato fosse rimosso per testare i virus comuni dei suini. Tuttavia, questi test sono rimasti negativi anche se il maiale è stato infettato da CMV.

Possibile causa: “Come qualsiasi virus dell’herpes, PCMV/PRV può entrare nel cosiddetto periodo di latenza ed essere quindi difficile da rilevare”, spiega Joachim Diener, presidente del gruppo di lavoro sulla sicurezza dei virus nei trapianti di organi presso la Freie Universität di Berlino. Poiché il virus si replica raramente a questo punto, la carica virale è così bassa da scivolare al di sotto del limite di rilevamento per molti metodi di test.

Tuttavia, esistono metodi che possono ancora rilevare un tale virus latente, compresi i test di reazione a catena della polimerasi (PCR) su campioni di sangue o tessuti. “La trasmissione di PCMV/PRV avrebbe potuto essere impedita se fossero state utilizzate le strategie di rilevamento disponibili in Germania”, sottolinea Diener. Tuttavia, sembra che questi metodi non siano stati utilizzati a Baltimora.

Di conseguenza, il trapianto di organi è fallito?

Ma cosa significa questo per un trapianto d’organo? Quindi questo metodo, celebrato come il futuro del trapianto, è fallito? Non necessariamente: l’assenza di reazioni di rigetto al cuore alieno ha mostrato che le modifiche genetiche apportate nel maiale precedentemente donato erano efficaci e che il sistema immunitario del paziente non ha attaccato immediatamente il cuore del maiale modificato in questo modo.

READ  Problemi di dentizione: i ricercatori scoprono perché esistono i denti di gesso

Secondo gli esperti, il trapianto di organi stesso ha avuto successo. “Nonostante queste complicazioni virali, che, come è noto, hanno purtroppo avuto conseguenze fatali, questi due mesi di sopravvivenza dopo il primo trapianto di cuore di maiale rappresentano un importante progresso verso il trapianto di organi”, ha commentato Kristen Falk, presidente dell’Istituto per l’immunotrapianto. Alla Scuola di Medicina di Hannover (MHH).

A suo avviso, ha senso continuare a perseguire il trapianto di organi come alternativa, con corrispondenti metodi di test migliorati contro i virus dei suini. “Non c’è dubbio che un giorno il lavoro continuerà in tutto il mondo per alleviare la grave carenza di organi per i donatori di organi suini e per consentire alle persone gravemente malate di donare i loro organi per salvare le loro vite e quindi prolungare le loro preziose vite”, afferma Falk.

Fonte: Science Media Center, Università del Maryland