Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vertice online con Xi Jinping: Biden avverte del conflitto con la Cina

Vertice online con Xi Jinping
Biden avverte del conflitto con la Cina

Il vertice online mira a migliorare le relazioni tra Cina e Stati Uniti. Ma questioni come quella di Taiwan non sono l’unica causa di tensione. Biden deve anche calmare le cose a causa di ciò che ha detto il suo predecessore.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avvertito di uno scontro tra le maggiori economie del mondo durante il suo primo vertice online con il presidente cinese e leader del partito Xi Jinping. All’inizio della conversazione con Xi, Biden ha affermato che la loro responsabilità era “assicurare che la competizione tra i nostri due paesi non si trasformi in un conflitto, intenzionale o non intenzionale”. Allo stesso tempo, Biden ha sottolineato che “tutti gli stati devono aderire alle stesse regole del gioco”. Gli Stati Uniti difenderanno sempre i propri interessi e valori, nonché quelli dei propri alleati e partner.

Xi ha espresso la sua volontà di “costruire consenso e fare passi attivi con Biden per spingere le relazioni sino-americane in una direzione positiva”, ha detto l’agenzia di stampa Xinhua. Le buone relazioni sono importanti per promuovere lo sviluppo in entrambi i paesi, per garantire un ambiente internazionale pacifico e stabile e per trovare risposte efficaci alle sfide globali come il cambiamento climatico o la pandemia di Corona.

Xi ha osservato che gli Stati Uniti e la Cina, in quanto le due maggiori economie e membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, dovrebbero adempiere alle loro responsabilità internazionali. Biden ha fatto una dichiarazione simile. Il presidente degli Stati Uniti si è espresso a favore dei “guard rail logici”. Entrambe le parti dovrebbero onestamente dire “dove differiamo e lavoriamo insieme dove i nostri interessi si sovrappongono, in particolare su importanti questioni globali come il cambiamento climatico”. Per le due potenze si tratta di assumere ruoli di leadership responsabili nel mondo.

Xi chiama Biden un “vecchio amico”

Xi ha definito Biden un “vecchio amico”, secondo la televisione di stato. Poco prima della videoconferenza, la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che Biden non considerava Xi un “vecchio amico”. Biden vede Pechino come il concorrente più forte e la sfida geopolitica numero uno.

Il summit online è il suo primo incontro faccia a faccia, anche se virtuale, con Xi da quando è entrato in carica a gennaio. Hanno parlato al telefono due volte, l’ultima volta a settembre. La videoconferenza, prevista per diverse ore, si è svolta sullo sfondo delle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina. Il rapporto è diventato più teso che in qualsiasi momento dall’istituzione delle relazioni diplomatiche nel 1979.

Molti punti di contesa gravano sulle relazioni

Un punto fermo è Taiwan: Biden ha recentemente parlato di un “impegno” da parte degli Stati Uniti per difendere l’isola, la Repubblica Democratica, in caso di attacco cinese. Pechino considera Taiwan parte della Repubblica popolare cinese e minaccia di occuparla in nome della “riunificazione”. Gli Stati Uniti respingono anche le rivendicazioni territoriali della Cina nel Mar Cinese Meridionale.

Inoltre, la gestione dei diritti umani in Cina mette sotto pressione il rapporto: gli Stati Uniti sono preoccupati per la repressione del movimento democratico a Hong Kong e criticano la persecuzione della minoranza etnica uigura nello Xinjiang. “Nessun presidente americano responsabile può rimanere in silenzio quando i diritti umani fondamentali vengono violati”, ha sottolineato Biden in un discorso al Congresso degli Stati Uniti ad aprile per la Cina.

Anche il conflitto commerciale tra Cina e Stati Uniti si è recentemente intensificato. Dall’era del predecessore di Biden, Donald Trump, le due maggiori potenze economiche hanno combattuto una guerra commerciale con tariffe reciproche punitive. Il governo Biden accusa la Cina di “comportamento economico sleale” attraverso i sussidi governativi, ad esempio.

Anche il coronavirus ha causato tensioni: Trump è stato accusato di razzismo perché ha chiamato il virus “Kung Flu” in riferimento alle sue origini in Cina – “influenza” significa influenza in inglese. Biden è più diplomatico, ma causa comunque problemi con Pechino: ha incaricato i servizi di intelligence statunitensi di verificare se il virus provenisse da un laboratorio cinese. L’inchiesta non ha dato un risultato definitivo.

Biden ha anche criticato l’assenza di Xi dal vertice sul clima di Glasgow pochi giorni fa, definendola un “errore fatale”. A sorpresa, gli Stati Uniti e la Cina, i maggiori produttori mondiali di emissioni di anidride carbonica fossile, hanno poi annunciato che avrebbero ampliato la loro cooperazione nella lotta al cambiamento climatico. “Non mancano le differenze tra gli Stati Uniti e la Cina”, ha affermato il commissario americano per la protezione del clima John Kerry. “Ma con il clima, questo è l’unico modo per affrontare questo compito”.

READ  I risultati del test del presidente degli Stati Uniti sono negativi: la portavoce di Biden è stata contagiata nonostante fosse vaccinata