Uno strano segnale dallo spazio confonde il gruppo di ricerca: “Non può essere paragonato a niente”

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

La ricerca è interessata a uno strano segnale proveniente dallo spazio. “Il segnale è diverso da qualsiasi cosa gli astronomi abbiano mai visto prima”, spiega Manisha Caleb, astrofisica dell’Università di Sydney. (Avatar) © IMAGO/imageBROKER/Daniel Bärtschi

Per caso, un gruppo di ricerca scopre nello spazio un oggetto che emette segnali insoliti. Potrebbero esserci altri oggetti come questi nella Via Lattea.

SYDNEY – Gli astronomi hanno ricevuto un insolito segnale radio dallo spazio che li ha sconcertati. Il segnale proviene da un corpo celeste dal nome complesso ASKAP J1935+2148, che si trova a circa 15.820 anni luce dalla Terra nella Via Lattea.

Lo strano segnale è stato rilevato per la prima volta utilizzando il telescopio Australian Square Kilometer Array (ASKAP) nell’Australia occidentale. “Il segnale è diverso da qualsiasi cosa gli astronomi abbiano mai visto prima”, spiega Manisha Caleb, astrofisica dell’Università di Sydney. “Non solo ha un ciclo di circa un’ora, ma abbiamo visto in numerose osservazioni che a volte emette lampi lunghi e luminosi, a volte impulsi veloci e deboli e talvolta nulla”, ha scritto lo scienziato. Sulla piattaforma Conversazione.

Segnale misterioso dallo spazio: “Non possiamo spiegare completamente cosa sta succedendo qui”

“Non possiamo spiegare completamente cosa sta succedendo qui”, continua Caleb. “Si tratta molto probabilmente di una stella di neutroni molto insolita, ma non possiamo escludere altre possibilità”. Nella rivista specializzata Astronomia della natura pubblicato.

L’oggetto che emetteva lo strano segnale è stato scoperto per caso mentre osservava un altro oggetto. Il gruppo di ricerca ha analizzato anche osservazioni precedenti e ha scoperto che il segnale ha un periodo regolare di 53,8 minuti. Questa scoperta è stata confermata da ulteriori osservazioni effettuate con il radiotelescopio MeerKAT in Sud Africa.

Un corpo celeste invia vari impulsi nello spazio

Nel corso di otto mesi il gruppo di ricerca è stato in grado di osservare tre diversi stati del corpo: impulsi fortemente polarizzati linearmente, impulsi più deboli polarizzati circolarmente o fasi senza impulsi misurabili. Il comportamento di ASKAP J1935+2148 contraddice quindi i precedenti modelli di stelle di neutroni. Normalmente, le stelle di neutroni mostrano schemi prevedibili.

Il team di Caleb sospetta che il segnale provenga da un’insolita stella di neutroni o da una nana bianca, il che è alquanto improbabile. “Una spiegazione potrebbe essere che l’oggetto fa parte di un sistema stellare binario in cui una stella di neutroni o una nana bianca orbita attorno a un’altra stella invisibile”, dice Caleb.

È possibile che esistano altri oggetti simili nella Via Lattea

Nello studio, il gruppo di ricerca scrive: “È importante studiare questa regione precedentemente inesplorata dello spazio parametrico delle stelle di neutroni per ottenere un quadro completo dell’evoluzione delle stelle di neutroni, e questa potrebbe essere una risorsa importante a questo scopo”.

Cos’è una stella di neutroni?

Secondo la NASA, una stella di neutroni si forma quando muore una stella con una massa compresa tra 8 e 30 masse solari. La materia esterna della stella viene espulsa nello spazio in un’esplosione di supernova. I resti della stella collassano sotto la sua stessa gravità, creando un oggetto piccolo e molto denso, una stella di neutroni.

Ne esistono di diversi tipi: le normali stelle di neutroni non si fanno notare, mentre le pulsar ruotano ed emettono radiazioni radio, come un faro che irradia la sua luce. Le magnetar, invece, hanno un campo magnetico molto forte che si muove ed esplode. Tutti e tre i tipi di stelle di neutroni si comportano in modo prevedibile.

Innanzitutto non è chiaro da quanto tempo ASKAP J1935+2148 emetta segnali radio, poiché solitamente questo tipo di segnale non viene ricercato. È possibile che nella Via Lattea esistano molti altri oggetti simili che non sono ancora stati scoperti. Recentemente, anche un altro gruppo di ricerca ha scoperto segnali insoliti nell’universo. (fattura non pagata)

Related articles