Un telescopio spaziale osserva una stella conosciuta da tempo

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

A sinistra: la regione di formazione stellare Rho Ophiuchi, ripresa utilizzando il telescopio spaziale Spitzer della NASA. Al centro c’è l’area WL20. A destra: una rappresentazione artistica del sistema stellare binario WL20S, circondato da dischi di polvere e getti. © NSF statunitense/NSF NRAO/B. Saxton. NASA/JPL-Caltech/Harvard-Smithsonian CfA

Un gruppo di ricerca pensa di conoscere bene la stella e si sbaglia di grosso. Il telescopio spaziale James Webb rivela una grande sorpresa.

WASHINGTON, D.C. – La stella WL 20S fa parte di un giovane gruppo di stelle chiamato WL 20 che è stato studiato da vicino da almeno cinque telescopi a partire dagli anni ’70. “Dopo aver studiato questa fonte per decenni, pensavamo di conoscerla abbastanza bene”, afferma l’astronoma Marie Barsoni, autrice principale di un nuovo studio su WL 20S. Nelle indagini è stato utilizzato il James Webb Space Telescope (JWST) e il gruppo di ricerca è stato sorpreso da una scoperta inaspettata.

La stella WL 20S non è solo una singola stella, ma un intero sistema stellare binario formatosi circa due o quattro milioni di anni fa, mostra lo strumento JWST MIRI. “Rimanevamo a bocca aperta”, ricorda Barsone. Annuncio della NASA. “Se non fosse stato per MIRI non avremmo saputo che si trattava di due stelle. È davvero sorprendente. “È come avere occhi completamente nuovi”.

Una delle stelle del sistema sembra essere molto più giovane delle altre

“Quello che abbiamo scoperto era assolutamente incredibile”, dice Barsone in uno di essi. avviso Osservatorio Nazionale di Radioastronomia. “Conosciamo il sistema stellare WL 20 da molto tempo. Ma quello che abbiamo notato è che una delle stelle in questo sistema appariva molto più giovane delle altre.”

Ulteriori osservazioni dal telescopio ALMA in Cile hanno confermato la nuova scoperta. “Utilizzando MIRI e ALMA, abbiamo visto che questa stella era in realtà due stelle una accanto all’altra. “Ognuna di queste stelle era circondata da un disco e ciascun disco emetteva raggi paralleli all’altro”, spiega Barsoni la polvere attorno alle stelle potrebbe indicare che i pianeti si formano in questi dischi.

“La potenza di questi due telescopi insieme è davvero incredibile.”

“La potenza di questi due telescopi insieme è davvero incredibile”, conferma Mike Ressler, coautore dello studio “Se non avessimo visto che c’erano due stelle, i risultati di ALMA sarebbero sembrati un unico disco con un buco all’interno al centro, invece, ora abbiamo nuovi dati sul passaggio di due stelle in una fase critica della loro vita.

Il fatto che il gruppo di ricerca abbia fatto questa scoperta è stata solo una grande coincidenza, spiega Ressler. Gli restava del tempo per osservare il telescopio spaziale James Webb e decise di osservare WL 20, un sistema stellare che studiava da quasi 30 anni. “Abbiamo avuto un’occasione molto fortunata con ciò che abbiamo trovato e i risultati sono stati sorprendenti.”

WL 20S si trova nella regione di formazione stellare di Rho Ophiuchi

WL 20 si trova nella ben studiata regione di formazione stellare Rho Ophiuchi, a circa 400 anni luce dalla Terra. La regione è circondata da dense nubi di gas e polvere che bloccano la maggior parte della luce visibile. Tuttavia, il telescopio spaziale James Webb è in grado di rilevare la luce infrarossa che penetra in questi strati. MIRI rileva le lunghezze d’onda dell’infrarosso più lunghe di tutti gli strumenti a bordo del telescopio ed è quindi particolarmente adatto per osservare regioni oscure di formazione stellare come WL 20.

Le onde radio, che possono penetrare anche la polvere, hanno proprietà diverse rispetto alla luce infrarossa. I dischi di gas e polvere attorno alle due stelle in WL 20S emettono luce in un intervallo che gli astronomi chiamano submillimetrico. Queste lunghezze d’onda penetrano anche nelle nubi di gas circostanti e sono state osservate da ALMA.

Le stelle hanno superato la fase iniziale di formazione

ALMA può anche osservare nubi di materiale residuo attorno a giovani stelle. Queste nubi sono costituite da intere molecole, come il monossido di carbonio, che emettono luce a queste lunghezze d’onda maggiori. L’assenza di queste nubi nelle osservazioni di ALMA indica che le stelle hanno superato lo stadio iniziale di formazione. “È sorprendente che questa regione abbia ancora così tanto da imparare sul ciclo di vita delle stelle”, aggiunge Ressler. “Sono entusiasta di vedere cosa rivelerà il film di Webb.” (fattura non pagata)

Related articles