Un nuovo studio trova i fattori di rischio per la malattia mentale

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. mondo

Insiste

Gli antichi virus presenti nei nostri geni erano considerati “spazzatura del DNA”. Ma i retrovirus sono più attivi del previsto e potrebbero svolgere un ruolo in malattie come la depressione.

LONDRA – Il fatto che una persona soffra o meno di una malattia mentale dipende da vari fattori. La pandemia di Corona, ad esempio, ha causato un rapido aumento Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ora un nuovo studio mostra che gli antichi virus presenti nel nostro DNA potrebbero anche essere un fattore di rischio per le malattie mentali. Ciò potrebbe rivoluzionare la ricerca sulla salute mentale.

Pericoli nascosti nel DNA: retrovirus vecchi di milioni di anni

Almeno dopo il Corona virus sono diventate note diverse modalità di trasmissione dei virus: ad esempio attraverso l’aria o tramite goccioline. I cosiddetti retrovirus endogeni umani, o HERV in breve, sono virus antichi che vengono trasmessi di generazione in generazione attraverso il genoma umano. La sua età è speciale: studi Questi risultati suggeriscono che la maggior parte dei cosiddetti inserimenti di HERV nella sequenza del DNA umano si sono verificati circa 1,2 milioni di anni fa.

“Fino a poco tempo fa, si presumeva che questi ‘virus fossili’ fossero solo rifiuti di DNA e non avessero alcuna funzione importante nel corpo”, hanno detto i ricercatori guidati da Rodrigo Duarte del King’s College, il cui studio ha ora rivelato nuove scoperte rivoluzionarie.

IL Lo Human Gene Project lo ha già rivelatoCirca l’8% dei nostri geni proviene da retrovirus. Come la fine di maggio Rivista commerciale natura Studio pubblicato Lo studio ha rivelato che questi antichi virus potrebbero rimanere attivi. Provoca anche malattie mentali come la depressione, il disturbo bipolare o la schizofrenia. Gli scienziati sapevano già che i disturbi mentali hanno un’importante componente genetica. Ma un gruppo di ricerca guidato da Rodrigo Duarte del King’s College di Londra ha ora identificato i fattori di rischio.

Le malattie mentali possono avere diverse cause. Lo studio fornisce nuove intuizioni (Avatar) © IMAGO/Zoonar.com/Berit Kessler

Retrovirus nel cervello: “Potenziale per rivoluzionare la ricerca sulla salute mentale”

I ricercatori hanno prelevato materiale genetico post mortem da 792 cervelli e hanno anche analizzato i dati di ampi studi genetici che hanno coinvolto decine di migliaia di persone con e senza malattie mentali. Confrontandolo con un database del genoma, gli scienziati sono stati in grado di determinare quale dei geni attivi di queste persone aveva un’origine virale.

Di questi, i ricercatori ne hanno classificati cinque come “HERV ad alto rischio”. Due retrovirus sono specifici della schizofrenia, uno è associato al rischio sia del disturbo bipolare che della schizofrenia e l’altro è importante nella depressione maggiore. Tuttavia, lo studio non ha fornito prove che i retrovirus possano anche essere un fattore di rischio per l’ADHD o l’autismo.

“I nostri risultati suggeriscono che queste sequenze virali probabilmente svolgono un ruolo più importante nel cervello umano di quanto si pensasse inizialmente”, ha detto uno degli autori dello studio. Timothy Powell sui risultati. Douglas Nixon, un altro coautore dello studio, ha commentato: “Crediamo che una migliore comprensione di questi antichi virus e dei geni noti associati ai disturbi psichiatrici abbia il potenziale per rivoluzionare la ricerca sulla salute mentale e portare a nuovi trattamenti o diagnosi per questi disturbi. ” . Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio la funzione degli HERV.

Nel frattempo, ci sono stati progressi significativi nella ricerca sul Long Covid. I ricercatori hanno scoperto la causa dell’insidiosa “nebbia cerebrale”.

Related articles