Un gruppo di ricerca svela il segreto della Grande Macchia Rossa su Giove

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

La Grande Macchia Rossa su Giove è il più grande uragano del sistema solare. L’immagine è vista dalla prospettiva del telescopio spaziale Hubble nel 2017. © NASA/ESA

Gli scienziati si interrogano da tempo sull’età della Grande Macchia Rossa di Giove. Ora ci sono finalmente delle risposte.

Bilbao – La “Grande Macchia Rossa” su Giove è nota da secoli. Puoi persino vederlo usando i telescopi amatoriali. È il più grande uragano del nostro sistema solare, così grande che la Terra potrebbe entrarci più di una volta. Ma una domanda inizialmente è rimasta senza risposta: quanti anni ha questa tempesta su Giove? Le prime osservazioni risalgono al XVII e all’inizio del XVIII secolo. Una delle più antiche è quella dell’astronomo Giovanni Cassini del 1665, che segnalò una “macchia permanente”.

Tuttavia, per molto tempo non è stato chiaro se la Grande Macchia Rossa fosse così antica e se Cassini l’avesse effettivamente osservata. La “macchia permanente” di Cassini fu vista l’ultima volta nel 1713. Una macchia ampia e chiara su Giove fu scoperta di nuovo solo nel 1831. Era lo stesso posto scoperto da Cassini? La tempesta è stata osservata ininterrottamente dal 1878, quindi è abbastanza lecito ritenere che la tempesta sia stata su Giove sin dal 1800.

Quanti anni ha la Grande Macchia Rossa su Giove?

Un gruppo di ricerca guidato da Agustín Sánchez La Vega dell’Università dei Paesi Baschi di Bilbao ha scoperto che la “macchia permanente” di Cassini non è la “Grande Macchia Rossa” che possiamo vedere oggi su Giove. A questo scopo sono state valutate osservazioni storiche dal XVII secolo ai giorni nostri.

“Dalle misurazioni delle dimensioni e del movimento, concludiamo che è improbabile che l’attuale Grande Macchia Rossa sia la ‘macchia permanente’ osservata da Cassini”, ha detto Sanchez Lavega in una nota. avviso. “La ‘macchia permanente’ probabilmente è scomparsa tra la metà del XVIII e il XIX secolo, quindi ora possiamo dire che la macchia rossa ha più di 190 anni”, ha aggiunto. Nella rivista specializzata Lettere di ricerca geofisica pubblicato.

La Grande Macchia Rossa su Giove è stata osservata fin dal 19° secolo

Nel 1879, l’asse più lungo della Grande Macchia Rossa era di 39.000 km, ma oggi è solo di circa 14.000 km. Lo spot ora è rotondo e sembra ruotare più velocemente. Gli scienziati hanno notato che la “Grande Macchia Rossa” si sta restringendo da molti anni. Diverse missioni spaziali hanno già studiato da vicino questo fenomeno, la più recente delle quali è la sonda spaziale Juno della NASA. Ha dimostrato che la Grande Macchia Rossa su Giove è piatta e sottile, un’informazione importante per gli scienziati che studiano la formazione della macchia.

La Grande Macchia Rossa su Giove, catturata dalla sonda spaziale Juno della NASA nell'aprile 2018.
La Grande Macchia Rossa su Giove, ripresa dalla sonda spaziale Juno della NASA nell’aprile 2018. © NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Gerald Eichstadt/Sean Doran

I risultati dello studio suggeriscono che la massiccia tempesta potrebbe essere il risultato di una supertempesta. Tali supertempeste sono state osservate su Saturno, dove diversi vortici più piccoli si fondono per formare tempeste più grandi. Le sue forme ricordano la Grande Macchia Rossa di Giove. Il team ritiene inoltre che inizialmente possa essere apparso un “precursore” della “Grande Macchia Rossa”, che poi si è nuovamente rimpicciolito nel tempo. Poi arrivò la Grande Macchia Rossa, notata per la prima volta nel XIX secolo e visibile ancora oggi.

Giove e la Grande Macchia Rossa, catturati dalla sonda Juno della NASA nel 2019.
Giove e la Grande Macchia Rossa, ripresi dalla sonda spaziale Juno della NASA nel 2019. © NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Kevin M. Gill

Come si restringe la Grande Macchia Rossa su Giove?

In futuro, la ricerca prevede di riprodurre il restringimento della “Grande Macchia Rossa”. Gli scienziati vogliono comprendere meglio i meccanismi fisici che garantiscono che la macchia rimanga relativamente stabile per un lungo periodo di tempo. Per la scienza è anche particolarmente interessante sapere se la “grande macchia rossa” si dissolve e scompare quando raggiunge una certa dimensione. Come potrebbe essere il caso della “sede permanente” di Cassini. (fattura non pagata)

Related articles

Adolescente (25) ucciso durante un rituale sciamanico in Italia – Gli investigatori rilasciano dettagli sulla causa della morte

tzil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 6:18Da: Robin DittrichPremeredivisoLa morte di un barista di 25 anni ha...

Il piano del semaforo non influisce solo sul tipo di motore del veicolo elettrico

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 4:52da: Patrick FreewahInsisteDivideIl governo federale non intende solo promuovere i...