Un gruppo di ricerca annuncia un’importante scoperta su Marte: “Pensavamo fosse impossibile”

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Un gruppo di ricerca ha scoperto per la prima volta ghiaccio d’acqua sull’equatore di Marte. Questa scoperta potrebbe avere importanti conseguenze per le future missioni su Marte.

BERNA – Marte è ormai considerato un pianeta arido che ha perso la sua acqua. Ma il ghiaccio d’acqua è già stato trovato in alcune zone del pianeta, ad esempio ai poli. Ora i ricercatori sono stupiti dalla nuova scoperta di ghiaccio d’acqua su Marte, in particolare al suo equatore.

“Pensavamo che fosse impossibile che si formasse del ghiaccio attorno all’equatore marziano perché la combinazione di luce solare e atmosfera sottile mantiene le temperature relativamente alte sia sulla superficie che sulle cime delle montagne, a differenza della Terra, dove puoi vedere i picchi di gelo che ti aspetteresti. ” Adomas Valantinas è un ex dottorando presso l’Università di Berna e ora ricercatore post-dottorato presso la Brown University negli Stati Uniti.

Gelo inaspettato all’equatore marziano: sottili strati di brina sui vulcani

Valentinas, in collaborazione con un gruppo di ricerca internazionale, ha valutato i dati ricevuti dalle sonde marziane europee “ExoMars Trace Gas Orbiter” (TGO) e “Mars Express” e ha scoperto il gelo inaspettato. Era lo studio Nella rivista specializzata Scienze naturali della terra pubblicato. Sottili strati di brina si trovano sulle cime dei vulcani Tharsis come il vulcano più alto del sistema solare, l’Olympus Mons o il Monte Arsia, estinto da tempo.

Gli strati di brina sono molto sottili, in uno strato Annuncio dell’Università di Berna Stiamo parlando dello spessore di un capello umano (un centesimo di millimetro). Sottili strati di ghiaccio sono visibili solo per poche ore all’alba prima di evaporare alla luce del sole. Spiega Valentinas: “La quantità di gelo equivale a circa 150.000 tonnellate di acqua scambiate ogni giorno tra la superficie e l’atmosfera durante la stagione fredda, il che equivale a circa 60 piscine olimpioniche”.

Ghiaccio d’acqua sull’equatore marziano: importante per le future missioni su Marte

“La presenza di brina in questo sito è emozionante e indica il verificarsi di processi insoliti che consentono la formazione di brina”, afferma il ricercatore. Questi processi probabilmente comportano una speciale circolazione d’aria sulla regione di Tharsis, creando un microclima unico nei crateri vulcanici.

Il vulcano più grande del sistema solare, l'Olympus Mons, è stato fotografato di primo mattino dalla navicella spaziale Mars Express dell'Agenzia spaziale europea.  L'immagine è stata scattata la mattina presto (7:20 ora solare locale), motivo per cui si vede uno strato di brina inaspettatamente sottile.
Il vulcano più grande del sistema solare, l’Olympus Mons, è stato fotografato di primo mattino dalla navicella spaziale Mars Express dell’Agenzia spaziale europea. L’immagine è stata scattata la mattina presto (7:20 ora solare locale), motivo per cui si vede uno strato di brina inaspettatamente sottile. © Agenzia spaziale europea/Centro aerospaziale tedesco/Università Vu di Berlino

“Capire dove si trova l’acqua e come viene trasportata è importante per le future missioni su Marte e per la potenziale esplorazione umana”, sottolinea Nicholas Thomas, che supervisiona la fotocamera CaSSIS di TGO, che cattura più di 5.000 immagini a colori ad alta risoluzione di Marte. Studiare. “Il fatto che ora siamo riusciti a rilevare la deposizione notturna di ghiaccio d’acqua sulla superficie di Marte a lunghezze d’onda ottiche e con alta risoluzione è un’ulteriore prova delle impressionanti capacità scientifiche del sistema di telecamere di Berna”, dice il ricercatore.

Trovare acqua su Marte “è sempre emozionante”

“Trovare acqua su Marte è sempre emozionante, sia in termini di utilità scientifica che in termini di implicazioni per l’esplorazione umana e robotica”, afferma Colin Wilson, che lavora per l’Agenzia spaziale europea sia su TGO che sulla sonda Mars Express. Questa scoperta è particolarmente notevole.” (fattura non pagata)

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...