Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trattare con la cultura russa: Putin accusa l’Occidente di tattiche naziste

Stato: 25/03/2022 16:55

Il presidente russo Putin ha paragonato la cancellazione dei concerti di artisti russi ai metodi nazisti. Qualsiasi cosa russa è discriminata in Occidente. Il ministro degli Esteri Lavrov ha affermato che l’Europa vuole eliminare e soffocare la Russia.

Il presidente russo Vladimir Putin ha accusato l’Occidente di condurre una campagna in stile nazista contro la cultura russa. “L’ultima volta in Germania i nazisti hanno lanciato una campagna così massiccia per distruggere la letteratura inappropriata è stato quasi 90 anni fa”, ha detto Putin in un incontro con artisti e operatori culturali. “Tchaikovsky, Shostakovich e Rachmaninov saranno rimossi dalla pubblicità dei concerti e anche gli autori russi ei loro libri saranno banditi”, ha affermato Putin, riferendosi all’incendio di libri nazisti nella Germania di Hitler.

“Oggi stanno cercando di” cancellare “un intero paese millenario, il nostro popolo”, ha detto Putin nella giornata degli operatori culturali. Tutto ciò che riguarda la Russia è discriminato con l’approvazione delle élite al potere. Il 69enne ha criticato il fatto che i film di Hollywood si comportassero come se solo gli Stati Uniti avessero liberato l’Europa dal fascismo di Hitler durante la seconda guerra mondiale. E il coraggio dell’Armata Rossa, i cui soldati contribuirono in modo decisivo alla vittoria su Hitler, fu ignorato.

“La diversità culturale è la forza del nostro Paese”

“Questo è inimmaginabile nel nostro Paese”, ha detto Putin nella sua residenza a Novo-Ogaryovo, vicino a Mosca. Per la Russia, la cultura nazionale è inseparabile dalla Patria, non c’è posto per il fanatismo. “La diversità culturale è l’orgoglio della società, è la forza e il vantaggio del nostro Stato”, ha affermato il capo del Cremlino.

READ  Topless: "Comunque, vista disgustosa" - Putin si lascia provocare dal G7

Molti artisti russi vicini al Cremlino, come il direttore d’orchestra e amico di Putin, Valery Gergiev, hanno perso i contatti nell’Unione Europea e negli Stati Uniti dopo l’attacco russo all’Ucraina. Ma molti hanno lasciato la Russia o si sono dimessi dalle loro posizioni perché non sostengono la guerra di Putin contro l’Ucraina. Ad esempio, Olga Smirnova, una ballerina del Bolshoi Ballet, ha lasciato la sua patria per protesta. e si trasferì in Olanda.

L’Ucraina accusa la Russia di aver preso letteratura ucraina indesiderata dalle biblioteche dei territori occupati. D’altra parte, la Russia si lamenta della soppressione della sua lingua in Ucraina.

Lavrov parla di dichiarare guerra totale

Anche il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha sollevato gravi accuse contro l’Occidente. Riferendosi alle sanzioni occidentali, ha parlato di una “guerra ibrida” diretta contro Mosca. “Oggi hanno dichiarato una vera guerra mista, una guerra totale”, ha affermato Lavrov dall’agenzia di stampa statale TASS in un incontro con i rappresentanti dell’establishment diplomatico. “Questo termine, usato nella Germania di Hitler, è ora usato dai politici europei quando parlano di cosa vogliono fare con la Federazione Russa”, ha affermato Lavrov.

Nel 1943, il capo della propaganda nazista Joseph Goebbels invocò la “guerra totale” nel suo famoso discorso allo Sportpalast. Il 1° marzo il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire ha parlato di “guerra totale” contro la Russia sia economicamente che finanziariamente alla luce delle sanzioni imposte, ma ha ritrattato lo stesso giorno dopo le critiche.

“Fuorilegge in sanzioni”

Lavrov ha detto che i politici europei volevano “distruggere, spezzare, annientare, strangolare” la Russia. “Quando vediamo queste sanzioni extragiudiziali, è ovviamente chiaro che tutti questi valori che i nostri colleghi occidentali hanno costantemente sostenuto – vale a dire, la libertà di parola, l’economia di mercato, l’inviolabilità della proprietà privata e la presunzione di innocenza – sono di senza valore.”

READ  Guerra in Oriente: ci sono segnali crescenti che l'Ucraina sta riprendendo forza

A causa della guerra della Russia contro l’Ucraina, giovedì le sette maggiori potenze economiche democratiche (G7) e l’Unione europea hanno concordato nuove sanzioni volte a rendere più difficili le transazioni in oro per la Russia. Gli Stati Uniti hanno anche imposto nuove sanzioni a centinaia di membri del parlamento russo e ad altri membri dell’élite russa.