Tentativo di colpo di stato in Bolivia: nove feriti e un generale arrestato

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

La lotta per il potere in America Latina
Un generale viene arrestato dopo il tentato colpo di stato in Bolivia

Tentativo di colpo di stato fallito: arrestato in Bolivia l’ex capo dell’esercito, generale Juan José Zuniga

© Juan Carreta/AFP/dpa

I tentativi di colpo di stato militare hanno una lunga tradizione in America Latina. Adesso un generale ci ha riprovato in Bolivia. Forse voleva impedire a un ex capo di Stato di candidarsi alla presidenza.

I soldati prendono d’assalto la piazza centrale di La Paz, i blindati prendono d’assalto le porte del Palazzo del Governo: la Bolivia è sull’orlo di una crisi di stato per qualche ora, ma poi il leader dei golpisti viene arrestato e le truppe si ritirano.

Secondo il ministro dell’Interno Eduardo del Castillo, nove persone sono rimaste ferite nel fallito tentativo di colpo di stato. I media locali hanno riferito all’unanimità che il capo dell’esercito, generale Juan José Zuniga Macias, è stato arrestato mercoledì a La Paz. La Procura ha aperto un’indagine sull’ufficiale e sui suoi cospiratori. Zuniga è accusato di terrorismo e ribellione armata contro la sicurezza e la sovranità dello Stato.

Il capo dello Stato Luis Arce e il generale rinnegato si erano recentemente incontrati faccia a faccia nei corridoi del palazzo del governo di Quemado. “Ritirate tutti i soldati. Questo è un ordine”, ha gridato il presidente. “Hai intenzione di disobbedirmi?”

L’intero comando delle Forze Armate della Bolivia è stato sostituito

Poco dopo lo scambio di colpi, ha rimosso il comandante dell’esercito dal suo incarico e ha sostituito l’intera leadership delle forze armate. Il nuovo comandante militare, Jose Wilson Sanchez, ha prestato giuramento nel palazzo presidenziale. Ha chiesto il ripristino della pace e dell’ordine. “Ordino a tutte le forze riunite nelle strade di tornare alle loro unità”, ha detto Sanchez, aggiungendo: “Chiediamo che il sangue dei nostri soldati non venga versato”. I nuovi comandanti delle forze armate hanno quindi ordinato alle truppe di ritirarsi dal centro della sede del governo a La Paz. “Ringrazio il popolo boliviano”, ha poi gridato Arce dal balcone del Palazzo del Governo, circondato dai suoi ministri.

In precedenza, i soldati di Zúñiga occupavano la piazza centrale di La Paz e speronavano le porte del Palazzo del Governo con un carro armato, come visto dalla televisione boliviana. “Condanniamo la mobilitazione irregolare di alcune unità dell’esercito boliviano. La democrazia deve essere rispettata. Non possiamo permettere alcun tentativo di colpo di stato”, ha scritto il presidente boliviano Luis Arce sulla piattaforma X news.

Le tensioni in Bolivia sono aumentate in vista delle elezioni parlamentari previste per il 2025. Sembra che il tentativo di colpo di stato fosse diretto contro l’ex capo di stato Evo Morales (2006-2019). L’ex presidente di sinistra intende candidarsi contro il suo ex alleato Arce, creando una profonda spaccatura nel Partito socialista al governo e aumentando l’incertezza politica. Il capo di Stato di sinistra si è dimesso nel 2019 sotto la pressione dell’esercito dopo che l’opposizione e gli osservatori elettorali internazionali lo avevano accusato di frode nelle elezioni presidenziali.

L’ex presidente Morales e il presidente Arce sono in competizione per il potere

Dopo una serie di sentenze, al primo presidente indigeno del paese è stato vietato di candidarsi per un altro mandato. L’ex coltivatore di coca vuole ancora candidarsi alle elezioni presidenziali del prossimo anno. Morales e l’attuale capo dello Stato, Arce, sono attualmente in competizione per il ruolo di leadership nel partito Movimento verso il Socialismo.

“Siamo convinti che la democrazia sia l’unico modo per risolvere le differenze e che le istituzioni e lo stato di diritto debbano essere rispettati”, ha scritto Morales in un messaggio sul sito X. Ha aggiunto: “Ribadiamo la nostra richiesta di arrestare tutte le persone coinvolte in questo crimine e consegnarle alla giustizia”. Consegnateli alla giustizia.”

Zuniga ha dichiarato in una dichiarazione ai media che il colpo di stato è stato effettuato in coordinamento con il presidente Arce. “Il presidente mi ha detto che la situazione è pessima. È necessario preparare qualcosa per aumentare la sua popolarità”, ha detto in televisione il generale Zuniga prima del suo arresto. “Gli ho chiesto: eliminiamo i carri armati, e lui ha risposto: eliminiamoli”.

I colpi di stato militari hanno una lunga tradizione in America Latina

In America Latina le forze armate effettuano di tanto in tanto colpi di stato. Negli anni ’70 e ’80, in particolare, molti paesi della regione erano governati da giunte militari. In Argentina, Cile e Brasile decine di migliaia di persone caddero vittime della loro tirannia.

I capi di Stato e di governo della regione hanno inizialmente reagito condannando l’operato dei soldati. Il presidente dell’Honduras Xiomara Castro ha dichiarato: “Le forze armate hanno effettuato ancora una volta un colpo di stato criminale”. Ha invitato i membri della Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi (CELAC) a condannare il fascismo che ha invaso la democrazia in Bolivia. Il presidente del Paraguay, Santiago Pena, ha chiesto il rispetto della democrazia e dello stato di diritto. Il suo collega in Cile, Gabriel Buric, era preoccupato. La violazione dell’ordine costituzionale non dovrebbe essere tollerata. Il presidente messicano Andrés Manuel Lopez Obrador ha dichiarato nelle sue dichiarazioni a Channel X: “Condanniamo fermamente il tentativo di colpo di stato in Bolivia. Appoggiamo pienamente il presidente Luis Alberto Arce Catacura”.

Le Nazioni Unite hanno espresso la loro preoccupazione per gli eventi in Bolivia. “Chiediamo alla società boliviana, comprese le forze armate, di agire in modo responsabile e di sostenere i valori democratici”, hanno affermato le Nazioni Unite in una nota.

Anche la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha fortemente criticato il tentativo di colpo di stato in Bolivia. “Condanno fermamente i tentativi di rovesciare il governo democraticamente eletto della Bolivia”, ha scritto von der Leyen sulla piattaforma X mercoledì sera tardi. L’Unione Europea sta dalla parte delle democrazie.

Anche molti presidenti dell’America Latina hanno rifiutato l’iniziativa militare. Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha dichiarato: “Condanniamo qualsiasi forma di colpo di stato in Bolivia e riaffermiamo il nostro impegno nei confronti del popolo e della democrazia nel nostro paese fratello”. “Non possiamo tollerare alcuna violazione dell’ordine costituzionale legittimo in Bolivia o altrove”, ha scritto il presidente cileno Gabriel Poric sulla piattaforma di notizie X.

mod/cl
Reuters
Dipartimento per la protezione dei dati

Related articles

Turista italiana prima salvata dalle lavoratrici stagionali, poi violentata?

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 21 luglio 2024, 22:39Da: Moritz BlitzingerPremeredivisoDue uomini avrebbero prelevato un turista dalla strada a...

Audi riporta le auto elettriche rottamate e taglia i prezzi delle auto elettriche

Home pageun lavorostava in piedi: 21 luglio 2024, 15:14da: Patrick FreewahInsisteDivideTuttavia, il nuovo modello Audi Q4 non è...

Questi sono i vincitori di quest’anno del premio di gioco da tavolo più prestigioso al mondo

I vincitori delle tre categorie Gioco dell'anno sono stati annunciati ufficialmente domenica a Berlino. Ogni estate viene assegnato il...

L’atmosfera terrestre ha dimostrato di essere il miglior scudo protettivo contro le supernove vicine

Home pageLo sappiamostava in piedi: 21 luglio 2024, 19:13da: Giuliano MayerInsisteDivideIn teoria, una supernova potrebbe rappresentare una grave...