Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Summit delle Nazioni Unite sul clima: ora i peccatori climatici più poveri stanno cambiando le carte in tavola

SL’undicesimo, gli esperti climatici di Glasgow hanno espresso all’unanimità una valutazione positiva degli annunci fatti da alti politici. Quello che il primo ministro indiano Narendra Modi ha annunciato all’inizio della Conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP26 è una delle eccezioni. Il suo paese otterrà metà del suo consumo energetico da fonti rinnovabili entro il 2030, il che ridurrà significativamente la produzione di energia da carbone. Gli esperti hanno scoperto che questo è stato un importante passo avanti.

Allo stesso tempo, ha spiegato il suo prezzo. L’India si aspetta che il mondo sviluppato fornisca $ 1 trilione di finanziamenti per il clima. “È una questione di equità che quei paesi che non hanno mantenuto le loro promesse siano ora sottoposti a maggiori pressioni”, ha affermato Modi.

Alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Copenaghen nel 2009, ai paesi poveri è stato promesso un importo annuo di 100 miliardi di dollari. Dovrebbe essere disponibile entro il 2020 al più tardi, ma ciò non è accaduto. Ora la somma dovrebbe essere pronta in due anni, si dice Glasgow.

Leggi anche

Il primo ministro indiano chiede dieci volte più soldi di quelli che aveva promesso in precedenza per conto di altri paesi in via di sviluppo ed emergenti. Anche il presidente cinese Xi Jinping, che non è a Glasgow, ha invitato le nazioni industrializzate a dare maggiore sostegno alle nazioni emergenti e in via di sviluppo.

È chiaro che l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi e raggiungere la neutralità climatica globale entro la metà del secolo non può essere raggiunto senza la cooperazione di tutti i paesi. I paesi poveri sono riusciti a esercitare pressioni sui paesi ricchi, non ultimo per determinare chi è effettivamente responsabile del cambiamento climatico. I paesi del G20 sono responsabili dell’80% dei gas serra mondiali e la Cina è di gran lunga il primo consumatore di carbone, seguita da India e Stati Uniti. La Germania è al decimo posto.

READ  Bielorussia: Maas annuncia nuove sanzioni nella disputa sull'immigrazione

Lo scambio di scioperi tra Stati Uniti e Cina

L’impatto geopolitico del cambiamento climatico si può vedere anche nello scambio verbale di colpi tra i due grandi nemici, gli Stati Uniti e la Cina. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha ricordato al suo omologo Wang Yi prima dell’inizio della COP 26 che “spetta alla Cina, in quanto maggiore inquinatore climatico del mondo, fare ciò che è giusto e importante per la sua gente. Se non lo facciamo noi qualcosa insieme, prendere provvedimenti.” necessario verso l’obiettivo di 1,5 gradi, quindi abbiamo un problema.”

Ma la leadership di Pechino è rimasta inalterata e non ha presentato nuovi obiettivi nazionali prima dell’inizio della conferenza sul clima. La diplomazia climatica può agire dove è necessaria l’azione. Ma nel caso della Cina, la pura pressione internazionale è uno strumento complicato. Pechino non indicherà mai pubblicamente che sta facendo qualcosa perché gli Stati Uniti lo richiedono”, afferma Jennifer Tolman.

Leggi anche

L’esperto dell’E3G Climate Research Center rileva inoltre che Pechino ha annunciato miglioramenti, seppur a paragrafi. Perché quando i capi di stato e di governo lasceranno Glasgow martedì sera, il vertice sul clima delle Nazioni Unite inizierà davvero, e forse anche per la Cina. Fino al 12 novembre, e forse qualche giorno dopo, gli Stati parti contrarranno e negozieranno.

La cancelliera Angela Merkel al 26° vertice delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow

La cancelliera Angela Merkel al 26° vertice delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow

Fonte: picture alliance/dpa/governo federale

“Qui a Glasgow è in corso il processo di negoziazione di un nuovo obiettivo di finanziamento del clima a partire dal 2025. Le richieste del primo ministro indiano Modi sono state l’inizio di questo processo”, spiega Rexa Schwartz, responsabile della politica climatica internazionale per lo sviluppo. e l’organizzazione ambientale Germanwatch.

Poiché ogni partito statale ha lo stesso potere di voto, non può esserci successo a Glasgow senza consenso. Con questo in mente, anche i piccoli stati possono avere un impatto enorme, ha detto Schwartz. “Il Gambia, ad esempio, ha fissato confini politici molto elevati introducendo un programma climatico nazionale che si allinea con l’obiettivo di 1,5 gradi. I paesi benestanti non vogliono rappresentare una barriera”, afferma l’esperto di clima.

Leggi anche

La grandezza delle prospettive per Glasgow è particolarmente evidente nelle discussioni con i rappresentanti dei paesi poveri. “Il nostro paese sta vivendo sempre più inondazioni e siccità che minacciano le forniture. Ottenere denaro dai fondi per il clima è molto burocratico, afferma Magin Herrera López, vice ministro dell’ambiente della Bolivia. Ma non abbiamo solo bisogno di un migliore accesso ai finanziamenti. Ma anche di regole per proteggere il clima vale per tutti».

All’ordine del giorno del vertice, che è appena iniziato, c’è anche l’adozione di un regolamento comune per misurare le azioni da intraprendere nella lotta al riscaldamento globale.

Leggi anche

decisione sbagliata?  La centrale nucleare di Emsland in Bassa Sassonia deve essere chiusa entro il 31 dicembre 2022