Dicembre 10, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Studio: ecco come il sole e i raggi UV possono prevenire il cancro della pelle

Le scottature e l’esposizione incontrollata al sole all’aperto, con una maggiore esposizione ai raggi UV, possono aumentare il rischio di cancro della pelle. I tipi di pelle chiara e le predisposizioni genetiche sono più a rischio. D’altra parte, un’esposizione al sole moderata ed equilibrata non solo contribuisce notevolmente a uno stile di vita sano, ma previene anche lo sviluppo di melanomi maligni con produzione di vitamina D.


I fattori di rischio che, secondo l’RKI, aumentano il rischio di sviluppare il cancro della pelle sono, tra gli altri, congeniti o ereditari: i fattori di rischio congeniti più importanti includono nei pigmentati particolarmente grandi già presenti alla nascita e il tipo di pelle chiara. Se diversi parenti di primo grado hanno un melanoma maligno, ciò può indicare un aumento del rischio in famiglia a causa di mutazioni ereditarie.


E l’uso irresponsabile della luce solare e dei raggi UV può avere anche degli svantaggi, perché le scottature a qualsiasi età aumentano il rischio: anche chi è stato esposto ai raggi UV incontrollati in qualche fase della vita, infanzia, adolescenza o età adulta, ha un aumento. Presunto rischio di cancro della pelle. Questo perché il melanoma maligno deriva principalmente da un’esposizione UV simile a un trauma in cui la pelle non è in grado di adattarsi a un’esposizione UV più intensa, ad esempio a causa delle frequenti vacanze estive con luce solare intensa.

Prendere il sole moderati ed equilibrati in un ambiente controllato, oltre alla produzione di vitamina D, può prevenire efficacemente lo sviluppo del melanoma maligno.

© SonnenAllianz, oss

Prima di andare in vacanza al Sud, la pelle dovrebbe abituarsi pian piano agli indici UV più alti. Perché il tessuto e l’abbronzatura che ne derivano, nonché la vitamina D associata, forniscono una protezione immediata contro il melanoma maligno e le sue conseguenze.

READ  Baviera: Evento a livello record - Söder ora sta facendo di tutta la Baviera un punto caldo? Eyewanger contro di lui

Gli studi dimostrano che prendere il sole può prevenire lo sviluppo di tumori

La vitamina D influisce principalmente sulla salute delle cellule del cosiddetto epitelio, lo strato di tessuto esterno dei nostri organi e ghiandole. D’altra parte, in caso di carenza di vitamina D, le cellule tumorali possono moltiplicarsi senza ostacoli.


Ma come puoi assicurarti che le riserve di vitamina D nel corpo siano sempre abbastanza piene da combattere le cellule tumorali? Oltre all’integrazione, ovvero l’ingestione di preparati di vitamina D, la sintesi della vitamina D attraverso una moderata esposizione al sole è sempre stata la forma più naturale di adeguato apporto di vitamina D.

Se il sole, allora giusto

Abituarsi lentamente ed evitare le scottature solari sono i modi migliori per prevenire il cancro della pelle. Chi distorce l’immagine dei raggi ultravioletti del sole generalmente non è all’altezza, perché se usato correttamente protegge dai tumori maligni della pelle.


Sig. Dott. Il medico Jorg Spitz, presidente del consiglio di amministrazione di SonnenAllianz – un progetto della Fondazione tedesca per l’informazione e la prevenzione della salute – spiega: “Quando la pelle è esposta ai raggi ultravioletti, la pelle produce nel nostro corpo il proormone D, l’ormone del sole ‘ svolge compiti importanti in molti luoghi, vitamina (d) Non è solo coinvolta nella formazione di ossa e muscoli, ma svolge anche un ruolo importante nel sistema cardiovascolare, nel sistema immunitario e nel sistema respiratorio ed è necessaria per varie funzioni cerebrali , e un livello adeguato di vitamina D è raccomandato anche per la prevenzione della maggior parte dei tipi di cancro”.

READ  Cinque pianeti in fila - quando vedi la costellazione

A proposito di Sun Alliance

Per chiarire i problemi legati ai bassi livelli di vitamina D e alle incomprensioni che circondano il sole, la Fondazione tedesca per l’informazione e la prevenzione della salute guidata dallo specialista in medicina nucleare, medicina preventiva e medicina della nutrizione e fondatore della “Accademia umana di medicina”, il prof. Dr. fondatore medico Jörg Spitz SonnenAllianz.



L’obiettivo del progetto è promuovere un approccio consapevole e positivo al sole. SonnenAllianz vuole, tra l’altro, far conoscere e rendere trasparenti al grande pubblico gli aspetti salutistici del sole e allo stesso tempo sfatare o vanificare miti nella discussione pubblica con fatti scientifici.