Software Alliance: Volkswagen collabora con il produttore di auto elettriche Rivian

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

In annunci identici, Volkswagen e Rivian hanno annunciato che avrebbero creato una piattaforma tecnologica per veicoli definiti dal software basata sul software e sull’ingegneria elettrica esistenti di Rivian (origine: “E/E Engineering and Vehicle Software”). Per fare questo, l’improbabile duo – Rivian è stata fondata nel 2009 e sta ancora sviluppando la propria attività, mentre Volkswagen è una delle più grandi case automobilistiche del mondo – vuole creare una joint venture 50:50. La società con sede a Wolfsburg ha inoltre accettato di investire fino a 3 miliardi di dollari in Rivian e fino a 2 miliardi di dollari nella joint venture entro il 2026, a seconda del raggiungimento di determinati traguardi.

Per Rivian, con i suoi numeri rosso intenso, gli aspetti finanziari della collaborazione hanno la massima priorità. Nel 2023, il produttore di veicoli elettrici ha registrato una perdita netta di 5,4 miliardi di dollari. Pertanto, vi è un urgente bisogno di ricostituire le risorse di cassa. È probabile che Rivian veda il successo della joint venture 50:50. Come è noto, l’azienda ha già esperienza nella collaborazione con il gigante del commercio online Amazon, che non è su un piano di parità.

La partnership con Volkswagen si concentra sullo sviluppo di piattaforme di veicoli definiti dal software (SDV) di prossima generazione che verranno utilizzate nei futuri veicoli elettrici di entrambe le società. Il Gruppo Volkswagen investirà inizialmente 1 miliardo di dollari (circa 935 milioni di euro) in Rivian. In cambio avrete accesso diretto al software e all’ingegneria elettrica esistenti dell’azienda statunitense. Dal punto di vista della Volkswagen, questo è anche il principale vantaggio della partnership: attraverso la tecnologia di Rivian, l’azienda con sede a Wolfsburg si assicura 100 sterline per lo sviluppo attuale e futuro del software.

Come è noto, la Volkswagen è ancora indietro in questo senso. Il gruppo ha consolidato lo sviluppo di software nella sua controllata Cariad. Ma i problemi non finiscono qui: Cariad è diventata un collo di bottiglia nel lancio di nuovi veicoli. Come è noto, le auto elettriche di Porsche e Audi hanno subito notevoli ritardi, in alcuni casi fino a tre anni. L’alleanza con Rivian ora mostra che VW è alla disperata ricerca di nuovi modi per competere nel prossimo enorme mercato dei veicoli definiti dal software.

Alcuni mesi fa la Volkswagen ha attirato l’attenzione con un accordo simile con un nuovo arrivato cinese nel settore dei veicoli elettrici: con Xpeng la Volkswagen sta lavorando anche su un’architettura elettrica ed elettronica (architettura E/E), che però è progettata specificamente per il CMP della Volkswagen Fagin. Verrà integrata la piattaforma per veicoli elettrici progettata in Cina. Nell’ambito dell’alleanza la Volkswagen ha acquistato anche Xpeng.

Nella presentazione è stato spiegato brevemente l’utilizzo del nuovo software: verrà utilizzato nella SSP, ovvero la Scalable Systems Platform, il cui debutto è previsto nel 2028. Questo software sarà poi basato su una “architettura E/E adattata” e sarà in parte utilizzato anche sui DPI (Premium Platform Electric). Solo più tardi – forse a partire dal 2032/2033 – è stata pianificata la “next generation SDV”, cioè la prossima generazione di veicoli definiti dal software. Tuttavia, MEB e l’ulteriore sviluppo MEB+ continueranno a basarsi sul software Cariad E3. In futuro, l’SSP verrà utilizzato anche per sviluppare veicoli come la VW Golf elettrica, ovvero nei settori in cui VW ora utilizza MEB.

I principali contenuti della nuova partnership con Rivian non sono ancora molto dettagliati. Le due parti stanno parlando di accelerare e ridurre i costi per veicolo attraverso la loro alleanza. L’attenzione dovrebbe essere posta sul “Regional Hardware Design” di Rivian come fondamento. Rivian ha affermato che si prevede che “i diritti di proprietà intellettuale esistenti verranno concessi in licenza alla joint venture”. Dal punto di vista della Volkswagen, l’obiettivo è “accelerare i piani SDV del Gruppo Volkswagen e completare la transizione verso un’architettura regionale pura”.

Secondo i partner, l’attuale annuncio è stato preceduto da diversi mesi di test di compatibilità. La joint venture dovrebbe essere ufficialmente costituita nel quarto trimestre del 2024. La presentazione dell’accordo da parte di Volkswagen mostra anche che ciascuna parte vuole nominare un co-CEO. Nel caso di Rivian, deve essere anche il Chief Technology Officer (CTO); Nel caso di Volkswagen, il co-CEO guiderà anche le attività operative (posizione di COO). Ma i nomi non sono ancora stati fatti nello show.

Mentre Rivian concede in licenza la sua architettura E/E esistente e apporta più know-how in termini di software del veicolo, VW sarà responsabile del controllo del processo e, tra le altre cose, contribuirà con la sua esperienza nell’omologazione – un punto in cui Rivian dovrebbe trarre vantaggio dai tedeschi. competenza.

Il CEO di Volkswagen, Oliver Blume, sottolinea: “I nostri clienti beneficiano della partnership mirata con Rivian per creare un’architettura tecnologica all’avanguardia. Lavorando insieme, forniremo le migliori soluzioni per i nostri veicoli più velocemente e a costi inferiori. Agiamo anche nell’interesse dei nostri marchi forti che saranno entusiasti dei nostri prodotti distintivi. La partnership si inserisce perfettamente nella nostra strategia esistente di software, prodotti e partnership. Così facendo rafforziamo il nostro profilo tecnologico e la nostra competitività”.

RJ Scaringe, fondatore e CEO di Rivian, sottolinea che la sua azienda si è concentrata sullo sviluppo di tecnologie altamente differenziate sin dal suo inizio – “ed è entusiasmante che una delle aziende automobilistiche più grandi e rispettate al mondo lo abbia riconosciuto”. Scaringe prevede che il software di Rivian e l’architettura delle regioni associate saranno ora disponibili per un mercato più ampio. Allo stesso tempo ritiene che il capitale della sua azienda debba essere rafforzato per poter continuare a crescere. Agli azionisti è piaciuto: le azioni Rivian sono aumentate a doppia cifra dopo la chiusura.

Rivian.com, Volkswagen-group.com, Volkswagen-mms.de (Presa della corrente)

Related articles

Adolescente (25) ucciso durante un rituale sciamanico in Italia – Gli investigatori rilasciano dettagli sulla causa della morte

tzil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 6:18Da: Robin DittrichPremeredivisoLa morte di un barista di 25 anni ha...

Il piano del semaforo non influisce solo sul tipo di motore del veicolo elettrico

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 4:52da: Patrick FreewahInsisteDivideIl governo federale non intende solo promuovere i...