Novembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Situazione catastrofica”: l’Italia abbandona la Roma

Il quartiere rom vicino a Reggio Calabria è una zona senza legge. Lì, i volontari forniscono cure mediche di base. Nessun aiuto da parte del governo.

Reggio Calabria – Un tempo le autorità avevano piani alti per Arquilla: questo quartiere sarà caratterizzato da ville, parchi, ampi viali e ottimi ristoranti come le ‘Beverly Hills’ del Regio Calabria. Banche, assicurazioni e altri servizi finanziari devono andarci, così come un campus universitario.

Per quanto riguarda la location, l’idea era affascinante: l’Arkilla Regio si trova su un terrazzo naturale nella periferia nord della Calabria, con una vista spettacolare sullo Stretto di Messina, di fronte alla Sicilia e al Monte Edna attualmente innevato. Anche in Italia sono pochi i posti con un panorama così straordinario. Ma il sogno è esploso come spesso accade nella povera Calabria, trascurata dai romani. Al posto delle ville, all’inizio degli anni ’70 furono costruiti appartamenti nei bassifondi con case comuni. La qualità dell’edificio era scadente fin dall’inizio e gli edifici non sono stati aggiornati dopo. Circa 30 anni dopo, gli isolati divennero molto fatiscenti e coloro che vi abitavano furono sfollati dal governo della città di Reggio Calabria.

Roma a Reggio Calabria: “Situazione disastrosa”

Invece, le minoranze rom sono state sfollate dal 2001. Oggi ci sono circa 1000 famiglie Rom registrate che vivono nel quartiere, ovvero circa 4000 persone. Nessuno sa con certezza quanti siano: molti non sono registrati e spesso le bollette di luce, gas e acqua non sono pagate. A parte Romஞ்சாnca e Roma, Arkilla ha una popolazione di 2.000 abitanti.

“La situazione è catastrofica. I bambini raramente vanno a scuola, le ragazze di età compresa tra i dodici e i 13 anni rimangono incinte e quasi tutti i “rokasi” (ragazzi, nota dell’insegnante) fumano e consumano droghe.

Giancarlo Piazzo, Medicina

Molti edifici rischiano di crollare e nelle strade piene di buche si sono accumulati cumuli di spazzatura alti fino a pochi metri. “La situazione è devastante”, ha detto il dottor Giancarlo Piazzo. “I bambini raramente vanno a scuola, le ragazze di età compresa tra i dodici ei 13 anni rimangono incinte e quasi tutti ‘segreti’ (ragazzi, nota dell’insegnante) fumano e si drogano”. La maggior parte delle famiglie rom viveva con un reddito di base e con il benessere dei bambini. – o microcriminalità come furto e prostituzione. Le persone sono lasciate a se stesse dalle autorità: “Lo stato si è ritirato dallo stato, non si vede un poliziotto o un moschettone”. Allora Arkilla ha una circonferenza a questa circonferenza.

Ampia vista di Wipo Valentia al punto di partenza dell’Italia.

© Gianluca Chininea / afp

Giancarlo Piazzo è un medico in pensione ed ex primario dell’ospedale psichiatrico di Reggio Calabria. Ora gestisce una piccola base medica di volontariato nello stato fatiscente e senza legge di Roma. Questo perché il governo non fornisce assistenza sanitaria alle “persone invisibili di Arkilla”. “Di norma, non hai carta d’identità, nessun diritto, nessun obbligo – soprattutto non esiste una tessera sanitaria statale, il che significa che sono esclusi dal sistema sanitario pubblico”, insiste Beasso.

READ  La barca di Putin "Scheherazade" è minacciata di confisca in Italia

“Ambulatorio” ad Arkilla: molti rom provengono da analfabeti

Attraverso l’ambulatorio di Piazza, le sue forze stanno ora cercando di migliorare a poco a poco la situazione della gente di Arkilla e di migliorare la loro assenza. Nel pieno dell’epidemia, “Ambulaterio” ha aperto i battenti a marzo. Si trova in un ex centro comunitario per i vicini abbandonati da tempo e in via di estinzione. Adesso le stanze sono di nuovo luminose e pulite, con quadri colorati e poster appesi alle pareti e c’è un albero di Natale nella sala del ricevimento.

Oltre a Piazza, altri dieci medici lavorano gratuitamente presso l’ambulatorio diurno. Inoltre, ci sono alcuni dipendenti esecutivi che ricevono una retribuzione normale. La maggior parte dei medici, come Piazza, sono in pensione, alcuni lavorano ancora con profitto e svolgono il loro lavoro in un “ambulatorio” oltre al loro lavoro quotidiano in un ospedale o in uno studio privato.

Vista tranquilla sul Mar Tirreno….

© Gianluca Chininea / afp

I servizi medici sono estesi: nel piccolo centro sanitario lavorano medici nei settori degli affari interni, gastroenterologia, cardiologia, psichiatria e pediatria; C’è anche consulenza per la demenza, trattamento del dolore e consulenza nutrizionale. Tutti i servizi sono gratuiti. “Spesso i residenti vengono da noi con problemi non medici: molti sono analfabeti e hanno problemi con i moduli ufficiali, e noi li compiliamo”, spiega Piazzo. Non c’è emergenza sociale o problema personale che il centro non affronti. La qualità dei servizi sanitari intanto è andata oltre il distretto: i pazienti ora provengono dai “migliori distretti” di Reggio Calabria.

Glossario

Roma Un termine collettivo per le persone che arrivarono in Europa dall’India nel XIII e XIV secolo. I gruppi Rom che in seguito si stabilirono nei paesi di lingua tedesca furono chiamati Sindhis. Il femminile singolare parla di Romney (plurale: romancha), il maschile (plurale: roma) di Roma. Inoltre, è chiamato il singolare femminile Sintiza (plurale: Sintize) e il maschile Sinto (plurale: Sinti).

“Ambulatorio” ad Arkilla: “La salute non è solo assenza di disturbi fisici”

Il programma è finanziato da donazioni – sul conto “Ambulatorio” partecipano chi riceve cure, residenti e cittadini “parte 5 di 5 per ml”: l’imposta sul reddito in Italia può essere trasferita in beneficenza, fino a cinquemila. Le autorità fiscali. Una fondazione di Milano ha donato 50,000 50.000 per rinnovare e istituire una clinica vicina.

Pecore sul loro pendio.

© Gianluca Chininea / afp

Ma ovviamente c’è carenza di contanti ovunque – ad esempio una società di gestione immobiliare si occupa dello spazio verde intorno all’Ambulatorio. Così Piazza, 70 anni, prende in mano il decespugliatore, se necessario, per tenere sotto controllo un’ampia gamma di verdi dopo il lavoro.

READ  Da sinistra a destra: l'Italia è il paese di molti che capiscono Putin

Di fronte all’ingresso, Piazzo, insieme al capogruppo di quartiere Giovanni Vodano, ha creato un orto e piantato alberi. Nell’orto i malati e le loro famiglie possono coltivare i propri letti sotto la guida di Votano, espressione di una conoscenza completa della medicina. “Non definiamo la salute come assenza di malattia. La nostra preoccupazione è il ‘migliore’, cioè il benessere delle persone. E dipende dall’ambiente in cui si vive e dalle condizioni sociali in cui si vive. ” , Per contribuire a migliorare la loro salute fisica.

Calabria: zona rossa permanente

In Italia, parte Calabria Luce eterna dei piedi. In quasi tutte le aree. Anche il sistema sanitario statale non soddisfa gli standard minimi europei. Non devi appartenere a una minoranza come i Rom di Argyll per essere discriminato per decenni per vedere che non hai i servizi medici più elementari. Anche in Calabria, le autorità non hanno bisogno di un numero particolarmente elevato di casi Govt per imporre rigide restrizioni: nel novembre 2020 la Calabria è stata dichiarata “zona rossa”, sebbene i quasi due milioni di persone della regione soffrano ancora di un basso numero di vittime e morti in tutto il Paese. Oggi la Calabria è di nuovo “gialla”, ancora una volta con il minor numero di casi nel Paese.

La ragione Inefficienza ospedaliera: dei 9.000 posti letto di terapia intensiva in Italia, meno del due per cento si trova in Calabria, anche se lì vive solo il 3,2 per cento della popolazione italiana. «Da noi basterebbe un’unica fonte di infezione in un grande appartamento per sconvolgere l’intero sistema sanitario», ha lamentato Francesco Villerie, scrittore e regista di Reggio Calabria di recente. Ci sono lunghe liste d’attesa praticamente per ogni test e trattamento. Se sei stato malato in Calabria, chiederai sempre lo stesso consiglio, dice Villerie: “Vai in un’altra zona per curarti”. Migliaia lo fanno ogni anno.

Numeri ufficiali Dimostralo senza nemmeno voler spiegare la tragedia: la Calabria è ultima in tutte le statistiche sanitarie nazionali. Il governo centrale di Roma ha posto il sistema sanitario calabrese sotto il governo di un commissario straordinario dieci anni fa a causa dell’infiltrazione e del nepotismo della Natrangeta. I commissari separati hanno pulito il pavimento: negli ultimi dieci anni, in Calabria sono stati ridotti 3700 posti di lavoro tra medici e infermieri, e sono stati chiusi cinque ospedali nella sola area metropolitana densamente popolata di Reggio Calabria.

READ  Regole della settimana bianca "Corona" in Austria, Svizzera, Italia e Francia

Risultati: Ci sono solo 2,5 posti letto ospedalieri ogni 1000 persone nella punta meridionale d’Italia. La media nazionale è quattro. Dalle elezioni regionali di ottobre, il settore sanitario è sotto il controllo del partito di Berlusconi, il neoeletto presidente di Forza Italia, Roberto Occhiuto. Il partito era in prima linea nel distruggere il servizio medico calabrese. (Dominic Cinghia)

Numero stimato di Rom e Romja nei paesi europei.

© FR

“Ambulatorio” ad Arcilla si riferisce allo stato italiano

La medicina olistica è dedicata anche a Lino Cazerta, direttore e cofondatore del Centro di Salute Bellaro nel sud della Regio Calabria. Il suo ambulatorio esiste da più di dieci anni, basato sul lavoro non retribuito della maggior parte dei suoi medici, ed è il padrino dell'”Ambulatorio” di Arcilla questa primavera. Il modello della “medicina di quartiere” nasce da un progetto di ricerca sull’epidemiologia e l’obesità, che in Calabria – come la maggior parte delle zone più povere del mondo – costituisce un grave problema per la popolazione. “Dopo alcuni anni di ricerca, ci siamo detti: ora bisogna fare qualcosa al riguardo – ecco perché è nato il nostro ‘Ambulatorio'”, spiega il gastroenterologo Caserta.

Chi vuole aiutare: Donazioni ProJetto Arkilla a Banga Edica, IPAN: IT14X050180340000000161685814

Informazione: acemedicinasolidale.it/polo-health-proximity-clay

“Stiamo semplicemente facendo ciò che il governo vuole davvero fare”, spiega Casserta. Infatti, a causa dell’inefficace medicina di stato infiltrata dalla ‘Ndrangheta’, migliaia di persone potrebbero essere curate in altre regioni, e il governo regionale paga 350 milioni di euro all’anno per questo, di cui 70 milioni di euro vanno solo alla ricca Lombardia (vedi sfondo sotto ). Due “ambulatori” lo rendono ancora migliore e più economico: ad Argyll e Bellaro vengono eseguiti 27.000 studi e trattamenti ogni anno – con un budget totale di circa 1.000 200.000. Costa meno di otto euro per intervento. Inoltre, ogni domenica c’è un concerto classico a Bellaro – per i malati e tutti. Libero, ovviamente.

I due centri sanitari non hanno ancora ricevuto alcuna assistenza da parte di funzionari statali, anzi: “L’assessorato alla sanità della regione Calabria una volta ci ha chiuso per alcuni mesi per mancanza di permessi”, ha detto Caserta. Un giudice ha poi ordinato la riapertura del centro: non c’erano denunce nell’aria. “La politica incompetente associata a Natrangeta si sente minacciata da sforzi come i nostri, perché ricordiamo alla gente che c’è un’altra strada che è innovativa, unita e legittima”, inserisce Casserta (Dominic Strap).