Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapporto di mercato: prese di profitto a Wall Street

Rapporto di mercato: prese di profitto a Wall Street


Rapporto di mercato

Al: 4 dicembre 2023 alle 22:22

Gli investitori americani non hanno più osato correre rischi prima dei prossimi dati economici e hanno preso profitti. Soprattutto, c’è ancora speranza che la banca centrale tagli presto i tassi di interesse.

Come in Europa, anche gli investitori statunitensi hanno iniziato la nuova settimana con cautela. Alla fine, l’indice azionario di riferimento Dow Jones è sceso leggermente dello 0,11% a 36.204 punti, mantenendo i migliori indicatori tra tutti i principali indici statunitensi.

L’indice più ampio Standard & Poor’s 500 è sceso dello 0,54% a 4.569 punti dopo essere salito al livello di chiusura più alto di quest’anno. Nell’indice azionario tecnologico Nasdaq le perdite sono aumentate dello 0,84% su 14.185 posizioni. L’indice Nasdaq 100 è sceso dello 0,99%.

Gli investitori sono in attesa di una serie di dati economici questa settimana per valutare meglio il futuro percorso dei tassi di interesse della Federal Reserve. Non sono solo i dati statunitensi che dovrebbero essere presi in considerazione. Segnali inflazionistici sono attesi anche dalla Cina. Il 13 dicembre il comitato sui tassi di interesse della Federal Reserve si riunirà per l’ultima volta quest’anno.

“A questo punto nessuno si aspetta ulteriori aumenti dei tassi di interesse”, ha affermato Joe Saluzzi di Themis Trading. L’attenzione degli operatori di mercato è se la Fed sarà in grado di controllare l’inflazione evitando una recessione.

In questo contesto, gli investitori hanno preso profitti dopo i recenti aumenti dei prezzi. Più recentemente, il Dow Jones era solo dell’1,9%, ovvero circa 700 punti, al di sotto del suo vecchio record di 36.952 punti. Il motivo del rialzo dei mercati azionari di fine anno è stato il recente incoraggiante andamento dell’inflazione negli Stati Uniti e nell’Eurozona.

Poco prima del fine settimana, il discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha alimentato le aspettative degli investitori per un taglio dei tassi di interesse. Powell ha ribadito la volontà della banca centrale di aumentare ulteriormente i tassi di interesse se necessario, ma ha anche affermato che la politica monetaria è già piuttosto limitata.

Non c’è molto da fare prima di raggiungere il vecchio record di 16.529 punti di luglio. Anche se oggi l’indice DAX si è mosso poco rispetto al livello di chiusura di venerdì di 16.397 punti, sui mercati regna ancora una grande tensione. L’indice DAX ha infine chiuso le negoziazioni a 16.404 punti, in leggero aumento dello 0,04%.

Alimentato da una massiccia immaginazione sui tassi di interesse, l’indice principale tedesco è cresciuto di oltre il 10% dalla fine di ottobre. Tuttavia, il movimento finale verso un nuovo massimo storico non è avvenuto oggi; L’indice principale tedesco oscilla tra 16.386 e 16.455 punti. L’indice MDAX dei titoli azionari di medie dimensioni ha chiuso in ribasso dello 0,46% a 26.370 punti.

La conferma definitiva della tempesta verso nuovi massimi potrebbe ora arrivare dai nuovi dati economici più avanti questa settimana, compresi gli ordini dall’industria e gli indicatori del sentiment. Il mondo attende con impazienza in particolare il rapporto sul mercato del lavoro statunitense di venerdì.

I rialzisti (acquirenti) sperano che finalmente si possa vedere l’inizio dei tagli dei tassi d’interesse, che il mercato attendeva con ansia, perché nonostante tutte le aspettative, i massimi rappresentanti della Federal Reserve americana sono ancora per lo più lontani dalla vista. Tuttavia, a causa del rally delle ultime settimane, su entrambe le sponde dell’Atlantico è già stato incluso molto nei prezzi.

“Se i prossimi dati corrisponderanno alle aspettative della Fed, ciò potrebbe significare la fine dei rialzi dei tassi di interesse quest’anno e il passaggio ai tagli dei tassi nel 2024”, ha affermato Bruno Schneller, amministratore delegato di Inveco Asset Management.

Secondo Claudia Wendt della Helaba, il vecchio massimo di 16.470 punti basato sulla quotazione di chiusura potrebbe crollare questa settimana sul DAX. “Tuttavia, è un atto di bilanciamento”, dice Wendt. Almeno negli Stati Uniti, l’attività economica si sta gradualmente raffreddando; Quanto diventerà chiaro nelle prossime settimane.

Dopo un trading inizialmente poco brillante, nel pomeriggio l’euro è caduto nuovamente negli scambi europei e negli Stati Uniti il ​​suo prezzo ultimo è stato di 1,0837 dollari. Al mattino l’euro era ancora scambiato in rialzo di circa mezzo centesimo. La Banca Centrale Europea ha fissato il prezzo di riferimento a 1,0868 (venerdì: 1,0875) dollari.

I dati economici dell’Eurozona pubblicati questa mattina hanno confermato il quadro di un’economia debole. Nel pomeriggio è previsto un intervento a Parigi della presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde. Ma sabato ha annunciato di essere stata infettata dal Corona.

Segnali negativi per il commercio azionario sono arrivati ​​questa mattina dai dati economici tedeschi: le esportazioni tedesche sono sorprendentemente diminuite per il secondo mese consecutivo in ottobre a causa della debole attività europea. Rispetto al mese precedente è diminuito dello 0,2% attestandosi a 126,4 miliardi di euro. Gli economisti si aspettavano invece un aumento dell’1,1%. “La debolezza dell’economia globale continua a ostacolare la ripresa delle esportazioni”, spiega Alexander Krueger, capo economista della banca privata Hauck Aufhäuser Lamp.

L’industria statunitense ha ricevuto molti meno ordini in ottobre. Il Dipartimento del Commercio ha annunciato oggi che gli ordini sono diminuiti del 3,6% rispetto al mese precedente. Gli economisti intervistati si aspettavano solo un calo del 2,8%, dopo una revisione al ribasso del 2,3% a settembre.

L’industria statunitense ha continuato il suo declino a novembre. Secondo un sondaggio tra le aziende recentemente pubblicato dall’Institute for Supply Management (ISM), l’indice PMI del settore è rimasto al valore del mese precedente di 46,7 punti. Ciò significa che per il tredicesimo mese consecutivo il barometro è rimasto sotto la soglia di crescita dei 50 punti

Il prezzo dell’oro è salito a 2.135 dollari nei primi scambi, un livello record. Ora il prezzo è sceso di nuovo in modo significativo a 2.023 dollari, una perdita di oltre il 4%.

Da un lato, le speranze degli investitori per un abbassamento dei tassi di interesse statunitensi il prossimo anno stanno giocando un ruolo nel recente rally dell’oro: stanno rendendo l’oro, che di per sé non genera alcun interesse, più attraente. D’altro canto, la recente debolezza del dollaro va a vantaggio anche del prezzo dell’oro poiché rende il metallo prezioso giallo più economico per gli acquirenti internazionali provenienti da paesi non appartenenti al dollaro.

“I mercati stanno scontando diversi importanti tagli dei tassi di interesse per il prossimo anno – non solo negli Stati Uniti, ma anche in Europa”, ha affermato Alexander Zombfi, un trader di metalli preziosi presso Heraeus. “Se i segnali di tassi di interesse più bassi diventeranno più chiari, l’oro dovrebbe continuare a guadagnare slancio il prossimo anno”.

Per la prima volta dal maggio dello scorso anno, il valore della criptovaluta Bitcoin è salito sopra i 40.000 dollari. Al suo apice furono pagati più di $ 42.000.

Il motivo è la possibile approvazione di un Bitcoin Index Fund (ETF) negli Stati Uniti, che renderà molto più semplice investire nella valuta. Ciò significa che la moneta elettronica è ancora lontana dal suo valore record di 69.000 dollari. Ma l’aumento mostra una significativa ripresa dei prezzi dopo una serie di scandali e fallimenti di aziende nel settore delle criptovalute.

I prezzi del petrolio hanno iniziato la nuova settimana con ulteriori riduzioni. Il prezzo di un barile (159 litri) di greggio Brent del Mare del Nord con consegna a febbraio è stato di 78,18 dollari in serata. Si tratta dell’1,2% in meno rispetto a venerdì. I mercati nutrono ancora forti dubbi sulla disciplina delle quote dell’OPEC+ per attuare effettivamente i tagli alla produzione annunciati la scorsa settimana.

Merck vuole espandere la sua pipeline di farmaci antitumorali attraverso un accordo multimilionario con la società cinese Abisco. Il gruppo farmaceutico e tecnologico ha annunciato oggi che Merck ha ricevuto dalla società una licenza esclusiva per commercializzare pemicotinib in Cina, Hong Kong, Macao e Taiwan, con un’opzione per il resto del mondo.

Abbisko riceverà un pagamento anticipato di 70 milioni di dollari, oltre a pagamenti importanti legati al successo e una tariffa di licenza scaglionata in base alle vendite se il farmaco verrà successivamente approvato. Merck non ha fornito alcuna informazione sulla potenziale dimensione totale dell’accordo.

Pemicotinib è attualmente oggetto di uno studio clinico cardine di fase III ed è in fase di test per il trattamento del tumore a cellule giganti con tenodesi (TGCT), un tumore benigno delle articolazioni che può avere un impatto significativo sulla qualità della vita dei pazienti. Oggi le azioni Merck erano molto richieste al DAX e hanno tagliato il traguardo vincendo con un guadagno di circa il 2%.

Le azioni Rheinmetall non sono riuscite a mantenere il progresso fin dalla mattina. Alla fine il prezzo era ancora più alto di mezzo punto percentuale, dopo un aumento di circa l’1,4% all’ora di pranzo. Gli esperti della Bank of America avevano precedentemente rivalutato le azioni della società di difesa da “acquistare” dopo che erano state precedentemente “neutrali”. La Rheinmetall ha inoltre ricevuto un grosso ordine per la fornitura di munizioni d’artiglieria all’Ucraina del valore di circa 142 milioni di euro. Rheinmetall ha affermato che il cliente era un paese partner della NATO.

I clienti di Allianz Leben, il più grande assicuratore sulla vita tedesco, riceveranno anche l’anno prossimo tassi di interesse più alti. Allianz Germania ha annunciato oggi che il tasso di interesse complessivo aumenterà di 0,3 punti percentuali per tutte le linee di prodotti. Per le polizze «a prospettiva», che non offrono più garanzie di interesse a vita, era del 3,8%, per le polizze vita classiche e di rendita al 3,5%.

Dopo aver introdotto il camion elettrico ID Buzz, la Volkswagen vuole convertire l’intera flotta di camion all’elettrico a partire dal 2028. Il grande furgone Crafter entrerà in funzione nel 2028, ha annunciato Carsten Intra, capo di VW Commercial Vehicles, in un’intervista all’agenzia di stampa tedesca DPA. Poi gradualmente arrivano altri modelli.

Le azioni continentali hanno reagito negativamente oggi ai potenziali piani di spin-off della divisione automobilistica del Gruppo DAX. Dopo perdite temporanee di circa il 4%, le azioni Conti alla fine hanno perso solo lo 0,5%, attestandosi a 71,04 euro. Dall’inizio dell’anno Conti ha guadagnato ancora un buon quarto del suo valore di mercato. Tuttavia, il titolo è ancora lontano dai massimi storici raggiunti all’inizio del 2018 dopo un lungo trend al ribasso.

In una giornata di mercato dei capitali, Continental ha messo alla prova parti della sua debole attività di fornitura automobilistica. Tutto è possibile, dall’ingresso di un investitore o di una joint venture alla vendita o all’IPO. Conte ha anche ridotto le spese in conto capitale e ha promesso dividendi più alti. L’analista di JP Morgan Jose Asumendi ha elogiato il piano di ristrutturazione a lungo termine, che a suo avviso dovrebbe portare a una rivalutazione del margine e sostenere la storia degli investimenti nei prossimi anni.

Il servizio di streaming musicale Spotify vuole tagliare circa 1.500 posti di lavoro. Circa il 17% dei dipendenti dovrà lasciare Spotify, ha scritto il presidente dell’azienda Daniel Ek in una lettera pubblicata sul sito web di Spotify. Come ragioni ha citato il rallentamento della crescita economica e l’aumento dei tassi di interesse. Questo vale anche per Spotify. A Wall Street le azioni della società sono aumentate in modo significativo del 7,46%.

Tesla ha subito un calo delle vendite il mese scorso nell’importante mercato automobilistico cinese: la principale azienda americana di auto elettriche ha venduto 82.000 auto a novembre, quasi il 18% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo la China Passenger Car Association (CPCA). . ). Annunciare. D’altro canto, le vendite del leader del mercato locale BYD sono aumentate del 31% arrivando a oltre 301.000 veicoli, compresi i modelli ibridi.

Dopo aver annunciato la chiusura delle fabbriche e la riduzione di oltre 1.500 posti di lavoro, il produttore francese di pneumatici Michelin rischia il licenziamento. Il sindacato IG BCE vuole salvare quanti più posti di lavoro possibile. Matthias Heilhe, direttore della regione IG-BCE Magonza, ha dichiarato all’agenzia di stampa tedesca che si sta lavorando a progetti alternativi per le sedi interessate di Karlsruhe, Treviri e Homburg e si sta studiando come aumentare la produttività lì.