Questo nuovo satellite ci prepara ad un pericolo imminente: le grandi tempeste solari

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. BuzzFeed
  2. mondo

Insiste

Il nuovo satellite meteorologico GOES-19 mira a monitorare da vicino le attività che si verificano sul Sole e sostituire così un vecchio strumento.

Se sole Un vulcano sta eruttando e gli scienziati stanno osservando attentamente per vedere se la nuvola di particelle solari si sta dirigendo verso la Terra e potrebbe distruggere la nostra tecnologia. Ora il nuovo satellite fornirà osservazioni senza precedenti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, della nostra stella ospite, consentendo di rilevare prima, prevedere meglio e avvisare in anticipo le tempeste solari legate alla Terra.

Il satellite meteorologico della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) (GOES-U) decollerà martedì sera, 25 giugno) dal Kennedy Space Center NASA È stato lanciato in Florida, continuando una lunga serie di voli via terra tempo atmosfericoLe osservazioni solari continuano come parte del programma GOES della NOAA.

Leggi il Washington Post gratuitamente per quattro settimane

Il tuo biglietto di qualità washingtonpost.com: Ottieni ricerche esclusive e oltre 200 storie Quattro settimane libere.

Il programma GOES della NOAA è forse meglio conosciuto per fornire immagini e misurazioni avanzate del tempo, dell’atmosfera, degli oceani e dei fulmini nell’emisfero occidentale. Queste informazioni sono importanti per i meteorologi per rilevare e monitorare eventi come uragani e incendi. Gli strumenti sui satelliti possono anche monitorare l’attività solare e le condizioni meteorologiche spaziali, che potrebbero influenzare la tecnologia che utilizziamo sulla Terra.

Il satellite GOES-19 è destinato a condurre osservazioni meteorologiche nell’orbita terrestre

GOES-U, che verrà ribattezzato GOES-19 una volta raggiunta l’orbita, effettuerà le stesse importanti osservazioni meteorologiche dei suoi predecessori e alla fine sostituirà un satellite meteorologico esistente che monitora l’Oceano Atlantico e l’America centrale, meridionale e settentrionale.

Ma il satellite sta anche utilizzando un nuovo strumento sulla sua piattaforma Sunpoint che monitorerà costantemente il nostro Sole per individuare eventuali esplosioni drammatiche sulla sua superficie, chiamate espulsioni di massa coronale. Se dirette verso la Terra, queste esplosioni potrebbero scuotere il campo magnetico del nostro pianeta e influenzare la nostra tecnologia. È noto che esplosioni estremamente violente interrompono i sistemi di comunicazione e le reti elettriche e producono l’aurora boreale e quella meridionale.

A maggio, le espulsioni di massa coronale hanno colpito la Terra, creando uno degli spettacoli di aurore boreali e meridionali più impressionanti degli ultimi secoli. La tempesta ha causato anche sbalzi di tensione in alcune zone del mondo e ha interrotto i segnali radio e GPS. La tempesta è arrivata quando il sole è entrato nel suo periodo più attivo degli ultimi 20 anni, provocando ulteriori bagliori ed esplosioni sulla sua superficie. Secondo gli scienziati, c’è un evento più grande in attesa di accadere sulla Terra, che ha già influenzato in passato i sistemi di comunicazione di tutto il mondo.

Illustrazione di un satellite davanti al sole (glifo). © Yai Images/Imago

Il nuovo strumento può aiutare i meteorologi e gli operatori di rete a prepararsi per una tempesta imminente attraverso il rilevamento precoce. Il Compact Coronagraph-1 mostrerà il disco luminoso del Sole come una costellazione artificiale Eclissi solare scudo. Il coronografo consentirà agli scienziati di studiare meglio l’atmosfera esterna del Sole, chiamata corona, dove si possono osservare le espulsioni di massa coronale.

Il coronagrafo mira a trasformare il monitoraggio della meteorologia spaziale

Il coronografo compatto trasformerà il monitoraggio della meteorologia spaziale, ha affermato Talaat, direttore dell’Ufficio di osservazione meteorologica spaziale della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), in una conferenza stampa lunedì (24 giugno). Talaat ha aggiunto che i dati potrebbero aiutare i meteorologi spaziali a emettere avvisi sulle tempeste solari dirette sulla Terra da uno a quattro giorni in anticipo. “Questo è il primo coronografo operativo che fornisce immagini dedicate per le previsioni meteorologiche spaziali”, ha affermato Robert Steinberg, scienziato spaziale presso lo Space Weather Prediction Center della NOAA. “I dati del coronagrafo sono essenziali per identificare, analizzare e prevedere le espulsioni di massa coronale.

Lo strumento acquisirà immagini e le invierà sulla Terra entro 30 minuti, un miglioramento significativo rispetto al vecchio strumento satellitare su cui fanno attualmente affidamento gli scienziati. La NASA e l’Agenzia spaziale europea hanno lanciato il coronagrafo e spettrografo ad ampio angolo (LASCO) quasi tre decenni fa. Issa L’Osservatorio Solare ed Eliosferico impiega fino a otto ore per fornire immagini di un’espulsione di massa coronale.

“È sorprendente che questa sonda e questo strumento siano durati così a lungo, ma ora sono programmati per essere sostituiti”, ha detto in un articolo di posta elettronica Arno Thernisyan, un fisico ricercatore presso il Naval Research Laboratory degli Stati Uniti che ha guidato lo sviluppo del nuovo Coronagraph. posta.

Il nuovo coronografo scatterà almeno tre immagini di ciascuna espulsione di massa coronale diretta verso la Terra e ai suoi estremi Tempeste solari un lavoro. Le immagini torneranno anche più chiare e con una risoluzione più elevata rispetto alle immagini LASCO, ha affermato Talaat. La sonda è progettata per resistere al turbolento ambiente spaziale, che a volte crea macchie bianche sulle immagini LASCO durante gravi eventi meteorologici spaziali, ha affermato.

Il coronografo compatto si unisce ad altri due strumenti meteorologici spaziali presenti sul satellite, il Solar Ultraviolet Imager e l’Extreme Ultraviolet and X-ray Sensor, già in uso su altri satelliti GOES. Entrambi gli strumenti forniscono informazioni su altri aspetti del Sole, comprese le temperature del plasma, le emissioni di particelle e i brillamenti solari. I brillamenti solari sono grandi esplosioni di radiazione solare, talvolta accompagnate da espulsioni di massa coronale.

Il nuovo satellite GOES-19 è progettato per monitorare l’attività solare

Insieme, i dispositivi “vedranno e percepiranno il vento solare, i brillamenti solari e le espulsioni di massa coronale, che potrebbero scagliare miliardi di tonnellate di materiale altamente magnetico verso la Terra a velocità di milioni di chilometri all’ora”, ha detto Talaat nella conferenza stampa di lunedì. “La combinazione di questi strumenti a bordo di GOES ci consentirà di avere uno sguardo completo sulla meteorologia spaziale da un singolo veicolo spaziale”, ha affermato Steinberg. “Saremo in grado di rispondere rapidamente.”

Il cronografo compatto GOES è uno dei tre cronografi programmati per essere installati su futuri veicoli spaziali come parte del programma di monitoraggio meteorologico spaziale della NOAA. Un altro coronografo sarà installato su Space Weather Follow On-Lagrange 1, che verrà lanciato nel 2025, che sarà a un milione di miglia dalla Terra ed effettuerà misurazioni del Sole. Un terzo sarà installato sulla navicella spaziale Vigil dell’Agenzia spaziale europea, che verrà lanciata a metà del 2020 e viaggerà a 100 milioni di miglia dalla Terra per osservare stereoscopicamente il sole.

“È estremamente importante rimanere vigili nel monitorare le condizioni meteorologiche spaziali per proteggere la nostra economia, la sicurezza nazionale e la sicurezza degli individui, qui sulla Terra e nello spazio”, ha affermato Talaat nella conferenza stampa tenutasi lunedì.

Circa l’autore

Kasha Patel Scrive la rubrica settimanale Hidden Planet, coprendo argomenti scientifici che circondano la Terra, dal nostro nucleo interno alle tempeste spaziali dirette verso il nostro pianeta. Riferisce anche su questioni meteorologiche, climatiche e ambientali.

Attualmente stiamo testando le traduzioni automatiche. Questo articolo è stato tradotto automaticamente dall’inglese al tedesco.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in inglese il 25 giugno 2024 su “washingtonpost.com” è stato pubblicato nell’ambito della collaborazione ed è ora disponibile anche in traduzione per i lettori dei portali IPPEN.MEDIA.

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...