Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Piano climatico dell’UE: è questa la campana a morto per il motore a combustione? – Politica all’estero

L’Unione Europea mira a ridurre i gas serra nocivi del 55% entro il 2030 rispetto al 1990 e a diventare climaticamente neutrale entro il 2050.

passaggio intermedio: Le auto di nuova immatricolazione con motori a combustione saranno completamente bandite dal 2035. Tutto in nome della protezione del clima: mercoledì il Parlamento europeo di Strasburgo voterà su gran parte del pacchetto climatico dell’UE “adatto ai 55 anni”, introdotto dall’UE Commissione l’anno scorso. I verdi in particolare sono eliminati per questo.

Tuttavia, il risultato della votazione è ancora aperto.

Conservatori contro taglio radicale

I parlamentari conservatori (Partito popolare europeo, PPE) vogliono ridurre il requisito delle emissioni zero al 90% e prevenire un divieto completo all’ultimo secondo. Risultato della decisione: non confermato.

“Si tratta di circa 500.000 posti di lavoro”, ha detto alla BILD il leader del gruppo parlamentare del PPE Manfred Weber (49, CSU).

Un politico della CSU ha dichiarato a BILD: “Un divieto de facto del motore a combustione interna come tecnologia sarebbe dannoso per l’Europa e vantaggioso per la Cina. Qualsiasi innovazione, ad esempio nel campo dei combustibili elettronici, non sarà più sviluppata nell’Unione Europea”.

In tal modo, l’Unione stessa sta soffrendo: “Se l’Unione europea vieta la tecnologia, emigrerà. La Cina sarà felice di ricevere un’altra tecnologia europea su un piatto d’argento”.

L’ultimo ostacolo: dopo il voto di mercoledì, il parlamento deve ancora concordare una linea con i paesi dell’UE.