Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non possiamo accettare una missione coercitiva.”

“Non possiamo accettare una missione coercitiva.”
Se voi come cittadini tedeschi volete conoscere l’Ungheria in modo diverso e diretto, avete bisogno di gruppi di discussione privati ​​tedesco-ungheresi nei quali possano comparire anche membri del governo ungherese. Il capo della gabinetto del primo ministro ungherese è stato ospite questa settimana a Berlino.

Gerhard Papke, presidente dell’Associazione tedesco-ungherese (DUG). Gergely Gulyas È stato invitato ad una serata al Collegium Hungaricum di Berlino. Gulyás è avvocato e, in qualità di ministro, dal 2018 coordina il lavoro ufficiale del primo ministro ungherese Viktor Orbán. Il 42enne aveva precedentemente lavorato a lungo sulla nuova costituzione ungherese.

Il ministro ungherese è arrivato subito al punto e davanti al pubblico berlinese ha ammesso di essere rimasto sorpreso quando ha sentito oggi al Bundestag il cancelliere Olaf Scholz (Partito socialdemocratico) parlare di asilo e controlli alle frontiere europee. “Perché questa è sempre stata la nostra posizione quando eravamo i più grandi criminali di guerra nel 2015.” Potrebbe ridere di lui oggi.

Poi il conduttore Papke gli ha chiesto: “I governi non hanno imparato nulla? Anche gli islamisti stanno ancora attraversando i confini dell’Europa”. Ci sarà un cambio di rotta?

Forse Julias non ci crede davvero visto il governo tedesco a semaforo. La giurisprudenza tedesca in particolare è problematica perché, ad esempio, in Grecia non esiste il “minimo di sussistenza sociale e culturale” per i tribunali greci. Ecco perché non ci sono resi.
Inoltre, la distribuzione interna degli immigrati non funzionerà. “Non possiamo accettare l’assegnazione forzata”. La prima priorità deve essere la protezione delle frontiere esterne. Tuttavia, l’Europa non è in grado di garantirlo e di raggiungere rapidamente un accordo sulla migrazione. Gulyas sottolinea che i primi risultati di un simile accordo potranno entrare in vigore al massimo entro due anni e in ogni caso non risolveranno i reali problemi migratori.

Il ministro ungherese descrive così i problemi della Germania riguardo all’integrazione: “Se qualcuno prende una decisione sbagliata, è difficile correggerla”.

L’intuizione di Tichy Il capo dell’ufficio di Orban in Ungheria ha chiesto se si aspetta un’ondata di profughi dal Medio Oriente, e il primo ministro scozzese Humza Yusuf ha recentemente chiesto il trasferimento di centinaia di migliaia di palestinesi dalla Striscia di Gaza all’Europa.
Julias lo rifiuta. Dice: Centinaia di migliaia di palestinesi lasceranno Gaza per l’Egitto. “Ma non dobbiamo portare i problemi in Europa, dobbiamo risolverli a livello locale.” L’Ungheria è pronta per questo, non per una maggiore immigrazione.

L’Ungheria è inclusa nell’indice della Commissione Europea

La Commissione Ue ha inserito nell’indice l’Ungheria, che non vuole emigrare. Il ministro della Cancelleria ungherese risponde al boicottaggio dei fondi dell’Unione europea contro il suo Paese. “Abbiamo diritto al denaro”. Dopotutto, esiste un mercato interno. A suo avviso, l’Ungheria ha soddisfatto tutte le richieste dell’UE.

Gulyas ha anche difeso i recenti colloqui del Primo Ministro Orban con il Presidente russo al Summit sulla Via della Seta. “Parlare con Putin non è un peccato.” Il Cancelliere tedesco e il Presidente francese lo hanno già fatto in passato. L’Ungheria avrebbe comunque condannato immediatamente la guerra della Russia. Ma dobbiamo cercare opportunità di pace. L’Ungheria ha comunque accettato tutti i pacchetti di sanzioni dell’UE.

Allo stesso tempo, il ministro guarda criticamente agli Stati Uniti. Il 42enne riflette attentamente sul boicottaggio energetico: “Potrebbe essere nell’interesse degli americani acquistare fonti energetiche dagli Stati Uniti”. Ecco perché gli europei devono far valere i propri interessi con più forza.

Il capo dell’ufficio governativo ungherese ha ammesso quella sera che le cose sarebbero diventate più difficili per l’Ungheria dopo le elezioni in Polonia, ma il governo italiano ora è più vicino alle posizioni ungheresi. Ma l’opinione ungherese resta una “opinione forte” per il primo ministro Orban.

Alla fine c’era una parola buona. L’ungherese ha risposto in modo diplomatico e sarcastico a una domanda sull’amministrazione della verde ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock: “Come rappresentante del governo devi rimanere educato, quindi è meglio non dire nulla”. Il pubblico rise forte.

La vita ebraica in Ungheria non è minacciata dagli immigrati

All’inizio della serata il conduttore Papke ha descritto le sue recenti esperienze a Budapest. “C’è un livello di vita ebraica che non conosciamo più in Germania”. La più grande sinagoga d’Europa non ha bisogno della scorta della polizia. I cittadini ebrei in Ungheria non dovrebbero temere di essere molestati per le strade da coloro che odiano Israele, come nel caso della Germania, o di vedere le loro sinagoghe minacciate da attacchi da parte degli islamisti.

Infine bisogna porsi la domanda: “Dove vengono difesi i nostri valori in Europa?” Non è l’Ungheria, ma gli islamisti ad essere nemici della libertà e della democrazia. “Gli ungheresi sono rimasti fermi sulla via della migrazione di massa incontrollata verso l’Europa”, ci ricorda Papke riferendosi all’ondata di rifugiati del 2015.

L’Unione Europea continua a permettere all’antisemitismo di migrare dall’Est

A differenza che qui in Ungheria, l’antisemitismo degli immigrati dall’Est non è un problema, come ha riassunto il presidente della DUG Papke dopo il suo soggiorno a Budapest. Mentre migliaia di sostenitori di Hamas e dell’OLP manifestano militarmente nelle strade tedesche contro lo Stato ebraico di Israele, gli ebrei in Ungheria possono tranquillamente vivere una vita del tutto normale.

I burocrati europei che circondano la presidente della Commissione Ursula von der Leyen (CDU) non vogliono riconoscere questa diversa realtà in Ungheria. Invece, continuano a consentire all’antisemitismo di migrare senza ostacoli dai paesi arabi e africani. La migrazione illimitata dei richiedenti asilo nei sistemi sociali rappresenterà una minaccia anche per gli ebrei che vivono in Europa, come hanno ripetutamente dimostrato i recenti attacchi in Francia, Belgio, Paesi Bassi e Germania.

Peggio ancora, il primo ministro scozzese Humza Yousaf ora vuole reinsediare i palestinesi da Gaza in Europa. Yousef, 38 anni, di origini pakistane, è da marzo leader dello Scottish National Party (SNP) e primo ministro scozzese. Ha invitato il governo britannico a crearne uno “immediatamente”. “Sviluppare un piano per reinsediare la popolazione di Gaza”. Un milione di persone a Gaza hanno bisogno di sicurezza e riparo. La moglie di Youssef, Nadia Al-Nakla, è nata a Dundee da padre palestinese e madre scozzese. I suoi genitori sono bloccati nella Striscia di Gaza da quando sono iniziati i combattimenti.

Il risultato: un’incredibile politica familiare a scapito dell’Europa e della sicurezza dei cittadini europei e degli ebrei. In futuro la trasformazione della popolazione europea dovrà intensificarsi. “Repubblica islamica di Scozia, stiamo arrivando”, commenta un lettore Posta di Gerusalemme chiese Youssef.

D’altro canto, il presidente della Commissione dell’Unione europea ha descritto l’Ungheria praticamente come il cattivo dell’Europa. Il suo governo ha recentemente reagito criticando le politiche imperfette del suo nemico. La presidenza di Ursula von der Leyen è stata pessima per l’Europa, ha affermato il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjártó. Ha inoltre sottolineato che la Commissione europea sotto la guida di von der Leyen ha costantemente svantaggiato la Polonia e l’Ungheria rispetto ad altri Stati membri. Un comportamento del genere è inaccettabile da parte del Presidente della Commissione. Inoltre, non vi è alcuna garanzia che il governo ungherese eleggerà nuovamente von der Leyen presidente.

Non dimentichiamo che la presidente della Commissione europea von der Leyen non conosceva limiti di decenza quando, a metà settembre 2022, accusò uno Stato membro dell’UE come l’Ungheria di diventare ormai una “autocrazia elettorale”. Che accusa scandalosa, anche se 200 osservatori elettorali dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa non sono riusciti a riscontrare alcuna irregolarità nelle elezioni ungheresi del 3 aprile 2022.

Per von der Leyen e i tecnocrati europei, i ribelli ungheresi hanno eletto per la quarta volta con una maggioranza di due terzi il primo ministro “sbagliato”: il conservatore Viktor Orbán (Fidesz).

Il politico tedesco che guida l’Unione Europea può facilmente trovare tratti di autoritarismo elettorale tra cui collassi, imbrogli e caos nella sua patria e soprattutto nella sua capitale federale. Nel febbraio di quest’anno si sono dovute ripetere le elezioni della Camera dei Rappresentanti.

annuncio