Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Market Report: il DAX tra Apple e la crisi bancaria

Market Report: il DAX tra Apple e la crisi bancaria


Rapporto di mercato

Stato: 05/05/2023 09:48

Anche questa volta Apple non ha deluso gli investitori. Il DAX è partito bene, ma la crisi bancaria in corso negli Stati Uniti ha inizialmente impedito maggiori guadagni di prezzo.

Grazie ai numeri Apple ricevuti positivamente, l’indice DAX ha iniziato l’ultimo giorno di negoziazione della settimana con un nuovo slancio. All’inizio delle negoziazioni su XETRA, i valori di riferimento tedeschi sono aumentati dello 0,7% a 15.837 punti. Il giorno precedente, l’indice principale ha chiuso in ribasso di mezzo punto percentuale a 15.734 punti dopo la decisione sui tassi di interesse della Banca centrale europea.

Da un punto di vista tecnico, il DAX ha posizionato ancora una volta l’importante area di tenuta tra 15.600 e 15.700 punti per il pressure test di ieri. Tuttavia, la scala del mercato azionario tedesco dopo il mancato superamento di un nuovo massimo per quest’anno è ancora a 16.012 punti e gli osservatori del mercato parlano di una “trappola rialzista”. Il quadro tecnico risplenderà solo una volta ripristinata la soglia dei 16.000 punti.

A maggio, inoltre, è iniziata la fase di debolezza stagionale dei mercati azionari. Secondo la strategia dei “migliori sei mesi”, gli investitori dovrebbero stare lontani dal mercato azionario da maggio a ottobre e tornare in borsa solo dopo Halloween.

Il vento favorevole per il DAX arriva il fine settimana di Apple, e anche i futures USA sono saliti in modo significativo dopo il bilancio del colosso tecnologico: “Apple è uno dei pesi massimi che è sempre sotto osservazione speciale in borsa. Il doppio”, ha spiegato il portfolio manager Thomas Altman dai partner QC.

Il gruppo americano ha registrato il secondo calo consecutivo delle vendite trimestrali. Tuttavia, il meno era poco più della metà dell’altezza temuta. Le entrate di iPhone sono sorprendentemente cresciute dell’1,5% a $ 51,33 miliardi. Su questa base, il presidente di Apple Tim Cook ha annunciato un dividendo di 0,24 dollari per azione e un riacquisto di azioni per altri 90 miliardi di dollari. Quindi le azioni Apple sono aumentate del 2% nelle negoziazioni fuori orario negli Stati Uniti.

L’iPhone rimane il produttore di profitti di Apple.
Di più

Nel frattempo, segnali negativi provengono dall’economia tedesca, poiché l’industria tedesca ha dovuto subire inaspettatamente un calo significativo degli ordini a marzo. I nuovi affari sono diminuiti del 10,7% rispetto al mese precedente, quindi più forte di quanto non fosse dalla pandemia del virus nell’aprile 2020. “Dopo tre aumenti consecutivi, gli ordini in entrata sono letteralmente crollati a marzo”, ha commentato il capo economista di Commerzbank Jörg Kramer. “Le richieste hanno ripreso la loro tendenza al ribasso”.

La perdurante crisi bancaria che imperversa negli Stati Uniti getta un’ombra anche sul mercato azionario tedesco. A Wall Street, le banche regionali sono state nuovamente sotto pressione ieri, poiché i giornali di Western Alliance e PacWest in particolare sono crollati drammaticamente. “Una continua tendenza al ribasso nelle banche regionali porrà un problema per il mercato in generale”, ha affermato David Russell di TradeStation di intermediazione online. La ferma posizione della Fed dà ai venditori allo scoperto “la licenza di uccidere le banche, specialmente quelle regionali”.

In effetti, la Federal Reserve americana ha gettato benzina sul fuoco con un aumento continuo dei tassi di interesse a metà settimana. L’aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve ha reso attraenti gli investimenti in fondi del mercato monetario, poiché questi veicoli di investimento ora producono rendimenti fino al cinque percento. Mantenere i soldi dei risparmiatori nei propri conti che non hanno tassi di interesse o almeno tassi di interesse molto più bassi sta diventando un compito sempre più difficile per le banche regionali.

Il prossimo istituto è già nei guai e la Fed sta gettando altra benzina sul fuoco.
Di più

Nell’attività regolare a Wall Street, i persistenti timori per il settore bancario statunitense hanno pesato sui corsi. Il principale indice statunitense, il Dow Jones, ha perso lo 0,9% a 33.127 punti. Il grande indice tecnologico Nasdaq è sceso dello 0,5% a 11.966 punti e l’ampio indice S&P 500 è sceso dello 0,7% a 4.061 punti.

La fine della settimana sui mercati internazionali ora dipende principalmente dal rapporto pomeridiano sul mercato del lavoro statunitense, l’ultimo evento della settimana dopo le decisioni chiave sui tassi d’interesse da parte della Federal Reserve e della Banca centrale europea. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettano che il rallentamento continui, prevedendo 180.000 nuovi posti di lavoro non agricoli, dopo i 236.000 di marzo.

La Banca centrale europea ha deciso di aumentare il tasso di interesse principale nell’eurozona di 0,25 punti percentuali al 3,75%.
Di più

“Lo scenario ideale per i mercati azionari in questo momento è certamente un mercato del lavoro stabile, ma non in forte espansione o addirittura surriscaldato”, ha spiegato il Portfolio Manager Thomas Altmann di QC Partners. “Perché in questo scenario, la prossima riunione della Federal Reserve dopo aver alzato i tassi di interesse 10 volte di fila potrebbe essere la prima riunione senza aumento”.

La decisione della Banca centrale europea di evitare il gas nel suo percorso di aumento dei tassi di interesse nella lotta contro l’inflazione ha chiaramente indebolito l’euro ieri. Tuttavia, in mattinata, la valuta comune europea è salita ancora dello 0,2% a 1,1038 dollari.

Un’oncia d’oro è $ 2.046 al mattino. Dopo la decisione sui tassi della Fed, il metallo prezioso giallo è salito a 2.082 dollari a metà settimana, superando il precedente massimo storico di 2.075 dollari del 2020 e stabilendo un nuovo record.

I prezzi del petrolio sono leggermente aumentati nei primi scambi. Al mattino, il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord (159 litri) con consegna a luglio era di 73,20 dollari. Erano 70 centesimi in più rispetto al giorno prima. Un barile di West Texas Intermediate (WTI) di grado statunitense con consegna a giugno è salito di 62 centesimi a 69,18 dollari.

Al DAX, l’attenzione è sulle azioni Adidas al mattino. Una collaborazione interrotta prematuramente con il controverso rapper americano Kanye West continua a pesare sull’attività del produttore di articoli sportivi. Nel primo trimestre dell’anno la società della città bavarese di Herzogenaurach ha registrato una perdita di 39 milioni di euro. Tuttavia, le vendite e gli utili operativi sono stati superiori alle attese, quindi gli investitori hanno acquistato azioni Adidas all’inizio delle negoziazioni.

La prossima settimana ci saranno lievi variazioni negli indici del mercato azionario tedesco: Evotec deve lasciare MDAX perché il rapporto annuale approvato non è stato pubblicato in tempo e il ricercatore farmaceutico era in ritardo a causa di un attacco informatico. È stato sostituito dal produttore di tecnologia solare SMA Solar, che a sua volta il fornitore di apparecchiature per semiconduttori Süss Microtec è incluso nell’indice dei valori inferiori. Le modifiche entreranno in vigore martedì prossimo.

L’investitore tecnologico Silver Lake sembra aver risposto alle segnalazioni di un’offerta concorrente per Software AG senza superare il presunto prezzo di acquisto. La società ha annunciato in serata che la nuova offerta per azione è ora di 32 euro per azione. L’agenzia di stampa Bloomberg, citando persone vicine alla vicenda, aveva precedentemente riferito che l’investitore finanziario statunitense Bain Capital aveva fatto un’offerta di 34 euro.

Dopo un ottimo primo trimestre, il produttore di impianti Gea ha alzato l’asticella per l’anno. Nel 2023, ad esempio, si prevede che le vendite indoor aumenteranno di oltre l’8%. MDAX prevedeva in precedenza una crescita organica superiore al cinque percento. Il margine dell’Ebitda dovrebbe salire almeno al 14 percento, invece di oltre il 13,8 percento come si pensava in precedenza.

Lo specialista della fibra di carbonio SGL Carbon ha beneficiato della forte domanda nel settore dei semiconduttori nel primo trimestre. Tra gennaio e la fine di marzo, i ricavi sono aumentati di circa il 5% su base annua a poco meno di 284 milioni di euro. Tuttavia, il limite inferiore è stato di 15,3 milioni di euro, in calo rispetto all’anno precedente. SGL Carbon lo attribuisce agli effetti speciali positivi dell’anno precedente.

Il produttore di sistemi di imballaggio Krones ha avuto un ottimo inizio d’anno nonostante la recente recessione economica in molti paesi. Le vendite sono aumentate del 21% a quasi 1,2 miliardi di euro nel primo trimestre rispetto all’anno precedente. L’EBITDA è aumentato di quasi un terzo a quasi 115 milioni di euro.

La ripresa della domanda di biglietti dopo la crisi del Coronavirus dà ad Air France-KLM un ulteriore impulso. Il CEO Ben Smith ha riportato numeri di prenotazione molto incoraggianti per l’estate. Nella stagione dei viaggi chiave del terzo trimestre, il manager vuole aumentare i viaggi a circa il 95% del livello pre-crisi per il 2019 e anche raggiungere quel livello per l’intero anno.

Google ha confermato che il gigante di Internet lancerà uno smartphone pieghevole. Un breve video mostra un telefono che si apre per formare un tablet. Inizialmente non c’erano dettagli sul dispositivo chiamato Pixel Fold. Si fa comunque riferimento al 10 maggio, quando presso la sede di Mountain View si terrà la conferenza degli sviluppatori di Google I/O.

La grande banca svizzera Credit Suisse ha riacquistato titoli di stato ecuadoriani per un valore nominale di 1,6 miliardi di dollari. Il riacquisto farà risparmiare denaro che l’Ecuador investirà nella conservazione delle Isole Galapagos, uno degli ecosistemi più preziosi al mondo. È il più grande scambio di debito per natura che tali transazioni siano mai state chiamate nei circoli bancari, fino ad oggi.