Ma non esiste un ecocidio: i ricercatori offrono una nuova teoria sulla popolazione dell’Isola di Pasqua

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

I ricercatori confutano l’ecocidio
L’Isola di Pasqua non potrebbe mai sostenere 16.000 persone

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

L’Isola di Pasqua è un ottimo esempio di ecocidio: si dice che una cultura un tempo fiorente si sia autodistrutta. Ma le nuove scoperte mettono in dubbio questo. La popolazione sembra essersi adattata meglio del previsto.

Per costruire le statue di pietra alte un metro furono necessari enormi gruppi di persone: questa è una teoria popolare sull’Isola di Pasqua. Le rovine, chiamate Moai, parlano di una cultura un tempo fiorente. Ma si dice che ad un certo punto sia crollato perché le persone hanno abbattuto tutti gli alberi sulla remota isola del Pacifico e hanno esaurito il terreno. La società ha distrutto se stessa sfruttando eccessivamente la natura. Ma questa storia potrebbe non sembrare vera.

Forse sull’isola non c’è mai stata una popolazione così numerosa come generalmente si presume, secondo uno studio pubblicato sulla rivista specializzata “Progresso della scienzaSecondo i calcoli, la remota isola situata nell’Oceano Pacifico potrebbe sfamare non circa 16.000 persone, ma solo circa 3.000, ha scritto il gruppo di ricerca guidato da Dylan Davis della Columbia University negli Stati Uniti.

Non c’è collasso sociale

“Quello che abbiamo scoperto è l’opposto della teoria del collasso”, ha spiegato Davis. Invece, gli abitanti svilupparono un sistema sorprendente per nutrirsi sfruttando il terreno meno fertile e la scarsa acqua dell’isola. Anche altri studi archeologici degli ultimi anni sono giunti alla conclusione che non vi fu alcun collasso sociale sull’isola prima dell’arrivo degli europei nel 1722.

Anche l’isola vulcanica Rapa Nui Il clima è relativamente secco e le coste digradano ripidamente, rendendo più difficili l’agricoltura e la pesca. Molti ricercatori ritengono fondamentale l’utilizzo di giardini rocciosi ben sviluppati. Le persone posizionavano pietre grandi quanto un pugno direttamente a terra. Usavano anche un processo complesso per rompere le pietre e seppellirle nel terreno. Inoltre, furono poste grandi pietre per protezione. Negli spazi vuoti coltivavano molte varietà di patate dolci, che costituivano la principale fonte di cibo dell’isola.

L’intelligenza artificiale supporta le immagini satellitari

Il team di ricerca di Davis ha addestrato l’intelligenza artificiale (AI) a riconoscere tali giardini rocciosi creati dall’uomo nelle immagini satellitari utilizzando una speciale visione a infrarossi. Perché in passato non tutti i cumuli di pietre erano necessariamente giardini.

Di conseguenza, i ricercatori presumono che i giardini rocciosi costituiscano meno del mezzo punto percentuale della superficie dell’isola. Le ricerche precedenti ipotizzavano aree molto più grandi. Secondo lo studio, le aree ora individuate erano sufficienti a rifornire di patate dolci circa 2.000 persone. Le persone mangiavano anche pesce e altre creature marine, nonché frutta come banane, patate, tuberi di taro e canna da zucchero. In totale, il gruppo di ricerca si è ritrovato con una popolazione di circa 3.000 persone.

La vita nonostante le risorse limitate

“Ciò che stiamo realmente vedendo qui è che l’isola non è stata in grado di sostenere così tante persone a causa dei vincoli ambientali”, ha spiegato Davis. Al contrario, le persone hanno potuto adattare i propri spazi abitativi e quindi aumentare la superficie coltivabile. “Questo non è un esempio di catastrofe ambientale, ma un esempio di come gli esseri umani siano stati in grado di sopravvivere in modo abbastanza sostenibile per un lungo periodo di tempo nonostante le risorse naturali davvero limitate”.

L’Isola di Pasqua fu popolata solo molto tardi perché è così remota. Probabilmente intorno al 1200 arrivarono sull’isola persone provenienti dalla Polinesia. Oggi l’isola del Pacifico appartiene al Cile, anche se la sua costa dista circa 3.500 chilometri. Quelli famosi Incisioni rupestri Fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO e attira ogni anno decine di migliaia di turisti.

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 20 luglio 2024, 6:20Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

La figlia di Valya è dovuta andare in ospedale!

Samira Yavuz è preoccupata: sua figlia Valya è dovuta andare in ospedale!bromflashSamira W Serkan Sono diventati genitori per...

Il campione olimpico Harting si lamenta di “un’ideologia orientata alle minoranze”

L’atletica tedesca è in crisi. Il campione olimpico Robert Harting ha una visione chiara delle ragioni e...