Logitech GPro

Date:

Share post:

Giampaolo Lettiere
Giampaolo Lettiere
"Esperto di birra per tutta la vita. Appassionato di viaggi in generale. Appassionato di social media. Esperto di zombi. Comunicatore."

Le tastiere da gioco di lusso nel 2023 hanno caratteristiche evidenti: design compatto, funzionamento wireless, illuminazione RGB, tasti aggiuntivi e “cliccabilità ridotta”. L’avanzata punta di diamante del gaming di Logitech offre tutto questo nel test, ma anche il solito problema di Logitech: il prezzo di 229€ è troppo alto.

Logitech GPro

Nella categoria delle tastiere da gioco compatte di lusso, la nuova G Pro di Logitech

Layout e tasti aggiuntivi

Si “semplicemente” rinuncia al tastierino numerico e si dirige verso lo schermo in favore di tasti aggiuntivi. Qui è possibile controllare lettori multimediali, luci LED, volume e tipo di trasmissione. Quindi la dimensione significa anche: non è necessaria una doppia occupazione. Logitech sta nuotando nella zona di connettività. USB per la riproduzione via cavo più fino a due dongle wireless Lightspeed e Bluetooth trasmette dati su una distanza massima di 10 metri.

Batteria e autonomia

Secondo il produttore, la batteria integrata dovrebbe garantire un’autonomia fino a 50 ore. Logitech non diventa più specifico, il valore si basa su “Condizioni d’uso e ambiente“Pertanto non possono essere valutati. Il tasso di polling e l’illuminamento sono solitamente cose che aumentano significativamente il consumo energetico e riducono significativamente il tempo di funzionamento: i valori massimi si ottengono solitamente riducendo il polling e disabilitando i LED.

Pulsanti della serie Logitech GX

Il nuovo G Pro X è disponibile con pulsanti della serie GX di Logitech. Questi sono i pulsanti “simili a MX” offerti nelle versioni rosso lineare, marrone tattile e blu udibile. Alla fine furono installati i “pulsanti standard” di Logitech e i pulsanti piatti GL o Romer-G furono riservati ad altre tastiere. In un certo senso Logitech non ha altra scelta: con un prezzo di acquisto di oltre 200 euro non c’è altra scelta che la plastica PBT per le coperture. Tuttavia, sono disponibili (a buon mercato) solo per i pulsanti con stampa a croce, disponibili solo sui modelli GX di Logitech. Anche la sostituzione delle coperture è semplice grazie al design standard ISO.

L'illuminazione è solida
L’illuminazione è solida
Tuttavia, il colore viene utilizzato per funzioni secondarie
Tuttavia, il colore viene utilizzato per funzioni secondarie

L’uso dei pulsanti standard non significa che funzionino male. Il GX Brown nella nostra diapositiva di prova è stato utilizzato in modo un po’ più delicato rispetto al modello MX e ha un punto di pressione più netto. Ciò rende più semplice non premere completamente il pulsante. Rispetto ai modelli blu intenso, il punto di pressione è più ampio e leggermente esteso, il che ricorda vagamente la tecnologia della cupola in gomma. C’è anche una resistenza leggermente aumentata, che rende più difficile lo spostamento dei pulsanti. Ciò rende improbabile che il percorso limite venga utilizzato completamente. Nel confronto diretto con l’MX Brown, il pulsante GX sembra un po’ più morbido. Il voto è convincente: l’argomento della prova è adatto come interdisciplinare per attività di business writing e gaming. L’atto di bilanciamento si traduce in un pulsante relativamente preciso, ma anche fluido: un buon mix di pulsanti rossi e blu.

Sebbene il pulsante GX in sé non sia una cattiva opzione, presenta un problema. Altri produttori progettano i propri bottoni nel segmento del lusso che offrono qualcosa di speciale. Ad esempio, scivolano più dolcemente, sono più qualitativamente lubrificati, sono più silenziosi oppure utilizzano la tecnologia a infrarossi o l’effetto Hall. Il GX manca di questa caratteristica di lusso – rimane tecnicamente nella media, ed è installato anche in una tastiera da €50. Non serve quasi a nulla come giustificazione per il prezzo di acquisto del nuovo G Pro X.

Grafico della potenza blu GX
Grafico della potenza GX Blue (Immagine: Logitech)
Grafico della potenza gx marrone
Grafico della potenza GX Brown (Immagine: Logitech)
Grafico della potenza GX rossa
Grafico della potenza GX Red (Immagine: Logitech)

Esperienze quotidiane

Durante la digitazione, il G Pro Ducky One 3 con la stessa configurazione dei pulsanti sembra udibilmente più discreto. Tecnicamente si può fare di più e ci si può aspettare di più in termini di prezzo. Logitech aggrava il problema con una retroilluminazione aperta che non fornisce alcuna barriera al rumore. Anche questo non corrisponde alla fascia di prezzo. Per fare un confronto: il Ducky One 3 può essere utilizzato solo tramite cavo, ma costa 80€ in meno ed è più silenzioso.

Logitech G Pro X Velocità della luce (GX Marrone)

Non c’è molto da dire sulla pianificazione. Logitech ha già consegnato il G713 incredibilmente ben commercializzato (test). Il nuovo G Pro eredita anche il problema di layout più grande. Uno chassis molto piatto e tasti multimediali molto piatti non si adattano comodamente: tutti i tasti aggiuntivi sono difficili da raggiungere a causa della massima differenza di altezza tra i tasti multimediali e i tasti meccanici davanti ad essi. Inoltre, il leggero gioco eccessivo della rotella di scorrimento e l’uso della plastica non sono particolarmente piacevoli in questa fascia di prezzo.

I tasti aggiuntivi sono troppo piatti per essere facilmente accessibili
I tasti aggiuntivi sono troppo piatti per essere facilmente accessibili
Anche una porta USB-C è ora standard su Logitech
Anche una porta USB-C è ora standard su Logitech
Logitech non si sta facendo alcun favore con il suo design autonomo
Logitech non si sta facendo alcun favore con il suo design autonomo

Poiché l’accesso ai tasti F diventa piuttosto noioso, non è necessario utilizzare regolarmente i tasti aggiuntivi. Lo schienale aperto diventa un problema per la seconda volta, come con il design minimalista, perché anche la serie K di Corsair ha la soluzione. In sostanza, Logitech acquista le imperfezioni solo in base alla progettazione, senza creare alcun valore aggiunto oltre l’estetica puramente soggettiva.

Quando si tratta di software, Logitech offre qualcosa di relativamente ragionevole per un grande produttore di giochi perché non ha bisogno di gestire un enorme ecosistema hardware. Il G HUB può occuparsi solo dei dispositivi di input. L’azienda preferisce una struttura chiara perché sono disponibili meno funzionalità. È possibile programmare solo i tasti F, sebbene i ripristini standard e i ripristini FN possano essere scambiati. Tuttavia, i tasti non possono essere ampiamente configurati e il tasto FN e altre doppie funzioni non possono essere programmati.

In modalità hardware non è possibile salvare più di un profilo sulla tastiera
In modalità hardware non è possibile salvare più di un profilo sulla tastiera
I tasti F possono essere programmati in modalità programmazione
I tasti F possono essere programmati in modalità programmazione
Gli effetti di luce possono essere sincronizzati con i dispositivi Lightsync
Gli effetti di luce possono essere sincronizzati con i dispositivi Lightsync

Inoltre, ci sono ancora delle peculiarità. Il profilo può essere modificato solo in modalità software, che può poi essere salvato con ulteriori clic sulla tastiera dopo il passaggio alla modalità hardware. Il motivo per cui il profilo non può essere modificato direttamente sulla tastiera rimane un segreto di Logitech.

Conclusione

Modello Logitech.

Nuovo G Pro Ma è anche l’aggiornamento di un grande marchio: un nuovo arrivato che offre ciò che è inevitabile perché è stato affermato da altri da molto tempo. È gradito che la vista sia più ampia. Nascondere tasti piatti aggiuntivi dietro alti interruttori meccanici è un concetto che Corsair ha sepolto molto tempo fa: indipendentemente dal prezzo, sembra non necessario.

GPro
GPro

Ma anche i pulsanti GX a 230 euro? Dove sono disponibili i modelli gaming Asus finemente lubrificati? Dove sono il look elegante, le innovazioni delle scene personalizzate, l’acustica precisa, il jack hot-switch, il livello FN programmabile e i pulsanti regolabili con sensore ad effetto Hall? Tutto ciò è ottenibile attraverso questo corso e offre un utile valore aggiunto che i “tempi di reazione ultra-giga” non forniscono. Logitech non ha nulla di tutto questo. Attrezzature e costi non corrispondono in alcun modo.

Non c’è altro che puoi fare qui che esprimere un giudizio da Logitech: la nuova aggiunta non è affatto male, ma è irrimediabilmente troppo costosa. Tuttavia, parte dell’immagine del marchio sta fissando prezzi consigliati non realistici, che il mercato riduce rapidamente e drasticamente. Per intenderci: per più di 200€ sarebbe sciocco optare per la G Pro Nella fascia dei 160€, il G Pro e fino ad arrivarci, sembra consigliabile avere pazienza.

  • Vita

    EHI

  • Pulsanti ed etichettatura

    +

  • Pianificazione

    EHI

  • Attrezzature e componenti aggiuntivi

    +

  • Programmazione

    +

  • Coordinamento riuscito dei pulsanti
  • Tre tipi di comunicazione
  • Programma molto chiaro
  • I tasti aggiuntivi sono molto piatti
  • Semplici opzioni di personalizzazione in tutto il software
  • Funzionalità inadeguate per il prezzo consigliato

ComputerBase ha ricevuto in prestito un Pro X TKL Lightspeed da Logitech per i test. Il produttore non ha avuto alcuna influenza sul rapporto di prova e non aveva alcun obbligo di pubblicarlo.

I link contrassegnati da un asterisco sono link di affiliazione. Se viene effettuato un ordine tramite questo collegamento, ComputerBase condividerà i proventi delle vendite senza aumentare il prezzo per il cliente. Questo articolo è stato interessante, utile o entrambi?

Il team editoriale apprezza qualsiasi supporto da parte di ComputerBase Pro e i blocchi degli annunci disabilitati. Maggiori informazioni sulla pubblicità su ComputerBase.

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...