L’inflazione tedesca è scesa al 2,2% a giugno

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

L’inflazione in Germania è nuovamente in calo. A giugno i prezzi al consumo sono aumentati del 2,2% rispetto al livello dello stesso mese dell’anno scorso – dopo il 2,4% di maggio, ha riferito l’Ufficio federale di statistica sulla base dei dati preliminari di Wiesbaden. Il tasso di inflazione, esclusi alimentari ed energia, la cosiddetta inflazione core, è quindi del 2,9%.

Mentre soprattutto i servizi sono diventati più cari, l’energia è diventata più economica. Secondo gli statistici, rispetto al mese precedente di maggio i prezzi sono aumentati dello 0,1%.

L’economista Sebastian Dulian dell’Istituto dei sindacati per la macroeconomia e la ricerca economica (IMK) ha definito anomalo l’aumento registrato a maggio. “La tendenza al ribasso dell’inflazione rimane in atto ed è ripresa a giugno. Nei prossimi mesi si prevede un ulteriore leggero calo dell’inflazione.

Contenuti editoriali consigliati

Qui troverai contenuti esterni selezionati dai nostri redattori, arricchendo l’articolo con informazioni aggiuntive. Qui puoi visualizzare o nascondere i contenuti esterni con un clic.

Accetto che i contenuti esterni possano essere visualizzati per me. Ciò significa che i dati personali potrebbero essere trasferiti a piattaforme esterne. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo nelle Impostazioni di protezione dei dati. Li trovi in ​​fondo alla nostra pagina nel footer, così potrai gestire le tue impostazioni o revocarle in ogni momento.

Ifo prevede che l’inflazione continuerà a diminuire

Secondo un recente studio sui piani tariffari delle aziende, anche l’Istituto Ifo di Monaco prevede che l’inflazione ad agosto diminuirà e scenderà sotto il 2%. “È quindi probabile che l’inflazione continui il suo lento declino e scenda sotto la soglia del 2% ad agosto per la prima volta da marzo 2021”, afferma Timo Wolmershauser, responsabile economico dell’Ifo.

I tassi di inflazione molto elevati degli ultimi due anni appartengono ormai al passato. Nella media di quest’anno, i principali istituti di ricerca economica prevedono che l’inflazione in Germania scenderà significativamente al 2,3% – dopo il 5,9% nel 2023. Ma recentemente il calo è stato lento.

A maggio, per la prima volta quest’anno, l’inflazione è aumentata, soprattutto a causa dell’aumento dei costi dei servizi. Il calo dell’inflazione si era già fermato al 2,2% in aprile. Gli economisti hanno sottolineato l’aumento dei salari, che potrebbe portare ad un aumento dei prezzi da parte delle aziende.

Anche i consumatori continuano a vedere forti aumenti dei prezzi quando acquistano prodotti alimentari. Negli ultimi anni il cibo è diventato più caro in media di oltre il 30%, secondo un’analisi speciale dell’Ufficio federale di statistica per il periodo da gennaio 2020 a maggio 2024. Era a disposizione della “Wirtschaftswoche”.

Accordi collettivi di contrattazione più elevati e pensioni più elevate aumentano il potere d’acquisto

Se l’inflazione diminuisse in Germania e nell’eurozona nel suo complesso, ciò darebbe alla BCE spazio per tagliare ulteriormente i tassi di interesse guida nel corso dell’anno. A giugno ha tagliato i tassi di riferimento di 0,25 punti percentuali per la prima volta dall’ondata di inflazione nell’area valutaria. Nel frattempo, la presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde ha minimizzato le aspettative per ulteriori aumenti dei tassi di interesse.

Gli elevati tassi di inflazione indeboliscono il potere d’acquisto dei consumatori. Ciò porta ad un rallentamento dei consumi privati, che rappresentano un pilastro importante dell’economia tedesca. I sindacati cercano di compensare l’aumento dei prezzi attraverso accordi di contrattazione collettiva più elevati. Anche le pensioni stanno aumentando in modo significativo: gli stipendi di oltre 21 milioni di pensionati in Germania sono aumentati del 4,57% dal 1° luglio.

L’ondata d’inflazione seguita alla guerra in Ucraina mette sotto pressione le famiglie

Ma nel lungo termine, il potere d’acquisto dei consumatori è diminuito a causa della massiccia inflazione degli ultimi anni. Secondo l’Ufficio federale di statistica, dal 2022 al 2023 il reddito medio delle economie domestiche è cresciuto del 5,1%, ma il tasso di inflazione ha raggiunto il 5,9%. Ciò è evidente negli ultimi dati richiesti dalla coalizione Sahara-Wagenknecht (BSW) alle autorità. Se si confrontano il 2021 e il 2023, il divario è ancora maggiore. La presidentessa della BSW Sahira Wagenknecht ha concluso da queste cifre che “i tedeschi sono diventati notevolmente più poveri”.

L’inflazione ha accelerato rapidamente dopo l’attacco russo all’Ucraina all’inizio del 2022 perché l’energia e, di conseguenza, la produzione e i beni importati sono diventati molto più costosi. L’Unione Europea ha imposto restrizioni sulle importazioni di petrolio dalla Russia e ha imposto ulteriori sanzioni. Mosca, a sua volta, ha fermato le esportazioni di gas verso la Germania attraverso i gasdotti Nord Stream. (Dpa)

Related articles

Adolescente (25) ucciso durante un rituale sciamanico in Italia – Gli investigatori rilasciano dettagli sulla causa della morte

tzil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 6:18Da: Robin DittrichPremeredivisoLa morte di un barista di 25 anni ha...

Il piano del semaforo non influisce solo sul tipo di motore del veicolo elettrico

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 4:52da: Patrick FreewahInsisteDivideIl governo federale non intende solo promuovere i...