Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’età geologica dell’uomo: quando è iniziato l’Antropocene?

L’età geologica dell’uomo
Quando è iniziato l’Antropocene?

L’evoluzione della Terra è divisa in ere geologiche. Si parla molto ora del cosiddetto Antropocene, l’età dell’uomo, perché gli esseri umani hanno causato cambiamenti drastici. Il suo esatto inizio è ora da determinare.

L’Antropocene è l’età geologica dell’uomo. Ma quando è iniziato esattamente? Alla ricerca di un punto di partenza definito con precisione, i geologi stanno ora adottando un approccio che adottano da terra. Hanno selezionato dodici serie sedimentarie. Vogliono usare uno di questi carotaggi come una sorta di riferimento per determinare l’inizio dell’era umana. Una decisione provvisoria sarà presa entro la fine di quest’anno. Scrive Colin Waters e Simon Turner sulla rivista Science.. I due ricercatori presiedono il gruppo di esperti (l’Anthropocene Working Group; AWG) per identificare il campione di riferimento.

I geologi dividono la storia della Terra in epoche diverse. Di conseguenza, l’umanità vive attualmente nell’Olocene, che iniziò circa 12.000 anni fa dopo la fine dell’ultima era glaciale. Tuttavia, gli esperti dell’AWG ritengono che l’Olocene sia terminato a metà del XX secolo. La base di ciò è che i cambiamenti nella natura, nell’atmosfera, nel suolo e nei sedimenti sono in gran parte dovuti alle attività umane e lasciano tracce geologiche durature.

Il termine “Antropocene” è stato coniato dal biologo americano Eugene Stürmer e dal meteorologo olandese Paul Crutzen, premio Nobel ed ex direttore del Max Planck Institute for Chemistry di Magonza. Da allora, la parola è stata continuamente usata per evidenziare l’enorme impatto, per lo più negativo, che l’umanità ha avuto sulla Terra. Tuttavia, l’Antropocene non è stato confermato come un’era ufficiale. La creazione di un profilo di riferimento dei sedimenti è un passo in questa direzione.

Gli esseri umani lasciano impronte enormi

È chiaro che l’umanità ha avuto un enorme impatto sul nostro pianeta al più tardi dall’inizio dell’industrializzazione. L’atmosfera si sta riscaldando, il livello del mare si sta alzando e interi ecosistemi stanno scomparendo. L’industria e l’agricoltura alterano, per esempio, i cicli del carbonio, dell’azoto e del fosforo. Materiali come la plastica, l’alluminio e le particelle di cemento si diffondono nell’ambiente su scala globale. Alcune specie animali e vegetali si diffondono ben oltre le loro zone di origine, mentre altre si estinguono.

Questo cambiamento è visibile e misurabile anche nei sedimenti, perché nel tempo vi si deposita del materiale proveniente dall’acqua o dall’aria. Ciò consente agli esperti di seguire come la Terra sta cambiando in superficie. I cosiddetti marcatori includono la ricaduta radioattiva dai test sulle armi nucleari, le ceneri volanti dalla produzione industriale o il rapporto di alcuni isotopi di azoto. Quest’ultimo si riferisce alle variazioni del bilancio azotato, cioè all’eccessiva fertilizzazione dovuta all’inizio dell’agricoltura industriale, spiega Reinhold Linfelder, in pensione alla Freie University di Berlino. È anche membro dell’AWG.

I dodici carotaggi selezionati sono stati deliberatamente prelevati da ecosistemi molto diversi in modo da poter definire nuove frontiere tutt’intorno. Ce n’è uno proveniente da un sedimento del Mar Baltico, da una barriera corallina al largo dell’Australia, dal letto di un lago canadese, un nucleo di ghiaccio dall’Antartide e un campione da una torbiera in Polonia. Presi insieme, i dodici siti offrono una prospettiva diversa sulla realtà geologica dell’Antropocene, scrivono Waters e Turner.

Esame da più commissioni

Tutti i campioni hanno in comune il fatto di essere costituiti da strati di sedimenti o nuclei glaciali che si sono progressivamente accumulati negli ultimi decenni. I marcatori sono selezionati in modo tale che la loro concentrazione aumenti bruscamente in un dato momento intorno alla metà del secolo – e questo cambiamento in un dato punto può essere misurato anche nelle carote di perforazione. Una o più di tali particelle o concentrazioni di sostanze, che compaiono per la prima volta o sono anch’esse in rapido aumento, intendono segnare l’inizio formale dell’Antropocene come primer.

La ricerca è ora in corso per una carota che contenga i prerequisiti ideali come campione di riferimento. “Idealmente, la posizione del campione fornirebbe strati accuratamente databili con precisione per individuare l’inizio dell’Antropocene in un anno specifico”, hanno scritto Waters e Turner. Di conseguenza, questo campione di riferimento aiuterà a descrivere in modo più accurato gli effetti delle attività umane sul pianeta, in contrasto con l’Olocene relativamente stabile.

“L’identificazione di un periodo di tempo geologico con tali caratteristiche di riferimento è standard, in modo che i geologi di tutto il mondo abbiano la stessa comprensione del periodo di tempo in questione e i profili di riferimento possano anche essere controllati da altri ancora e ancora”, spiega Linfelder.

Tuttavia, potrebbe passare del tempo prima che l’età umana venga effettivamente convertita nella scala temporale geologica. La proposta di riferimento deve ancora essere approvata da diverse commissioni. prima dal Subcommittee on Quaternary Stratigraphy (SQS), poi dalla International Commission on Stratigraphy (ICS), e infine dal Comitato Esecutivo dell’International Union of Geosciences (IUGS).

READ  I virus geneticamente modificati servono come strumento per la ricerca biologica