Novembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La vitamina D protegge dal corona?

Che ruolo gioca la “vitamina del sole” nella lotta contro il Corona? Dall’inizio della pandemia, gli scienziati hanno cercato di ricercare l’importanza di fattori come i livelli di vitamina D nel sangue per il decorso della malattia COVID-19. Alcuni studi hanno già mostrato segni di un possibile legame tra carenza di vitamina D e un aumentato rischio di infezione da SARS-CoV-2. Tuttavia, ci sono anche risultati opposti. Finora non si è parlato di “consenso scientifico”.

Inoltre, non è chiaro se la carenza di vitamina D sia effettivamente il driver critico di un decorso più grave di COVID-19. Precedenti malattie che contribuiscono a bassi livelli di vitamina D nel sangue erano considerate la vera ragione di ciò. Anche i fattori genetici e le abitudini alimentari sono stati considerati come possibili spiegazioni per lo sviluppo di malattie gravi.

Contesto Uno studio israeliano pubblicato di recente vede un legame tra gravi cicli di COVID-19 e carenza di vitamina D. Gli scienziati della Bar Ilan University di Ramat Gan e del Galilee Medical Center (GMC) di Nahariya hanno analizzato i dati medici di 1.176 pazienti ricoverati i cui livelli di vitamina D erano noti prima del loro ricovero.

La conclusione dei ricercatori è chiara: “Nei pazienti ospedalizzati con COVID-19, la carenza di vitamina D pre-infezione era associata a un decorso più difficile della malattia e a un tasso di mortalità più elevato”. Circa la metà dei pazienti con cicli acuti soffre di carenza di vitamina D. Il rischio di morte per COVID-19 era dodici volte superiore nel gruppo di persone con bassi livelli di vitamina D rispetto al gruppo di confronto.

I ricercatori avvertono: prendere il sole intenso non sostituisce la vaccinazione.

Lo studio si basa sui dati di adulti con COVID-19 trattati al GMC tra aprile 2020 e febbraio 2021. Livelli di vitamina D trovati nelle cartelle cliniche elettroniche dei pazienti e applicazione di un nuovo modello per prevedere i livelli annuali e mensili di 25-idrossivitamina D, 25(OH) In breve, ha permesso di ottenere “risultati statisticamente significativi e coerenti per dimostrare un legame tra valori inferiori di 25(OH)D e maggiore gravità della malattia COVID-19”, poiché lo studio è stato pubblicato sulla rivista PLOS UNO.

READ  Fegato grasso nonostante una dieta sana: i ricercatori fanno una scoperta sorprendente

protezione Il leader dello studio Emil Dror ha spiegato che i risultati suggeriscono che è anche consigliabile puntare a livelli adeguati di vitamina D per proteggersi dall’infezione da coronavirus. “Questo andrà a beneficio di coloro che contraggono il virus”, ha detto Dror.

Tuttavia, in termini di mortalità e progressione della malattia, lo studio non ha riscontrato differenze significative tra i diversi gruppi etnici in Israele. E questo nonostante il fatto che quasi due terzi della popolazione araba del paese abbia un livello di vitamina D inferiore a 20 nanogrammi per millilitro di sangue, valore che la medicina parla di carenza di vitamina D. Al contrario, solo un terzo della popolazione ebraica del Paese soffre di questo problema.

In effetti, gli arabi israeliani hanno anche maggiori probabilità di essere colpiti dal grave coronavirus di chiunque altro. Tuttavia, ciò non può essere spiegato dal fattore vitamina D, come confermano gli scienziati sulla base dei loro dati. “Nel complesso, nonostante la significativa propensione alla carenza di vitamina D tra gli arabi israeliani, i nostri dati non mostrano alcun effetto della razza sulla gravità e sulla mortalità delle malattie”, hanno scritto.

alternative I ricercatori mettono inoltre in guardia contro l’idea sbagliata che l’assunzione di vitamina D – ad esempio attraverso un’intensa esposizione al sole, mangiando cibi contenenti la vitamina come pesce grasso o uova o assumendo integratori vitaminici – sia un’alternativa alle misure preventive come la vaccinazione. .

Ora stanno cercando ulteriori indagini sull’argomento, anche per scoprire le condizioni in cui un livello sufficientemente alto di vitamina D nel sangue aumenta la protezione contro le infezioni e i cicli gravi.

I risultati dello studio non forniscono chiarezza finale.

Ma ci sono anche voci scettiche che dubitano che la carenza di vitamina D sia davvero la causa dei gravi cicli di COVID-19. Criticano anche il metodo di studio retrospettivo utilizzato in Israele, che si basa su dati esistenti ma non rappresenta uno studio comparativo sui benefici dell’integrazione aggiuntiva di vitamina D.

READ  Curiosità del rover della NASA: per dieci anni sulla Terra, sulla strada per Marte

casuale Uno studio del 2020 nel Regno Unito, che ha raccolto dati casuali da pazienti provenienti da tutto il paese, non ha trovato prove che la vitamina D svolga un ruolo nel rischio di infezione da SARS-CoV-2 o nello sviluppo di COVID-19.

Pertanto, i risultati dello studio israeliano non forniscono chiarezza conclusiva. Tuttavia, suggeriscono almeno che esiste probabilmente un legame tra il decorso della malattia COVID-19 e un adeguato apporto di vitamina D. Un breve bagno di sole quotidiano è comunque un modo semplice per prendersene cura. Il corpo umano assorbe circa l’80-90 percento della sua “vitamina solare” attraverso la pelle.