La Russia condanna le violazioni dei diritti umani in Crimea

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."
  • daFelix Bussjaeger

    Vicino

Nel 2014 la Russia ha annesso la Crimea. Ora il governo di Putin è stato condannato per le violazioni dei diritti umani nella penisola coreana. L’Ucraina aveva già intentato una causa.

STRASBURGO – La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato la Russia per le violazioni dei diritti umani in Crimea dopo l’annessione della penisola del Mar Nero. Lo hanno deciso martedì a Strasburgo i giudici, accogliendo così la causa intentata dall’Ucraina. La Russia non riconosce le sentenze dei tribunali.

La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna le violazioni dei diritti umani da parte della Russia in Crimea

I giudici di Strasburgo hanno stabilito, secondo le agenzie di stampa, che “gli incidenti sono stati così numerosi e interconnessi da costituire violazioni sistematiche”. La causa del governo ucraino includeva “arresti illegali”, “soppressione dei media non russi” e “confisca di proprietà senza risarcimento”. Ma nel complesso, è probabile che la sentenza contro l’annessione della Crimea da parte della Russia rimanga sotto controllo.

La giurisdizione della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) non ha nulla a che fare con il governo russo. Anche la Russia è stata esclusa dal Consiglio d’Europa dall’inizio della guerra in Ucraina nella primavera del 2022. Ciò significa che non è più membro della Convenzione europea sui diritti dell’uomo, di cui la Corte di giustizia garantisce il rispetto. Il Consiglio d’Europa, la Convenzione sui diritti dell’uomo e la Corte di giustizia sono indipendenti dall’Unione europea.

La Corte europea dei diritti dell’uomo condanna la Russia per la situazione in Crimea

La Russia ha annesso la penisola di Crimea all’Ucraina nel 2014 in violazione del diritto internazionale. Dallo scoppio della guerra in Ucraina, la penisola del Mar Nero ha svolto un ruolo importante come base militare per la marina di Vladimir Putin. Negli ultimi mesi l’Ucraina ha aumentato significativamente gli attacchi alle strutture russe. I missili ATACMS statunitensi sono stati spesso utilizzati negli attacchi in Crimea.

Tuttavia, nell’attuale sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, non ha avuto un ruolo l’effettiva annessione della Crimea, ma piuttosto il comportamento delle forze russe da allora in poi. Oltre alle ragioni sopra menzionate, è stato anche affermato che Mosca ha perseguitato gli attivisti filo-ucraini non solo in Crimea, ma in tutta l’Ucraina e in Russia. I giudici hanno per lo più concordato con queste affermazioni. Hanno concluso all’unanimità che la Russia ha violato, tra le altre cose, il diritto alla vita, il divieto di trattamenti inumani o degradanti e la libertà di espressione in Crimea. (FBO)

Related articles