Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La nebbia cerebrale di solito scompare: il Covid-19 aumenta il rischio di problemi neurologici

La nebbia del cervello di solito scompare
Il Covid-19 aumenta il rischio di problemi neurologici

L’infezione da Corona non passa inosservata. Gli effetti a lungo termine di COVID-19 rimangono in gran parte poco chiari. Il rischio di problemi neuropsichiatrici è ormai oggetto di studio. I risultati lasciano ancora molto spazio all’interpretazione.

I pazienti Covid-19 corrono ancora un leggero rischio di sviluppare alcuni problemi psicologici e neurologici due anni dopo l’infezione. Questo è ciò che hanno detto i ricercatori britannici La psichiatria di Lancet Dopo aver valutato le cartelle cliniche di 1,28 milioni di pazienti COVID-19 e un numero simile di persone con altre malattie respiratorie.

Il team dell’Università di Oxford guidato da Paul Harrison e Maxim Tacket ha utilizzato i dati di Stati Uniti, Regno Unito, Spagna, Bulgaria, Australia, India, Malesia e Taiwan. Durante il confronto, i ricercatori si sono assicurati che il gruppo di pazienti Covid e il gruppo di controllo con altre malattie respiratorie fossero molto simili in termini di età, sesso, etnia e altre caratteristiche. Le malattie da Covid sono state diagnosticate tra gennaio 2020 e aprile 2022.

I risultati inizialmente contraddicono il sospetto che il Covid possa causare disturbi dell’umore a lungo termine. “È positivo che i casi di eccessiva depressione e ansia diagnosticati dopo il Covid-19 siano di breve durata e non siano osservati nei bambini”, ha affermato Harrison in una dichiarazione della sua università. Di conseguenza, i disturbi dell’umore erano allo stesso livello del gruppo di controllo dopo 43 giorni dalla diagnosi di Covid, e questo era il caso dei disturbi d’ansia dopo 58 giorni. Gli scienziati non hanno riscontrato un aumento dell’incidenza di tali disturbi nella fascia di età inferiore ai 18 anni.

Tuttavia, lo studio sui pazienti Covid-19 ha indicato un rischio leggermente più elevato di sviluppare coscienza nebbiosa (nebbia cerebrale), demenza, episodi psicotici ed epilessia anche alla fine del periodo di follow-up di due anni. Calcolato per ogni 10.000 pazienti, ci sono stati 640 casi di ridotta coscienza nel gruppo Covid di età compresa tra 18 e 64 anni, mentre ci sono stati 550 casi nel gruppo di controllo. Nelle persone di età superiore ai 64 anni si sono verificati 450 casi di demenza su 10.000 pazienti Covid e nel gruppo di controllo si sono verificati 330 casi.

Sono necessarie ulteriori ricerche

I ricercatori hanno anche esaminato gli effetti delle varianti del coronavirus alfa, delta e omicron. Rispetto alla variante alfa, la variante delta ha mostrato un aumentato rischio di ictus, epilessia, alterazione della coscienza, insonnia e disturbi d’ansia. Nel caso della variante omicron, non vi erano differenze nella variante delta, ma il tasso di mortalità era inferiore. “I risultati gettano nuova luce sulle conseguenze a lungo termine per la salute mentale e il cervello delle persone dopo aver contratto il Covid-19”, afferma Tackett. Tuttavia, gli autori riconoscono che a causa del database, i casi di Covid con pochi o nessun sintomo potrebbero essere sottorappresentati. Né ha tenuto conto della prima diagnosi di malattie neurologiche o psichiatriche e della gravità dei casi. Il team riconosce inoltre che nelle cartelle dei pazienti potrebbero mancare informazioni sulle malattie Covid o sulle vaccinazioni contro il virus Corona, il che potrebbe distorcere i risultati.

Jonathan Rogers e Glenn Lewis dell’University College London, che non sono stati coinvolti nello studio, hanno scritto in un commento, sempre su The Lancet Psychiatry: “Questo è il primo studio che tenta di spiegare parte della variabilità negli aspetti neuropsichiatrici in corso del Covid -19 in un set di dati di grandi dimensioni.” Alcune caratteristiche cliniche richiedono ulteriori ricerche.

Lo studio è particolarmente rilevante a causa del gran numero di pazienti, del gruppo di controllo e della durata del periodo di osservazione di due anni, afferma Peter Perlett, segretario generale della Società tedesca di neurologia (DGN). Tuttavia, la validità è limitata dal fatto che la gravità della malattia respiratoria nel gruppo di controllo non è stata presa in considerazione. Lo studio non mostra un aumento del rischio di demenza nei pazienti Covid. Il neurologo conferma: “È noto che la demenza latente compare spesso come conseguenza di un evento grave, come la malattia di Covid-19, senza una relazione causale”.

READ  Virus mortale di Heartland: minaccia di insufficienza multiorgano! Una nuova indagine sull'infezione dell'horror