Jaffe afferma che gli operatori sanitari a rischio potrebbero essere regolarmente vaccinati contro l’Ebola

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Le scorte globali di vaccini contro l’Ebola possono essere utilizzate per proteggere regolarmente gli operatori sanitari nei paesi a rischio e non solo come risposta di emergenza durante un’epidemia, ha affermato giovedì il gruppo internazionale di vaccini Gavi.

L’Alleanza globale per i vaccini e l’immunizzazione (Gavi) e altri partner sanitari globali hanno creato una scorta di mezzo milione di dosi del vaccino contro l’Ebola nel 2019 da utilizzare nell’epidemia di febbre emorragica, che ha un tasso medio di mortalità di circa il 60%. Circa 11.000 persone sono morte nell’epidemia del 2014-2016 nell’Africa occidentale, la più grande mai registrata.

Ma nonostante l’ebola sia estremamente mortale, le epidemie sono relativamente rare. Circa 208.000 dosi del vaccino Ervibo della Merck scadranno quest’anno se non utilizzate.

Alcuni paesi, tra cui la Repubblica Democratica del Congo e l’Uganda, hanno già ricevuto dosi per le campagne di prevenzione. Ora Gavi afferma che finanzierà regolarmente questo utilizzo nei paesi ad alto rischio, compresi i costi di trasporto e vaccinazione, dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato l’uso di Ervebo in questo modo il mese scorso.

L’OMS ha inoltre approvato l’uso profilattico dell’altro vaccino contro l’Ebola di Johnson & Johnson con una dose di richiamo proveniente dalla regione della Baviera settentrionale per i gruppi a rischio. Questo vaccino è attualmente esaurito. Entrambi i vaccini colpiscono il ceppo Zaire di Ebola, non il ceppo sudanese del virus che ha causato un’epidemia in Uganda nel 2022.

Sania Nishtar, amministratore delegato della Gavi Alliance, ha affermato che le scorte hanno già contribuito a ridurre il numero di casi e di decessi di Ebola durante l’epidemia e ora proteggeranno le persone più vulnerabili da questa terribile malattia che può spazzare via intere comunità.

Gavi ha anche affermato che sosterrà i paesi a basso reddito affinché incorporino una serie di altri vaccini nei loro programmi di routine.

Queste misure includono l’introduzione di una dose di vaccino contro l’epatite B alla nascita, un nuovo vaccino che protegge contro cinque ceppi di meningite meningococcica e l’uso del vaccino contro la rabbia per la protezione post-esposizione. Tutti i piani, inclusa la vaccinazione preventiva contro l’Ebola, erano stati approvati dal consiglio GAVIS prima del COVID-19, ma sono stati rinviati a causa della pandemia e di altri fattori. (Segnalazione di Jennifer Rigby; Montaggio di Alex Richardson)

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...