Investimenti miliardi: BYD vuole costruire auto elettriche in Turchia dal 2026

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Secondo il Ministero turco dell’Industria e della Tecnologia, le due parti hanno firmato l’accordo lunedì alla presenza del presidente Recep Tayyip Erdogan. BYD investirà quindi circa 1 miliardo di dollari Usa (circa 920 milioni di euro) in Turchia per costruire un impianto produttivo che creerà circa 5.000 posti di lavoro. È presente anche un centro di ricerca e sviluppo per le tecnologie della mobilità. BYD non vuole perdere troppo tempo: l’inaugurazione dovrebbe essere celebrata tra due anni e mezzo.

“Con i vantaggi unici della Turchia, come il suo ecosistema tecnologico avanzato, una forte base di fornitori, una posizione eccezionale e una forza lavoro qualificata, l’investimento di BYD in questo nuovo impianto di produzione migliorerà ulteriormente le capacità di produzione locale del marchio e aumenterà l’efficienza logistica”, ha affermato BYD in una nota. . . “Il nostro obiettivo è raggiungere i consumatori in Europa soddisfacendo la crescente domanda di veicoli a nuova energia nella regione”.

Mehmet Fatih Kajir, Ministro dell’Industria e della Tecnologia, ha commentato: “Siamo in una giornata storica per la nostra industria automobilistica. Abbiamo fatto il primo passo per un enorme investimento nel nostro Paese”.

Non è ancora ufficiale dove verrà realizzata esattamente l’opera. Tuttavia, il quotidiano turco filogovernativo Yeni Safak ha riferito che a BYD era stata assegnata un’area nella provincia di Manisa (a nord della città costiera di Izmir) per il sito. Secondo quanto riferito, la Volkswagen è interessata a questa proprietà da alcuni anni.

È già trapelata la notizia che BYD vuole produrre automobili in Türkiye. Bloomberg ha riferito venerdì che Türkiye avrebbe stipulato un simile accordo con BYD. La nuova fabbrica rende più facile per BYD l’accesso all’Unione Europea sullo sfondo della minaccia di tariffe speciali, poiché la Turchia e l’UE sono legate a un’unione doganale che esiste dal 1995. Anche altri produttori di automobili vedono questo come un punto strategico vantaggio della posizione. Tra questi produttori ci sono Fiat, Renault, Ford, Toyota e Hyundai, che producono in Turchia da decenni

Secondo i piani elaborati dall’Unione Europea, BYD dovrà aspettarsi tariffe del 27,4% (10% dazio normale, 17,5% dazio speciale) sui suoi veicoli elettrici importati dalla Cina. Ciò ha lo scopo di compensare i sussidi che distorcono la concorrenza in Cina. Le definizioni variano da produttore a produttore. È ancora temporaneo. I colloqui con il governo cinese sono ancora in corso.

Ma il semplice fatto che le tariffe siano incombenti potrebbe aver accelerato i piani di BYD per una seconda fabbrica di veicoli elettrici in Europa. Türkiye attrae costi di manodopera relativamente bassi. E con politiche amichevoli verso la Cina. Venerdì il governo di Ankara ha annunciato il ritiro del progetto, annunciato circa un mese fa, di imporre dazi doganali aggiuntivi del 40% su tutti i veicoli provenienti dalla Cina con la motivazione di voler incentivare gli investimenti.

Come noto, il primo stabilimento europeo di BYD sarà costruito in Ungheria e dovrebbe diventare operativo alla fine del 2025. Stella Li, vicepresidente di BYD per Europa e America, ha confermato a giugno che sarà costruito anche un secondo stabilimento produttivo il continente. L’Europa è solo una delle tante aree di espansione della Cina. La settimana scorsa, il produttore ha aperto una fabbrica di veicoli elettrici in Tailandia e una fabbrica in Uzbekistan, dove due modelli ibridi stanno uscendo dalla linea di produzione. Inoltre, BYD ha acquisito un ex stabilimento Ford in Brasile e sta cercando un sito per uno stabilimento in Messico.

Analogamente alla fabbrica progettata in Turchia, la direzione cinese del produttore non guarda principalmente al mercato interno locale, ma agli Stati Uniti: insieme al Canada, questi due paesi formano l’area di libero scambio dell’Accordo di libero scambio nordamericano ( NAFTA), con cui BYD realizza i suoi prodotti in Messico. Le automobili possono essere importate in esenzione doganale negli Stati Uniti e in Canada. I veicoli BYD prodotti in Cina saranno soggetti a tariffe del 100% se importati negli Stati Uniti a partire dal 1° agosto e il Canada sta ora valutando una mossa del genere.

Reuters.com, Sabah quotidiano.com, x.com, bnbloomberg.ca, sanayi.gov.tr

Related articles

I pensionati sembrano più anziani rispetto a Italia e Francia

Pagina inizialeCommercialestava in piedi: 18 luglio 2024, 8:34Da: Mark StobbersPremeredivisoI pensionati tedeschi non se la passano altrettanto bene...

Due prodotti falliscono senza pietà: “Copertura in cartone facile da rimuovere”

Home pageconsumatorestava in piedi: 18 luglio 2024, 5:15da: Kilian BaumelInsisteDivideCi sono nette differenze nella birra leggera e non...

I virus dell’influenza possono utilizzare due portali per l’ingresso

Zurigo - La maggior parte dei virus influenzali penetra nelle cellule umane e animali attraverso una struttura specifica...