Incontro in Italia: la lunga ombra di Putin incombe sul vertice del G7

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."

Incontro in Italia
La lunga ombra di Putin incombe sul vertice del G7

Ascolta l’articolo

Questa versione audio è generata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia un commento

Nel corso del loro incontro i capi di Stato e di governo del gruppo G7 hanno elaborato un importante pacchetto di aiuti per l’Ucraina. Anche se non direttamente, Vladimir Putin è onnipresente a Barry. Aspettatevi il ritorno del leader del Cremlino Donald Trump.

La strada verso la pace, la comprensione internazionale e Vladimir Putin potrebbe non essere lontana dal vertice del G7. A un gruppo di sette capi di Stato e di governo basta lasciare un hotel di lusso sulla costa adriatica italiana e fare un viaggio di 20 minuti in auto. Nella vicina Bari, davanti alla chiesa di San Nicola troneggia un dono russo del 2003: un monumento a San Nicola, accanto ad una targa di bronzo donata da Putin con una dedica alla pace e alla cooperazione.

Due decenni fa la situazione mondiale era diversa. Ora sappiamo cosa pensare delle parole di Putin. Alcuni hanno provato a cancellare il suo nome dalla bacheca, senza alcun risultato. Tutti e sette la pensano allo stesso modo. Il leader del Cremlino non partecipa a tali incontri dal 2014, quando fu annessa la penisola di Crimea del Mar Nero. Ma in qualche modo Putin è lì – come un’ombra scura sulla vetta nonostante il cielo azzurro e tutto il sole splendente.

Le conferme di Zelenskyj

La sede della conferenza ha un certo grado di influenza russa. L’hotel di lusso “Borgo Egnazia” con le sue 28 ville (prezzo attuale di una camera doppia: 2400 euro) ha ospitato celebrità internazionali di ogni tipo, come Madonna, Justin Timberlake e i Beckham. Fino all’attacco all’Ucraina, anche molti nuovi ricchi russi facevano parte del pubblico regolare. Nessuno viene da lì oggi.

Oggi è venuto in visita Volodymyr Zelenskyj, che attualmente è ospite abituale degli incontri degli stati occidentali. Per il presidente ucraino è valsa sicuramente la pena fare un viaggio in Puglia tra la visita in Arabia Saudita e la conferenza di pace di sabato in Svizzera.

Insieme i sette hanno creato un massiccio pacchetto di aiuti per il suo paese, che sarebbe stato finanziato con gli interessi attivi sui beni statali russi congelati. Solo gli Stati Uniti hanno accettato di stanziare 50 miliardi di dollari, pari a circa 46 miliardi di euro, per il debito previsto. L’obiettivo è garantire che Kiev disponga di liquidità sufficiente per i prossimi anni. Zelenskyj lo ha ringraziato molto calorosamente.

Scholz: 50 miliardi per l’Ucraina

Il cancelliere federale Olaf Scholes ha spiegato il piano come segue: “Il presidente russo ha un piano molto chiaro: vuole portare avanti la sua guerra finché tutti non smettano di sostenere l’Ucraina. Questo piano oggi è fallito”. 50 miliardi contribuiranno a finanziare tutto ciò di cui l’Ucraina ha bisogno militarmente e per la ricostruzione. Resta da chiarire in quale misura Berlino parteciperà.

Putin sicuramente non parteciperà più al G7. Ma qualcun altro potrebbe tornare all’incontro del cinquantesimo anniversario del gruppo l’anno prossimo: Donald Trump. Nonostante tutti gli scandali, l’ex presidente degli Stati Uniti, che venerdì compirà 78 anni, è leggermente avanti rispetto all’attuale presidente Joe Biden nei sondaggi nazionali. Se dovesse ripresentarsi alle elezioni di novembre, il prossimo vertice del G7 sarà sicuramente molto scomodo – per tutti.

Il repubblicano ha voltato le spalle a molti alleati internazionali durante il suo primo mandato, cercando invece di rimanere vicino a Putin e agli altri autocrati e minacciando addirittura di lasciare la NATO. Trump non ha nascosto ciò che intende fare: ridurre drasticamente o porre fine al sostegno a Kiev – e dare a Putin mano libera nel suo lavoro imperialista nel quartiere.

“Il G7 non è una fortezza chiusa”

Ecco perché il G7 sta prendendo precauzioni, compreso tutto il contante. Inoltre, per diversi anni dovrebbe essere stipulato un nuovo accordo bilaterale sulla sicurezza tra gli Stati Uniti e l’Ucraina. Kiev ha già concluso accordi di questo tipo con più di una dozzina di paesi, inclusa la Germania. A nome dell’UE, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen si è nuovamente impegnata a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario.

Mentre i leader del G7 si affrettano a stabilire i fatti prima del ritorno di Trump, Putin sta prendendo tempo. Il leader del Cremlino spera che gli alleati dell’Ucraina si stanchino e che la situazione giri a suo favore se Trump torna. Putin sarà felice di vedere quanto siano deboli la maggior parte dei leader del G7, tra cui Scholes e il presidente francese Emmanuel Macron, nei propri paesi.

Inoltre, sette persone hanno intrapreso per anni una sorta di processo di scoperta di sé. È ovvio che hanno perso importanza con l’ascesa di stati come Cina, India e Brasile. Questo è uno dei motivi per cui venerdì sono stati invitati come ospiti una dozzina di altri capi di Stato e di governo.

Il gruppo non vuole in nessun caso assumere il ruolo di baluardo dell’Occidente. O come ha detto la conduttrice, il primo ministro italiano Giorgia Meloni: “Il G7 non è una fortezza chiusa, deve difendersi da chiunque”.

Venerdì, per la prima volta al G7 dopo quasi mezzo secolo, ci sarà un papa: Francesco arriva in elicottero da Roma per parlare di intelligenza artificiale. Il leader di 1,4 miliardi di cattolici non può fare a meno di dire qualcosa all’alta politica sul tema della guerra e della pace. E forse il Papa offrirà al G7 un incoraggiamento e perfino una benedizione.

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...